Un momento della FASE FINALE DEL TORNEO
Un momento della FASE FINALE DEL TORNEO
Attualità

«Rimettiamoci in gioco Sportivamente»: oggi le premiazioni a Palazzo Gentile

Il torneo di calcetto per le persone con disagio psichico festeggia il suo epilogo nella Sala degli Specchi del Comune

In Puglia, grazie all'impegno dell'ANPIS, sono state avviate negli ultimi 20 anni interessanti esperienze a favore dei cittadini con disturbi e disagi psichici mediante l'ausilio delle discipline sportive. "Rimettiamoci in gioco Sportivamente" è uno dei capisaldi dell'opera sociale svolta dal Comitato Regionale Pugliese. Giunto alla sua 9^ edizione, il torneo di calcetto itinerante vedrà il suo momento conclusivo con la premiazione di squadre e atleti partecipanti, oggi alle 10.30, nella sala degli Specchi del Comune di Bitonto. In programma anche una tavola rotonda, condotta dal giornalista Nicola Lavacca, per un'attenta riflessione in occasione della ricorrenza del quarantennale della legge 180 (13 maggio 1978) detta anche legge Basaglia.

"Rimettiamoci in gioco Sportivamente", che si è svolto in tutta la regione Puglia, dal mese di gennaio a tutto metà maggio 2018, ha riscosso tanto successo con il coinvolgimento di circa 260 atleti psichiatrici, accompagnati da familiari, operatori dei Centri di Salute Mentale, delle cooperative e associazioni delle sei province pugliesi: Ass.Tutti In Palla (Foggia), Coop.Soc.CUS Foggia, CUS Lucera, Ass. Tutti in Volo di Troia (FG), Coop. Soc. Anteo CD Arcobaleno di Deliceto (FG), CD Itaca di Troia (FG), Ass. Gargano 2000 (Giovinazzo), Ass. Anatroccolo (Bitonto), Coop. Soc. Anthropos (Bitonto), Ass. Elos Bitonto, Coop. Soc. L'Adelfia (Alessano), Coop. Soc. Città Solidale (Latiano), Fondazione Beato Bartolo Longo (Latiano) e Coop. Soc. Sol Levante Taurisano (Lecce) e Ortanova (Foggia).«Tutti gli atleti con disabilità mentale – sottolinea Antonio Lo Conte, presidente dell'Anpis Puglia - non solo hanno praticato sport (con partite di andata e ritorno) ma hanno condiviso dei percorsi salutari e turistici nelle città dove si sono disputate le gare. L'attività sportiva ha un gran potenziale socializzante, di divertimento e amicizia, oltre che riabilitativo terapeutico, in quanto sviluppa promozione di turismo sociale accessibile e sostenibile per tutte le persone coinvolgendo con azioni di sensibilizzazione la società civile ad avvicinarsi alla vita e ai bisogni quotidiani delle persone affette da disagi mentali».

La tavola rotonda, organizzata in collaborazione con la Coop. Soc. Anthropos Giovinazzo, sarà arricchita dalla presenza di autorevoli rappresentanti delle Istituzioni, enti e associazioni coinvolti nel progetto, per approfondire i temi legati alla legge Basaglia con la quale l'Italia, unico stato al mondo a farlo, decretò la chiusura definitiva dei manicomi, la fine dei ricoveri per ragioni di sicurezza e la creazione dei servizi territoriali per la salute mentale, alla luce delle linee politiche dettate dall'OMS (Organizzazione Mondiale della Salute) nel documento Salute 2010. Un testo molto importante in cui spicca la necessità di chiamare all'azione. organizzazioni che possono influenzare direttamente o indirettamente la salute: l'agricoltura, la scuola, il turismo, l'urbanistica, i trasporti, lo sport, organizzazioni coinvolte nella salvaguardia dell'ambiente fino a tutto il terzo settore, tradizionalmente lontani dall'ambito strettamente sanitario.

La manifestazione è allo stesso tempo un evento di straordinaria importanza per la nostra Regione e una dimostrazione concreta di come si possa contribuire a migliorare la salute mentale, sia sul versante delle vittime del disagio, sia dalla parte della società che, con i suoi atteggiamenti pregiudizievoli, omissivi e repressivi spesso spinge alla cronicità e alla esclusione, in una spirale contraria ai principi di umanità, di rispetto della dignità della persona, di solidarietà giustizia.
«Chi lavora con persone con disabilità mentale - conclude il presidente Lo Conte - sa bene che il successo dell'azione educativa, formativa e di sensibilizzazione passa attraverso una rete di soggetti che interagiscono tra di loro per il bene della persona interessata: famiglia, scuola, servizi sanitari, enti pubblici. E' così anche nella mission dell'associazione Anpis. Lo è per tutte le attività che programmiamo, in particolare in questo settore delicato perché la salute delle comunità è direttamente legata alla salute mentale».
  • Elos
  • disabilità
  • Polisportiva Disabili Elos
  • Polisportiva Elos
  • Polisportiva Elos Bitonto
  • Cooperativa Anthropos
Altri contenuti a tema
Inclusione sociale, il Comune di Bitonto promuove “Rimettiamoci in gioco Sportivamente” Inclusione sociale, il Comune di Bitonto promuove “Rimettiamoci in gioco Sportivamente” Il torneo di calcetto itinerante coinvolgerà 15 squadre
Abbattimento barriere architettoniche: il Comune chiede indicazioni ai cittadini Abbattimento barriere architettoniche: il Comune chiede indicazioni ai cittadini Tutti i bitontini chiamati a evidenziare le criticità presenti sul territorio comunale attraverso un questionario anonimo
Elos protagonista dello sport paralimpico Elos protagonista dello sport paralimpico Esperienza positiva per Simone Colasuonno ai Mondiali "Virtus" di atletica in Polonia, piazzamento di prestigio per la squadra di calcio a 5 nel torneo "Cagliari no limits"
Elos Bitonto solidarizza con la Sportinsieme Barletta, privata della sede Elos Bitonto solidarizza con la Sportinsieme Barletta, privata della sede Ragioni di sicurezza hanno indotto l'Autorità portuale alla decisione. Il rammarico del club bitontino
Il Comune apre ai disabili il parco urbano di via Togliatti Il Comune apre ai disabili il parco urbano di via Togliatti Restano chiusi tutti gli altri per le restrizioni contro il Covid. De Palma (Welfare): «Una risposta ai cittadini più fragili»
Disabile finisce per strada a Bitonto: occupata dagli abusivi la sua casa Disabile finisce per strada a Bitonto: occupata dagli abusivi la sua casa Ennesimo atto di prepotenza nei confronti dell'uomo che vive in un alloggio popolare
Dalle strade di Bitonto e Palo alle Paralimpiadi: il sogno di Simone Colasuonno Dalle strade di Bitonto e Palo alle Paralimpiadi: il sogno di Simone Colasuonno L'atleta della Polisportiva Elos punta a Tokyo 2021 per misurarsi coi migliori del mondo
Senza Pino Tulipani i disabili pugliesi sono più indifesi Senza Pino Tulipani i disabili pugliesi sono più indifesi Un ricordo in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.