Palombaio scuola
Palombaio scuola
Lavori pubblici

Abbaticchio: «Il Governo taglia i fondi a sicurezza scuole, case popolari e periferie»

Disagi in vista per Bitonto: «Così stop anche ai progetti per le strutture sportive di Mariotto e Palombaio»

Una scelta del Governo nazionale che ha pesanti ricadute negative direttamente sui progetti riservati alla città di Bitonto. Non ha dubbi il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, che ha commentato la decisione del Governo Lega/5Stelle di rivedere, al ribasso per la Puglia, i fondi destinati all'edilizia popolare, alla sicurezza nelle scuole e alla riqualificazione delle periferie.

«In tre mesi – ha detto il primo cittadino - il Governo ha scelto di eliminare i finanziamenti per la sicurezza delle strutture scolastiche, ridurre i fondi per le case popolari al Sud e ieri probabilmente di non continuare nella strategia di riqualificazione delle periferie urbane con i fondi CIPE, che già due anni fa vincemmo con la Città metropolitana di Bari per la nostra zona 167 (le cui opere sono salve perché risultammo primi in Italia nella graduatoria finale)». Decisioni che si ripercuotono direttamente sul territorio bitontino per Abbaticchio, secondo cui «per il nuovo bando nazionale (che ormai non ci sarà più) avevamo progetti pronti per le strutture sportive di Mariotto e Palombaio, ma con queste scelte non sarà più possibile realizzarli».

Anche sull'edilizia residenziale pubblica ci sarebbero grossi problemi. «Stiamo assistendo a un vero e proprio scippo a danni del meridione, Puglia in primis – ha detto Giuseppe Nitti, collega di partito in Italia in Comune di Abbaticchio e sindaco di Casamassima - egli 86 milioni di fabbisogno accertato per la nostra Regione per la ristrutturazione degli alloggi popolari, il ricomputo ne ha stralciati 13 che finiranno, invece, soprattutto a Lombardia e Veneto. Ora, la beffa: nel nuovo decreto di riparto assistiamo a ulteriori defalcazioni in favore di interventi previsti altrove, dove l'emergenza abitativa è obiettivamente più contenuta».

Stando a quanto riferiscono dal "partito dei sindaci", «nell'iniziale bozza di riparto la Regione Puglia certificava un fabbisogno di 86 milioni, scesi, poi, a poco meno di 73. Ora, il riparto previsto dal decreto ministeriale è di 19,7 milioni, con una 'sparizione' di oltre 66 milioni rispetto al fabbisogno iniziale che colloca la Puglia tristemente come la regione più pregiudicata in assoluto dal provvedimento, a fronte del fatto, peraltro, di avere un altissimo numero di alloggi ERP che necessitano di interventi (è seconda solo al Piemonte)».

«In Pugliaci sono oltre 4000 alloggi di edilizia residenziale pubblica che necessitano di ristrutturazione – fa notare il coordinatore regionale di ItC, Vincenzo Gesualdo - in Lombardia poco meno di 700 ed in Veneto addirittura zero. La Lombardia aveva un fabbisogno in tal senso di 7 milioni di euro. Anche grazie a questo 'regalo' della generosa Puglia, se ne vedrà riconoscere 57! E il Veneto è passato da 0 a 21 milioni! Un aumento ingiustificato, sconcertante e lesivo, ancora una volta, delle aree che ne hanno realmente necessità!».

Per Abbaticchio poi «il provvedimento ha due grosse 'falle': la prima, di legittimità, dal momento che non tiene affatto conto dell'intesa raggiunta lo scorso 26 luglio, quando gli Enti territoriali avevano stabilito le modalità della ripartizione delle somme. La seconda è che non si fa alcun distinguo tra i gradi di criticità degli interventi per regione».

  • palombaio
  • Mariotto
  • Michele Abbaticchio
  • Italia in Comune
Altri contenuti a tema
Ponte fermo sulla SP 231, Calò: «Inadempienze della ditta» Ponte fermo sulla SP 231, Calò: «Inadempienze della ditta» Il cantiere aperto 5 anni fa ha completato solo il 60% dell’opera. Ma per l’azienda è colpa delle istituzioni
Sospesi i maggiori oneri per gli imprenditori della zona artigianale di Bitonto Sospesi i maggiori oneri per gli imprenditori della zona artigianale di Bitonto Abbaticchio: «Tutto fermo finchè non saranno date risposte alle eccezioni sollevate dal comitato della PIP»
Una casa per malati di tumore dedicata al musicista bitontino Vito Vacca Una casa per malati di tumore dedicata al musicista bitontino Vito Vacca Nascerà a Bari grazie all’associazione Maria Maugeri. Sabato la presentazione della struttura
Al Traetta di Bitonto i danzatori del Network Internazionale Danza Puglia Al Traetta di Bitonto i danzatori del Network Internazionale Danza Puglia Una performance artistica a margine dei workshop in programma a Bari. Mercoledì la conferenza stampa
1 Semafori spenti e incidenti a Bitonto: il comitato Nova Via chiede interventi urgenti Semafori spenti e incidenti a Bitonto: il comitato Nova Via chiede interventi urgenti Mangini: «Nessuno li vuole rotti e servono molti soldi. I tempi delle Pubbliche Amministrazioni sono lunghi»
Migranti in pericolo su via S.Spirito, Natilla: «Non doveva accadere» Migranti in pericolo su via S.Spirito, Natilla: «Non doveva accadere» L’ex consigliere comunale chiede un intervento immediato per scongiurare incidenti
Rifiuti abbandonati nelle campagne: «Più risorse dalla Regione per pattugliare i territori» Rifiuti abbandonati nelle campagne: «Più risorse dalla Regione per pattugliare i territori» La proposta di Italia in Comune che chiede finanziamenti per progetti di tutela con l’impiego di Polizia Municipale, Guardie campestri e nuove risorse
Lacrime e commozione ieri a Palombaio per i funerali dei due giovani morti in un incidente Lacrime e commozione ieri a Palombaio per i funerali dei due giovani morti in un incidente Il sindaco: «Non ci sono parole adeguate, non ci sono pensieri opportuni»
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.