Una pianta di ulivo
Una pianta di ulivo
Cultura, Eventi e Spettacolo

Parte oggi la Summer School ‘Storia e innovazione nella filiera olivicola-olearia’ 

Dal 19 al 23 luglio cinque moduli di lezioni che si svolgeranno al FABLAB di Bitonto

Parte oggi ​la Summer School 'Storia e innovazione nella filiera olivicola-olearia' che si svolgerà dal 19 al 23 luglio 2021 presso il FABLAB di Bitonto, con il coordinamento del Dipartimento di Studi Umanistici (DISUM) e con la supervisione del Dipartimento Scienze Agro-ambientali e Territoriali (DISAAT) dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro e grazie, ancora una volta, alla partnership dell'Accademia Nazionale dell'Olio e dell'Olivo di Spoleto. La proposta progettuale EΛAIA OLEA OLIVA - Coltura dell'olivo e cultura dell'olio d'oliva in Terra di Bari (acronimo 'O L E A': Oil Learning Experience in Apulia), candidata e finanziata da 'Avviso pubblico per presentare iniziative progettuali riguardanti le attività culturali' bandito dalla Regione Puglia e sostenuto dal FSC-Fondo di Sviluppo e Coesione 2014/2020 'Patto per la Puglia', è giunta alla terza annualità.

La Summer School si propone come strumento operativo nel settore della formazione universitaria superiore per la preparazione di figure professionalmente qualificate a operare nel campo della filiera olivicolo-olearia, con particolare specializzazione per gli aspetti della produzione di olio e di olive da mensa a basso impatto ambientale e di elevata qualità in ambiente mediterraneo. In sintesi, gli obiettivi formativi sono: approfondire i caratteri storico-figurativi sulla coltura elaicola in Puglia e nel Mediterraneo; conoscere le innovazioni introdotte nella olivicoltura, soprattutto relative a nuovi sistemi di meccanizzazione in chiave sostenibile; analizzare gli aspetti di innovazione tecnologica applicati nella olivicoltura moderna e focalizzati sulla resa e sulla qualità del prodotto finale; focalizzare gli aspetti salienti della commercializzazione del 'prodotto olio', proponendo elementi di marketing, comunicazione e dinamiche di mercato; dibattere con rappresentanti del mondo istituzionale sulle politiche per la gestione ottimale ed efficace della filiera e del paesaggio olivicoli, anche in riferimento alla promozione turistica del territorio.

Cinque i moduli distribuiti tra mattina e pomeriggio nella doppia modalità 'on-line' e 'in presenza', ognuno con un parterre di relatori di indiscusso spessore:

Tradizione mediterranea: coltura elaicola, declinata anche in chiave figurativa e manifatturiera, da parte di docenti delle Università di Bari Aldo Moro e di Bordeaux Montaigne (C. Silvio Fioriello, Angela Diceglie, Paola Palmentola - Francis Tassaux - Pasquale Cordasco - Annastella Carrino, Federico Palmieri - Rosanna Bianco - Antonio Monte)
Innovazione colturale: meccanizzazione moderna e gestione sostenibile della filiera olivicolo-olearia presentate da docenti delle Università di Bari, Palermo, Perugia (Tiziano Caruso - Franco Famiani - Alessandro Vivaldi - Primo Proietti - Salvatore Camposeo)
Innovazione e tecnologia: paesaggio storico, organizzazione degli spazi rurali, tecniche di risonanza nucleare applicate all'olio EVO proposti da docenti delle Università di Bari, del Salento, della Tuscia (Rosario Muleo - Raffaele Sacchi - Giuseppe Ruggiero - Maria Luisa Clodoveo - Francesco Paolo Fanizzi)
Commercializzazione e impresa: argomenti che spaziano dal packaging alla stampa 3D applicata all'olio, dal marketing alla comunicazione, affrontati da esperti del settore (Nicola Parisi - Benedetto Fracchiolla - Luigi Caricato - Pasquale Manca)
Mission possibile?: sessione finale che, alla presenza e col contributo di rappresentanti del mondo politico locale e regionale, intende raccordare i contenuti rappresentati mediante la sintesi propositiva operata da Riccardo Gucci, presidente dell'Accademia Nazionale dell'Olio e dell'Olivo di Spoleto.
Durante l'iniziativa formativo-seminariale sarà altresì possibile visitare la ricca e articolata esposizione didattica Ole@Exhibition, curata dal 'Progetto OLEA' e imbastita a disegnare un ampio racconto della tradizione olivicolo-olearia che segna l'esperienza agraria, la vicenda quotidiana, il vissuto socio-economico e il carattere atavico della Puglia in un orizzonte esteso al bacino mediterraneo.

Ai corsisti partecipanti verrà fatto dono della pubblicazione coordinata da C. Silvio Fioriello, Luce e olio tra antico e moderno. Le mostre, i cataloghi. 11, Bari [Edipuglia] 2021, che raccoglie l'esito di ricerche e riflessioni condotte da un gruppo di studiosi di discipline complementari sul rapporto polisemico e diacronico definito tra l'illuminazione artificiale e i combustibili a base oleaginosa e affrontato secondo una prospettiva storica, archeologica, socio-culturale.
  • Cooperativa Ulixes
Altri contenuti a tema
A Bitonto il progetto E-CTION! A Bitonto il progetto E-CTION! Azioni rivolte alle scuole per diffondere i valori e le buone pratiche previste dal “goal” n. 12 dell’Agenda 2030 ONU
La Cooperativa Ulixes impegnata in ‘Santeramo Città che Legge’ La Cooperativa Ulixes impegnata in ‘Santeramo Città che Legge’ Lo scorso venerdì il secondo Aperibook con i ‘Viaggi Bianchi’ di Jean Paul Stanisci
Stasera una performance interattiva promossa dalla Cooperativa Ulixes Stasera una performance interattiva promossa dalla Cooperativa Ulixes Il Chiostro della Chiesa di San Domenico di Bitonto ospiterà Giovanni Careccia e Lorenzo Mondelli
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.