I morti della Grande Guerra
I morti della Grande Guerra
Cultura, Eventi e Spettacolo

Lorenzo Del Boca a Bitonto sulla Grande Guerra

«Quella strage fu soprattutto dei meridionali»

1918–2018. Cento anni fa, si concludeva la Grande Guerra, portandosi dietro un terribile bilancio di morte e distruzione. Anche tra le file dell'esercito italiano, dove una buona percentuale di vittime fu composta da meridionali, chiamati a combattere per motivi a loro ignoti, insieme a gente di cui non capivano la lingua, contro nemici altrettanti ignoti.

Ne parlerà oggi, a Bitonto, Lorenzo Del Boca, in occasione dell'incontro "Il contributo del Sud alla Grande Guerra". Un evento a cura del Centro Ricerche di Storia e Arte Bitontine con la collaborazione del Comitato "Bitonto Onora I Suoi Caduti" e il patrocinio del Comune di Bitonto. L'appuntamento è alle 18 presso la Biblioteca Comunale "E. Rogadeo".
Dialogherà con l'autore il giornalista Marino Pagano. Interverranno Stefano Milillo, presidente del Centro Ricerche e il vicesindaco Rosa Calò. La mattina l'autore sarà anche ospite del Liceo Scientifico "Galileo Galilei" di Bitonto per una discussione coi ragazzi attorno al suo libro.

Autore di numerosi saggi di ricerca storiografica, presidente dell'Ordine nazionale dei Giornalisti dal 2001 al 2010, Lorenzo Del Boca ha scritto ultimamente "Il sangue dei terroni", in cui affronta proprio il tema dei tanti meridionali costretti a partire per combattere e morire senza che neanche conoscere le ragioni.

«Un'intera generazione spazzata via. Figli del Meridione, contadini poveri, braccianti, piccoli artigiani, quasi per metà analfabeti, giovani di vent'anni che furono strappati alle loro famiglie e alla loro terra e mandati a morire in lande remote, tra montagne da incubo e pianure riarse. Si sacrificarono per gli interessi di quelle élite economiche che sfruttavano la loro terra, succhiandone le energie e rapinandone le risorse, e per il tornaconto di una nuova classe politica che li trattava con ferocia o disprezzo. Finirono a decine di migliaia nelle trincee, stretti nella morsa del fango e del gelo, sotto una pioggia perenne di bombe. Diventarono carne da cannone, numeri da inserire nelle statistiche dello Stato Maggiore, bandierine che i generali spostavano sulle mappe con noncuranza. Vennero massacrati sull'Isonzo e a Caporetto, combatterono con disperazione e con valore sul Piave, lanciati da ufficiali balordi o criminali contro un nemico che non conoscevano e che non avevano motivo di odiare. Conobbero la paura, la morte, l'eroismo. Erano i nostri nonni, i nonni del nostro Sud», scrive l'autore.
  • Centro Ricerche Storia e Arte - Bitonto
  • I Guerra Mondiale
  • Prima Guerra Mondiale
  • Grande Guerra
  • Marino Pagano
Altri contenuti a tema
Bitonto e la Città dell'Utopia, Campomaggiore, unite nel segno della famiglia Rendina Bitonto e la Città dell'Utopia, Campomaggiore, unite nel segno della famiglia Rendina Il 14 luglio una giornata di studio e rievocazione storica nel comune lucano col sindaco Abbaticchio e studiosi bitontini
Il noir “Inseguire un fantasma” approda oggi a Bitonto Il noir “Inseguire un fantasma” approda oggi a Bitonto L'autore Natale Cassano ospite del Centro Studi Degennaro
Gli alunni del comprensivo Modugno-Rutigliano-Rogadeo in scena contro eccidi ed estremismi Gli alunni del comprensivo Modugno-Rutigliano-Rogadeo in scena contro eccidi ed estremismi Uno spettacolo di studenti e docenti nell’ambito della rassegna teatrale del comune di Bitonto “Memento”
Un nuovo monumento ai caduti a Bitonto: martedì la presentazione del progetto Un nuovo monumento ai caduti a Bitonto: martedì la presentazione del progetto Saranno illustrati durante la rassegna dedicata ai genocidi di tutte le guerre “Memento”
Nel weekend arrivano a Bitonto i Briganti di Mimmo Mancini e Paolo De Vita Nel weekend arrivano a Bitonto i Briganti di Mimmo Mancini e Paolo De Vita I due attori raccontano a loro modo la questione meridionale
Il giornalista bitontino Marino Pagano premiato a Roma per l’impegno nella tutela di borghi e province Il giornalista bitontino Marino Pagano premiato a Roma per l’impegno nella tutela di borghi e province Il riconoscimento è arrivato dall’associazione ambientalista Movimento Azzurro
‘Verità e menzogne sul brigantaggio’: domani a Bitonto la presentazione del libro ‘Verità e menzogne sul brigantaggio’: domani a Bitonto la presentazione del libro Gaetano Marabello ospite al Centro Studi Degennaro per parlare della sua sanguinosa repressione
“Francesco Birardi. Un liceale bitontino alla Grande Guerra” “Francesco Birardi. Un liceale bitontino alla Grande Guerra” Domani la presentazione nella Galleria De Vanna dell’inedito libro di Vincenzo Robles e Nicola Pice
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.