Domenico Conte
Domenico Conte
Cronaca

Conte in fuga, le forze dell'ordine: «Attenzione, è pericoloso»

Il boss è munito di passaporto ma, per gli investigatori, il 48enne non sarebbe lontano

È riuscito a fuggire prima che arrivassero gli uomini della Polizia di Stato ed i Carabinieri i quali avrebbero dovuto notificargli l'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal giudice per le indagini preliminari Giovanni Anglana. E dal 20 aprile scorso, quindi, è caccia al boss.

Domenico Conte, 48 anni, a capo dell'omonimo clan attivo nella zona 167, è accusato dell'omicidio dell'84enne Anna Rosa Tarantino, la passante rimasta uccisa il 30 dicembre dello scorso anno durante un regolamento di conti nella città vecchia, e del tentato omicidio di Giuseppe Casadibari, 20enne affiliato al clan rivale dei Cipriano, egemone nel centro storico, che sarebbe stato il vero obiettivo dell'agguato, con l'aggravante del metodo mafioso.

Queste le accuse contestate a «Mimm u' negr», arrestato nel 2004, nel corso dell'operazione "Harvest", e da allora, dopo un periodo di detenzione, tornato libero nel 2007, forte di una sentenza di assoluzione per associazione mafiosa, e ad uno dei suoi sodali, il 27enne bitontino Alessandro D'Elia, ritenuto dagli inquirenti il messaggero dell'ordine dato dal boss di «sparare a chiunque fosse capitato a tiro» del gruppo dei Cipriano.

Secondo i pm Ettore Cardinali e Marco D'Agostino, sulla base soprattutto delle dichiarazioni dei due presunti esecutori materiali dell'omicidio, Rocco Papaleo e Michele Sabba, da alcune settimane collaboratori di giustizia, Conte (sfuggito alla cattura e attualmente ricercato) sarebbe stato il mandante del delitto e D'Elia il messaggero dell'ordine. Ricostruzione che il 27enne ha negato.

Stando all'imputazione formulata dai pm baresi, i due presunti killer Sabba e Papaleo avrebbero agito «su espresso mandato di Conte e avvisati da d'Elia, il quale aveva riferito che il boss aveva ordinato, per reagire alla sparatoria subita qualche minuto prima, di sparare a chiunque avessero incontrato dei Cipriano», in una faida cominciata per i furti di ferro e poi proseguita con i contrasti per la gestione delle piazze di spaccio.

E se D'Elia è stato arrestato il 20 aprile, quando è scattato il blitz congiunto di Polizia di Stato e Carabinieri, Conte non è stato trovato nella sua abitazione di via Isonzo: alle forze dell'ordine ha aperto la moglie, incinta, mostrando il letto vuoto e la stanza in cui dormivano i due figli della donna. Lui, avendo evidentemente sentito puzza di bruciato dopo i pentimenti di Vito Antonio Tarullo, oltre a quelli di Papaleo e Sabba, era scappato e adesso si nasconde.

Polizia di Stato e Carabinieri lo stanno cercando a Bitonto e nell'hinterland barese ma le ricerche sono estese ovunque, mentre la manovalanza del clan è tenuta sotto controllo: il boss è munito di passaporto ma, per gli investigatori, il 48enne non sarebbe lontano.
  • Clan Conte Bitonto
  • Omicidio Tarantino Bitonto
  • Anna Rosa Tarantino
  • Michele Sabba
  • Rocco Papaleo
  • Domenico Conte
  • Alessandro d'Elia
Altri contenuti a tema
«Non gli bastava avvelenare i ragazzi con la droga, dovevano sparare fino ad ammazzare un innocente» «Non gli bastava avvelenare i ragazzi con la droga, dovevano sparare fino ad ammazzare un innocente» Nel corso della requisitoria, i pubblici ministeri hanno ricostruito la storia dei due clan in guerra, i Conte e i Cipriano
Anziana uccisa per errore a Bitonto, la Procura Antimafia chiede 9 condanne Anziana uccisa per errore a Bitonto, la Procura Antimafia chiede 9 condanne Richieste pene comprese tra i 20 e i 3 anni di reclusione nei confronti dei presunti responsabili delle 4 sparatorie
Domenica Bitonto ricorda Anna Rosa Tarantino, vittima innocente della follia criminale Domenica Bitonto ricorda Anna Rosa Tarantino, vittima innocente della follia criminale In programma una fiaccolata nei luoghi dell’omicidio e la dedica delle celebrazioni nelle chiese bitontine
Omicidio Tarantino, FAI Antiracket: «Ottimo risultato la costituzione di parte civile» Omicidio Tarantino, FAI Antiracket: «Ottimo risultato la costituzione di parte civile» La sezione bitontina dell’associazione soddisfatta per il risultato raggiunto
Omicidio Tarantino: accolta la richiesta di costituzione di parte civile del Comune di Bitonto Omicidio Tarantino: accolta la richiesta di costituzione di parte civile del Comune di Bitonto La decisione è arrivata durante l’udienza preliminare nell’aula bunker di via Planelli
Agguati per il controllo della droga, 7 condanne nei clan Conte e Cipriano Agguati per il controllo della droga, 7 condanne nei clan Conte e Cipriano La pena più alta (10 anni e 2 mesi) a Giuseppe Antuofermo. Riconosciuta per tutti l'aggravante mafiosa
L’associazione Antiracket di Bitonto parte civile nel processo contro gli assassini di Anna Rosa Tarantino L’associazione Antiracket di Bitonto parte civile nel processo contro gli assassini di Anna Rosa Tarantino L’udienza preliminare si terrà il prossimo 19 dicembre nell’aula bunker del Tribunale
Estetista ferita per errore. Le immagini del raid del 14 marzo scorso Estetista ferita per errore. Le immagini del raid del 14 marzo scorso Obiettivo dell'agguato, avvenuto nei vicoli del centro storico, era un esponente del clan Cipriano
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.