Una delle Tele delle Vergini
Una delle Tele delle Vergini
Cultura, Eventi e Spettacolo

Sei tele del Monastero delle Vergini a rischio. Pice: «Necessario restauro»

Abbaticchio: «Regione, Soprintendenza e Fondazione Caripuglia la soluzione»


Sei tele seicentesche incastonate nel coro ligneo del Monastero delle Vergini di Bitonto rischiano di essere irreparabilmente danneggiate dal tempo. A denunciarlo è l'ex sindaco di Bitonto, nonché uomo di cultura, Nicola Pice, che ha chiesto l'intervento dell'amministrazione e del consiglio comunale per tutelare questo bene. Trovando la disponibilità a cercare una soluzione da parte del sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio.

«Tutte inedite - spiega Pice - esse si lasciano ricondurre a Carlo Rosa o comunque alla sua bottega. Questi dipinti, corredati da importanti cornici lignee intagliate e dorate, versano in precario stato di conservazione e necessitano di un intervento di restauro conservativo ed estetico, atto a liberare la pellicola pittorica dalle ossidazioni delle vernici e a restituire luminosità alla delicatezza dei colori e delle figure. Gran bella cosa sarebbe se la collettività bitontina, l'Amministrazione e il Consiglio Comunale, si facessero carico di tale intervento di restauro: questa, sì, sarebbe una vera operazione culturale di lunga durata con attrazione di ulteriore interesse e attrazione turistica per la nostra città, che è stata la fucina di Carlo Rosa».

«Questo dipinto – si legge nello scritto dell'ex sindaco - raffigura il Matrimonio mistico di Santa Caterina di Alessandria, la vergine cristiana, solitaria e pensosa, dedita a speculazioni filosofiche. Essa era la controfigura cristiana di Ipazia, la celebre filosofa pagana, gloria della scuola alessandrina, assalita per strada da una turba di cristiani fanatici che dilaniarono il suo corpo, facendolo a pezzi col taglio di grosse conchiglie. Per sommergere il ricordo di Ipazia, avanzò tra le sabbie egiziane un'altra vergine filosofa, appunto Caterina, anche essa insigne, ma cristiana. Su di lei era sorta la leggenda che, convertita da un eremita, era stata pagana e di classe aristocratica, se non regale; poi i pagani l'avevano uccisa, dopo che da sola aveva tenuto testa ad una cinquantina di filosofi pagani mandati a lei per turbarne la fede e la mente dall'imperatore Massenzio. La scena del nostro dipinto mostra un pezzo della leggenda popolare, ossia il momento in cui Caterina, ancora adolescente, ha una visione, quella di Gesù bambino che nelle braccia della Vergine le infila nel dito un prezioso anello, facendola sua sposa. In questa narrazione di sapore fiabesco, delicati appaiono il gioco delle linee, l'intonazione dei colori, l'efficace contrasto di luminosità. La esecuzione forbita rivela il tocco sicuro dell'artista, attento nella resa dei dettagli: una preziosa descrizione delle vesti, una fitta intersecazione di movenze, un incastro spaziale che frange le luci e interpone le giuste ombre, senza dimenticare il tono intimistico. Insomma, una suggestiva grazia compositiva di sapore classico, lontana dal manierismo barocco, che si realizza compiutamente nella dolcezza dei volti delle figure e nella fluida resa volumetrica dei panneggi. Di certo non si sbaglierebbe nel cogliere un'eco del purismo di Stanzione e la tersa intonazione classicistica di Pacecco».

«Le sei tele del Monastero delle Vergini meritano di essere conosciute ed ammirate – propone Pice - magari esposte in una mostra (Conversano docet) negli spazi espositivi della Galleria Nazionale o del Museo Diocesano prossimo all'apertura: il loro recupero spetta a noi, non certo alle monache di clausura, che non potrebbero mai sostenere la somma necessaria per il necessario restauro, il cui costo complessivo, come da progetto definito dalla Soprintendenza, si aggira intorno ai cinquantamila euro. Questa sarebbe una azione di indubbio valore culturale per una città che aspira ancora ad essere "capitale della cultura"».

Il suggerimento del primo cittadino è stato quello di «chiedere alla Fondazione Caripuglia il contributo per il restauro di cui trattasi, in occasione del loro bando ancora aperto e con scadenza il primo ottobre».
Il bando però, come fa notare proprio Pice, mette a disposizione solo 60mila euro per tutte le iniziative prese in considerazione e copre solo il 50% dell'investimento necessario.
Un buon punto di partenza, dunque, ma non sufficiente a coprire l'intero costo dell'intervento, che ammonta a circa 50mila euro. Ecco perché il sindaco Abbaticchio ha preso l'impegno di sollecitare «Regione e Soprintendenza perché è davvero interessante».

  • Michele Abbaticchio
  • Nicola Pice
Altri contenuti a tema
'Prima lo sviluppo': Italia in Comune porta il mondo delle imprese a Bari 'Prima lo sviluppo': Italia in Comune porta il mondo delle imprese a Bari Attesi Emiliano, Decaro, Abbaticchio, Viesti, Patroni Griffi e Borracino
Abbaticchio: «Nessuna 'pagnotta' per le civiche confederate a Italia in Comune» Abbaticchio: «Nessuna 'pagnotta' per le civiche confederate a Italia in Comune» Il sindaco di Bitonto chiarisce che «non scompaiono ma proseguono il loro cammino in un progetto più grande»
Italia in Comune ringrazia i consiglieri di Bitonto che hanno aderito e chiede un tavolo di coalizione Italia in Comune ringrazia i consiglieri di Bitonto che hanno aderito e chiede un tavolo di coalizione L'obiettivo è ridiscutere gli assetti politici alla luce delle nuove forze in consiglio
Il sindaco di Bitonto Abbaticchio vicecoordinatore nazionale di Italia in Comune Il sindaco di Bitonto Abbaticchio vicecoordinatore nazionale di Italia in Comune Il primo cittadino: «Un riconoscimento alla straordinaria squadra pugliese. Ora al lavoro per i prossimi impegni»
Il Movimento Tra la Gente si confedera con in Italia in Comune Il Movimento Tra la Gente si confedera con in Italia in Comune La lista civica nata con le amministrative del 2017 porta i consiglieri Gesualdo e Abbatantuono nel partito di Pizzarotti
Chi rappresentano ora gli assessori della giunta Abbaticchio? Chi rappresentano ora gli assessori della giunta Abbaticchio? Dopo i numerosi ingressi in maggioranza e l'irruzione in consiglio di Italia in Comune attese novità anche in giunta
Addio a Rosaria Devanna: a lei si deve la Galleria Nazionale che porta il suo nome Addio a Rosaria Devanna: a lei si deve la Galleria Nazionale che porta il suo nome La donazione sua e di suo fratello Girolamo ha dato origine a Bitonto a uno dei più importanti musei del Mezzogiorno
La Proloco riapre i battenti a Bitonto con un nuovo direttivo La Proloco riapre i battenti a Bitonto con un nuovo direttivo Oggi la presentazione dei nuovi componenti
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.