Uno degli ulivi secolari di Gino Ancona dati alle fiamme
Uno degli ulivi secolari di Gino Ancona dati alle fiamme
Cronaca

Incendiati gli ulivi di Gino Ancona: «Gesto intimidatorio per le mie posizioni sulla xylella»

In fumo anche alcuni alberi secolari. Danni per migliaia di euro

Ammontano a più di 10mila euro i danneggiamenti subiti da Gino Ancona, anarchico bitontino e da sempre simbolo di protesta contro gli scempi del patrimonio culturale e ambientale, a causa dell'incendio del suo uliveto subito nei giorni scorsi.

Ad andare in fumo una decina di alberi, alcuni dei quali anche secolari, del suo fondo, in contrada Lama di Viddi, nei pressi dell'intersezione fra via vecchia Molfetta e la poligonale di Bitonto. Il gesto dovrebbe risalire ad alcuni giorni fa, quasi certamente il 13 giugno scorso, ed è certamente di natura dolosa. Le piante sono infatti state date alle fiamme una per una e sul terreno non ci sono tracce della propagazione del fuoco attraverso l'erba che è rimasta intatta.

«Si tratta di un evidente gesto intimidatorio – è certo Gino Ancona – visto che sono in ottimi rapporti con tutti gli altri proprietari dei terreni confinanti. Un attacco arrivato a una settimana esatta dal mio intervento a Bitonto durante una manifestazione pubblica a Palazzo Gentile sulla xylella in cui ho duramente attaccato le tesi esposte da alcuni dei relatori, che si esprimevano su temi in realtà ancora sotto la lente della magistratura».
«Il mio intervento fu interrotto più volte – si legge nel testo della denuncia presentata dalla vittima ai Carabinieri di Bitonto – da chi probabilmente ha più interesse nella fantomatica emergenza che nel cercare soluzioni».

Sul luogo dell'incendio è giunta anche una pattuglia dei militari della stazione di Bitonto che hanno effettuato i rilievi del caso, anche se risalire ai responsabili sarà impresa ardua.
«Gente che non si fa scrupolo nemmeno di aggredire le ricchezze di questo sito archeologico (nel fondo ci sono i resti di quello che sembra un vecchio complesso monastico trecentesco, n.d.r.) – commenta Ancona – rende bene l'idea di quali tipi di personaggi siano coinvolti in queste faccende».

L'anarchico ha poi duramente stigmatizzato l'utilizzo dei ragazzi del liceo «per sponsorizzare, con la complicità delle organizzazioni di categoria, apertamente in altre manifestazioni l'utilizzo del glifosato, uno dei più dannosi veleni mai usati in campo agricolo. D'altronde è ormai risaputo che, solo a Bitonto, il 65% delle coltivazioni sono dichiarate "biologiche" per una questione di fondi pubblici ma usano le peggiori schifezze», conclude Ancona.
  • Incendio
  • Carabinieri Bitonto
Altri contenuti a tema
Una pistola pronta a sparare nascosta in una “cupa” del centro storico di Bitonto Una pistola pronta a sparare nascosta in una “cupa” del centro storico di Bitonto Insieme all’arma, i Carabinieri hanno trovato anche il materiale per il confezionamento della droga
Furto in un capannone nella zona industriale di Bitonto: arrestato un 43enne Furto in un capannone nella zona industriale di Bitonto: arrestato un 43enne È stato tradito dalle telecamere di videosorveglianza che aveva provato a sabotare
2 Rifiuti tossici a fuoco alla periferia di Bitonto Rifiuti tossici a fuoco alla periferia di Bitonto Sul posto i volontari dei SASS. Fare Verde: «Dove sono i controlli e le fototrappole?»
Caccia con mezzi illeciti nelle campagne di Bitonto: denunciati 3 campani Caccia con mezzi illeciti nelle campagne di Bitonto: denunciati 3 campani Sono stati fermati dai Carabinieri della Forestale in una zona all’interno del Parco dell’Alta Murgia
Fuggono in scooter e seminano il panico. Arrestati dai Carabinieri Fuggono in scooter e seminano il panico. Arrestati dai Carabinieri Un 18enne ed un 19enne, fermati dopo aver tentato di investire i militari, sono stati posti ai domiciliari
In giro in autocarro, ma con la patente mai conseguita: arrestato sorvegliato speciale In giro in autocarro, ma con la patente mai conseguita: arrestato sorvegliato speciale I Carabinieri lo hanno preso in via Cela e posto ai domiciliari: sarà processato per direttissima
Evade dai domiciliari scappando dal centro di cura di Bitonto in cui viveva: arrestato 38enne Evade dai domiciliari scappando dal centro di cura di Bitonto in cui viveva: arrestato 38enne I Carabinieri lo hanno bloccato in stazione mentre tentava di raggiungere Bari
Furti e rapine in provincia, primo arresto. È un 25enne di Bitonto Furti e rapine in provincia, primo arresto. È un 25enne di Bitonto L'uomo, Arcangelo Cassano, è un componente di una banda che agiva tra Corato e Modugno. Si cercano i complici
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.