Uno degli ulivi secolari di Gino Ancona dati alle fiamme
Uno degli ulivi secolari di Gino Ancona dati alle fiamme
Cronaca

Incendiati gli ulivi di Gino Ancona: «Gesto intimidatorio per le mie posizioni sulla xylella»

In fumo anche alcuni alberi secolari. Danni per migliaia di euro

Ammontano a più di 10mila euro i danneggiamenti subiti da Gino Ancona, anarchico bitontino e da sempre simbolo di protesta contro gli scempi del patrimonio culturale e ambientale, a causa dell'incendio del suo uliveto subito nei giorni scorsi.

Ad andare in fumo una decina di alberi, alcuni dei quali anche secolari, del suo fondo, in contrada Lama di Viddi, nei pressi dell'intersezione fra via vecchia Molfetta e la poligonale di Bitonto. Il gesto dovrebbe risalire ad alcuni giorni fa, quasi certamente il 13 giugno scorso, ed è certamente di natura dolosa. Le piante sono infatti state date alle fiamme una per una e sul terreno non ci sono tracce della propagazione del fuoco attraverso l'erba che è rimasta intatta.

«Si tratta di un evidente gesto intimidatorio – è certo Gino Ancona – visto che sono in ottimi rapporti con tutti gli altri proprietari dei terreni confinanti. Un attacco arrivato a una settimana esatta dal mio intervento a Bitonto durante una manifestazione pubblica a Palazzo Gentile sulla xylella in cui ho duramente attaccato le tesi esposte da alcuni dei relatori, che si esprimevano su temi in realtà ancora sotto la lente della magistratura».
«Il mio intervento fu interrotto più volte – si legge nel testo della denuncia presentata dalla vittima ai Carabinieri di Bitonto – da chi probabilmente ha più interesse nella fantomatica emergenza che nel cercare soluzioni».

Sul luogo dell'incendio è giunta anche una pattuglia dei militari della stazione di Bitonto che hanno effettuato i rilievi del caso, anche se risalire ai responsabili sarà impresa ardua.
«Gente che non si fa scrupolo nemmeno di aggredire le ricchezze di questo sito archeologico (nel fondo ci sono i resti di quello che sembra un vecchio complesso monastico trecentesco, n.d.r.) – commenta Ancona – rende bene l'idea di quali tipi di personaggi siano coinvolti in queste faccende».

L'anarchico ha poi duramente stigmatizzato l'utilizzo dei ragazzi del liceo «per sponsorizzare, con la complicità delle organizzazioni di categoria, apertamente in altre manifestazioni l'utilizzo del glifosato, uno dei più dannosi veleni mai usati in campo agricolo. D'altronde è ormai risaputo che, solo a Bitonto, il 65% delle coltivazioni sono dichiarate "biologiche" per una questione di fondi pubblici ma usano le peggiori schifezze», conclude Ancona.
  • Incendio
  • Carabinieri Bitonto
Altri contenuti a tema
1 Ritrovata l'auto dell'anziano in cerca del suo cane, ma dell'animale nessuna traccia Ritrovata l'auto dell'anziano in cerca del suo cane, ma dell'animale nessuna traccia Il ladro l'ha fatta ritrovare insieme al cane, che però si è allontanato prima dell'arrivo delle Forze dell'Ordine
Rissa a Porta la Maja: botte fra un extracomunitario e un giovane bitontino Rissa a Porta la Maja: botte fra un extracomunitario e un giovane bitontino Uno dei due inveisce anche contro le Forze dell'Ordine, che riportano la calma
Brigadiere dei Carabinieri di Bitonto fuori servizio sventa una rapina a Bari Brigadiere dei Carabinieri di Bitonto fuori servizio sventa una rapina a Bari In due hanno fatto irruzione armati di taglierino, ma sono stati messi in fuga dal militare. Quindi si sono dileguati
Inseguimento da film sulla Sp 231: arrestati 3 bitontini Inseguimento da film sulla Sp 231: arrestati 3 bitontini Erano in trasferta a Corato con centraline e arnesi da scasso per il furto di auto
Minacce ed estorsioni al gestore di un distributore di Bitonto: in manette tre persone Minacce ed estorsioni al gestore di un distributore di Bitonto: in manette tre persone Uno dei tre aveva preteso il ritiro della denuncia presentandosi con una tanica di benzina
In trasferta a Terlizzi per rubare cavi di rame. Arrestati due bitontini In trasferta a Terlizzi per rubare cavi di rame. Arrestati due bitontini Sono stati presi con le mani nel sacco, ieri sera, dai Carabinieri. Recuperate anche tronchesi ed un'accetta
Si stringe il cerchio attorno alla banda della BMW Si stringe il cerchio attorno alla banda della BMW I Carabinieri trovano in un capannone abbandonato lungo la strada provinciale 231 altre due BMW rubate
Era Bitonto la base della banda della BMW sgominata a Capurso Era Bitonto la base della banda della BMW sgominata a Capurso Due Carabinieri feriti dopo uno speronamento durante l'inseguimento del malviventi. Il video dell'operazione
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.