Giancane e Pagano con alcuni dei poeti dei due volumi
Giancane e Pagano con alcuni dei poeti dei due volumi
Cultura

Il ricordo che genera versi: le raccolte di Giancane presentate nei giorni scorsi al Salotto Letterario

«Non dileguare ricordo, rimani» e «Di questi anni io canto» protagoniste di una serata all’insegna della ‘buona poesia’

Nei giorni scorsi a Bitonto, presso il Salotto Letterario Degennaro, sono stati presentati i volumi di poesia "Non dileguare ricordo, rimani» e «Di questi anni io canto», a cura di Daniele Giancane, professore emerito all'Università di Bari, autore di oltre cento libri di poesia, narrativa, critica letteraria e curatore di molte antologie. Dirige da trent'anni il gruppo letterario-poetico-teatrale e la relativa rivista "La Vallisa". Ricco il novero degli autori dei testi contenuti nelle due raccolte: Enrico Bagnato, Olimpia Binetti, Rosa Costantino, Valerio D'Angela, Iole de Pinto, Franco Di Gioia, Elena Diomede, Maurizio Evangelista, Dina Ferorelli, Anna Gramegna, Renato Greco, Ioanna Kalinowaska, Maria Pia Latorre, Agim Mato, Marino Pagano e Rosa Spera.
«Le tematiche delle poesie sono numerose – ha spiegato il giornalista Marino Pagano, moderatore della serata e coautore dei volumi - l'amore contro la degenerazione politica, il sé rasserenato, la quotidianità del vivere, il triste destino dei clochard e dei migranti, il futuro dell'umanità, la dimensione esterna e interna dell'uomo, il rapporto ancestrale con la terram, il mistero, la musicalità della parola, il girovagare e il mettere radici, il difficile rapporto uomo-donna e la fuga nella poesia, il paragone con gli elementi della natura, sovente più longevi dell'essere umano. Ma l'originalità è anche nei titoli dei "Quaderni della Buona Poesia" ispirati rispettivamente ai titoli di due importanti poeti quali Juan Ramón Jiménez e Walt Whitman. Perché "buona poesia"? È "buona poesia", perché non è quella che, attraverso un compenso per il diritto d'autore e per le stampe, si dichiara tale, come è la prassi di alcuni editori moderni, senza passare al vaglio di validi critici», ha concluso Pagano.
«La filosofia e la scienza cercano di spiegare il mondo, invece la poesia è l'intuizione del mondo – ha raccontato Giancane - la poesia è buona quando contagia gli spettatori in un'unica emozione. Nella quotidianità usiamo un linguaggio denotativo, una banalità nel parlare. La poesia, al contrario, è polisemia, una varietà di significati. Essa è una forma di resistenza alla comunicazione banale». «La poesia – ha aggiunto l'autore citando anche Pegorari in "Letteratura liquida" - cerca linguaggi alternativi, cioè è una forma di resistenza che diventa non solo linguistica ma reale, perché chi resiste con la lingua in realtà resiste con tutto e sé stesso socialmente, direi persino politicamente».
Non sono mancati, nel corso della serata, gli interventi di altri amanti della poesia, dai quali è emersa la tendenza a rappresentare la poesia nella sua forma essenziale, eliminando soprattutto spiegazioni e occasione di ispirazione poetica. E l'interpretazione e il giudizio? Li lasciamo al meritevole lettore.
  • Poesia
  • cultura
  • Daniele Giancane
  • Marino Pagano
Altri contenuti a tema
Nel centro storico una terrazza panoramica su Lama Balice aperta alla cultura Nel centro storico una terrazza panoramica su Lama Balice aperta alla cultura A Bitonto un palcoscenico d’estate per un ciclo di eventi pubblici con “Cultura panoramica”
Flash mob per i 200 anni dell'Infinito di Leopardi: il video di Bitonto è emozionante Flash mob per i 200 anni dell'Infinito di Leopardi: il video di Bitonto è emozionante Più di mille ragazzi delle scuole bitontine hanno recitato il canto davanti al Torrione Angioino
L'Arciconfraternita del SS. Rosario di Bitonto alla Passione vivente di Matera L'Arciconfraternita del SS. Rosario di Bitonto alla Passione vivente di Matera Una performing art con attori in costume nella suggestiva cornice dei “sassi” patrimonio dell'Unesco
Il bitontino Pasquale Fallacara vince il premio “Alberoandronico per la cultura” in Campidoglio Il bitontino Pasquale Fallacara vince il premio “Alberoandronico per la cultura” in Campidoglio Al Carabiniere della città dell'olio anche i complimenti di Alessandro Cecchi Paone
Sabato Felice Spaccavento a Bitonto con “Io medico. Storie di ordinaria sanità” Sabato Felice Spaccavento a Bitonto con “Io medico. Storie di ordinaria sanità” Prosegue l'appuntamento con BiBook la rassegna dedicata alla lettura
Il noir “Inseguire un fantasma” approda oggi a Bitonto Il noir “Inseguire un fantasma” approda oggi a Bitonto L'autore Natale Cassano ospite del Centro Studi Degennaro
Un "Omaggio a De Andrè" multietnico stasera a Bitonto Un "Omaggio a De Andrè" multietnico stasera a Bitonto Le più belle opere del cantautore italiano interpretate dai ragazzi stranieri che vivono in città
Sabato a Bitonto i Sorsi di Poesia di Mariella Cuoccio per BiBook Sabato a Bitonto i Sorsi di Poesia di Mariella Cuoccio per BiBook Torna la rassegna che riscopre il gusto della lettura. Appuntamento alle Officine Culturali alle 18.30
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.