I controlli dei Carabinieri
I controlli dei Carabinieri
Cronaca

«È Domenico Conte il mandante della sparatoria»

Sabba e Papaleo avrebbero agito «su espresso mandato di Conte e avvisati da D'Elia». Che però ha negato

Ha negato di aver ricevuto da Domenico Conte l'ordine di uccidere e di aver conseguentemente portato quel messaggio ai killer di Anna Rosa Tarantino il 27enne Alessandro D'Elia, arrestato il 20 aprile scorso nell'ambito dell'indagine della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari sull'agguato commesso a Bitonto il 30 dicembre scorso che costò la vita, per errore, all'anziana donna.

Dinanzi al gip che ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, Giovanni Anglana, D'Elia ha risposto alle domande contestando tutti gli addebiti.

Secondo i pm Ettore Cardinali e Marco D'Agostino, sulla base soprattutto delle dichiarazioni dei due presunti esecutori materiali dell'omicidio, Rocco Papaleo e Michele Sabba, da alcune settimane collaboratori di giustizia, Conte (sfuggito alla cattura e attualmente ricercato) sarebbe stato il mandante del delitto e D'Elia il messaggero dell'ordine. Ricostruzione che il 27enne ha negato.

Stando all'imputazione formulata dai pubblici ministeri baresi, i presunti killer Sabba e Papaleo avrebbero agito «su espresso mandato di Conte e avvisati da D'Elia, il quale aveva riferito che il boss aveva ordinato, per reagire alla sparatoria subita qualche minuto prima, di sparare a chiunque avessero incontrato dei Cipriano».

Quella mattina, infatti, a Bitonto si susseguirono quattro agguati armati, botta e risposta fra i due gruppi criminali rivali, Conte e Cipriano, in conflitto per la gestione dello spaccio della droga.

Ai due indagati la Direzione Distrettuale Antimafia di Bari contesta i reati di omicidio volontario e tentato omicidio (nell'agguato rimase ferito il vero bersaglio dei sicari, Giuseppe Casadibari, anche lui divenuto collaboratore di giustizia) aggravati dal metodo mafioso.
  • Clan Conte Bitonto
  • Polizia di Stato Bitonto
  • Carabinieri Bitonto
  • Omicidio Tarantino Bitonto
  • Anna Rosa Tarantino
  • Domenico Conte
Altri contenuti a tema
Il comune di Bitonto parte civile nel processo agli assassini di Anna Rosa Tarantino Il comune di Bitonto parte civile nel processo agli assassini di Anna Rosa Tarantino Abbaticchio: «Lesa profondamente la collettività e l’immagine della città»
Il ladro è troppo maldestro, il colpo finisce malissimo Il ladro è troppo maldestro, il colpo finisce malissimo Un bitontino, in trasferta a Molfetta, si è impossessato di un Fiat Scudo, per poi finire contro una fioriera
Giovinazzo, la nuova sponda della criminalità bitontina Giovinazzo, la nuova sponda della criminalità bitontina Ieri la cattura del latitante Pasquale Pazienza. Sempre in città, a maggio, si nascondeva il boss Domenico Conte
Assalto al caveau della Sicurtransport: il latitante Pasquale Pazienza era a Giovinazzo Assalto al caveau della Sicurtransport: il latitante Pasquale Pazienza era a Giovinazzo L'uomo, di 49 anni, si era rifugiato con Alessandro Morra in una masseria in località Casino della Principessa
Assalti a caveau e portavalori, arrestati due latitanti. Uno è di Bitonto Assalti a caveau e portavalori, arrestati due latitanti. Uno è di Bitonto Scovati in una masseria di Giovinazzo nel corso di un blitz del Servizio Centrale Operativo della Polizia
Anziana uccisa, in 10 a processo: anche il boss Domenico Conte Anziana uccisa, in 10 a processo: anche il boss Domenico Conte Anna Rosa Tarantino, 84 anni, perse la vita negli agguati del 30 dicembre scorso
Furto d’auto sventato a Bitonto da due poliziotti liberi da servizio. Arrestato 19enne Furto d’auto sventato a Bitonto da due poliziotti liberi da servizio. Arrestato 19enne Gli agenti della Questura di Torino stavano passeggiando per il centro cittadino
Sventato furto da 80mila euro a Bitonto in uno stabilimento sulla Sp231 Sventato furto da 80mila euro a Bitonto in uno stabilimento sulla Sp231 I Carabinieri hanno anche recuperato 5 furgoni rubati tra Molfetta, Giovinazzo, Bitonto e Monopoli
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.