Ospedale Bitonto
Ospedale Bitonto
Attualità

Da domani, chiusi i Punti di Primo Intervento. Si salva solo Bitonto

La struttura sanitaria bitontina è l’unica a superare i 6mila accessi all’anno

Porte chiuse da domani per i Punti di Primo Intervento Territoriale di tutta la provincia di Bari, ad esclusione di quello di Bitonto che è l'unico a rispettare il parametro imposto dalla ASL per salvare questo importante presidio sanitario cittadino: l'esecuzione di almeno 6mila interventi in un anno.
A farne le spese saranno i comuni di Casamassima, Castellana Grotte, Conversano, Gioia del Colle, Grumo Appula, Locorotondo, Noci, Ruvo di Puglia e Santeramo dove, da domani, sarà meglio evitare di stare male.
«Facendo seguito all'ultima conferenza dei sindaci, tenutasi il 20/12/17 – si legge nella comunicazione della dirigenza ASL inviata sabato ai sindaci delle città coinvolte – si evidenza la oramai non più rinviabile necessità di riconvertire i PPIT che fino ad oggi sono stati mantenuti attivi con enormi disagi assistenziali».

«A partire dal primo semestre 2017 – spiegano ancora dalla ASL - tutti i PPIT, fatta eccezione per quello di Bitonto che ha un numero di accessi/anno superiore ai 6mila, sono stati riconvertiti da H24 ad H12, al fine di verificare l'impatto che tale prima riorganizzazione avrebbe potuto avere sui livelli di assistenza alla popolazione».
Secondo i dirigenti dell'Azienda il mantenimento dei PPIT determinerebbe «un costante ricorso alla demedicalizzazione del SET 118, al fine di consentire la copertura dei turni di servizio dei medici dei PPIT. Tale modello organizzativo comporta una pericolosa scopertura delle Postazioni Mobili Medicalizzate su tutto il territorio di riferimento poiché non è più garantita l'assistenza nei tempi prestabiliti per gli interventi di emergenza/urgenza».

Il futuro dell'assistenza sanitaria, insomma, a sentire i vertici ASL, saranno le autoambulanze per quei territori lontani dagli ospedali di riferimento.
Per il momento il Punto di Primo Intervento Territoriale di Bitonto, in ogni caso, è salvo.
  • Michele Emiliano
  • Ospedale Bitonto
  • Asl Bari
Altri contenuti a tema
Una casa per malati di tumore dedicata al musicista bitontino Vito Vacca Una casa per malati di tumore dedicata al musicista bitontino Vito Vacca Nascerà a Bari grazie all’associazione Maria Maugeri. Sabato la presentazione della struttura
Xylella, Damascelli: «Proliferano le agenzie, ma monitoraggi fermi» Xylella, Damascelli: «Proliferano le agenzie, ma monitoraggi fermi» Il consigliere regionale di Forza Italia sferza la Regione sull’Arxia: «Un nuovo poltronificio elettorale»
#nonsonounodivoi: dalla Regione i fondi per ‘salvare’ i ragazzi difficili del centro storico e periferia #nonsonounodivoi: dalla Regione i fondi per ‘salvare’ i ragazzi difficili del centro storico e periferia Abbaticchio: «Mezzo milione di euro per il nostro laboratorio antimafia che li allontanerà dalla criminalità». Emiliano: «Uniti vinciamo la mafia»
Lavori a rilento nell’ex ospedale di Bitonto Lavori a rilento nell’ex ospedale di Bitonto Damascelli: «Indispensabile la climatizzazione in tutti gli ambienti del blocco operatorio»
Il Tar ferma il PSR, Damascelli: «Certificato il fallimento del governo regionale» Il Tar ferma il PSR, Damascelli: «Certificato il fallimento del governo regionale» Il vicepresidente della IV Commissione Agricoltura chiede a Emiliano e Di Gioia di assumersi la responsabilità
Concorsi truccati Asl: assolto da tutte le accuse Giuseppe Lonardelli Concorsi truccati Asl: assolto da tutte le accuse Giuseppe Lonardelli «Il fatto non sussiste». Archiviata definitivamente la vicenda giudiziaria del medico bitontino
Interventi chirurgici bloccati al PTA di Bitonto: interviene il Movimento 5 Stelle Interventi chirurgici bloccati al PTA di Bitonto: interviene il Movimento 5 Stelle Laricchia incalza Emiliano: «Disponga attrezzature e personale per attivare l’altra sala operatoria»
Damascelli attacca la Regione: «Sui problemi dell’agricoltura nulla è cambiato» Damascelli attacca la Regione: «Sui problemi dell’agricoltura nulla è cambiato» E chiama a raccolta il centrodestra: «L’unità è un imperativo categorico per scongiurare Emiliano bis»
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.