Mario Draghi
Mario Draghi
Politica

Crisi di Governo consumata. Draghi annuncia dimissioni

L'intenzione è stata anticipata nel corso del Consiglio dei Ministri. Ora toccherà al Presidente Mattarella decidere se sciogliere le Camere

La crisi di Governo sembra essere alla svolta decisiva. Il premier Mario Draghi ha preannunciato l'intenzione di dimettersi dall'incarico: giovedì 14 luglio, nel corso del consiglio dei ministri, l'economista ha rivelato la decisione assunta, che con ogni probabilità concretizzerà in serata. «La maggioranza di unità nazionale che ha sostenuto questo governo dalla sua creazione non c'è più», ha sottolineato il primo ministro dimissionario.

Draghi era già salito al Quirinale per un incontro, durato quasi un'ora, con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella a margine del voto di fiducia in Senato sul Decreto legge "Aiuti", al quale il gruppo del Movimento 5 Stelle, su indicazione del capo politico Giuseppe Conte, non ha partecipato compatto rimarcando le divergenze programmatiche con l'esecutivo. La prospettiva di elezioni anticipate è piuttosto concreta: toccherà a Mattarella, una volta ricevute le dimissioni di Draghi, valutare se tentare di affidare un incarico esplorativo per la formazione di un altro Governo o sciogliere le camere, con la conseguente decadenza, fra gli altri, di tutti i parlamentari pugliesi.
LE PAROLE DI MARIO DRAGHI IN CONSIGLIO DEI MINISTRI
Buonasera a tutti,
voglio annunciarvi che questa sera rassegnerò le mie dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica.
Le votazioni di oggi in Parlamento sono un fatto molto significativo dal punto di vista politico.
La maggioranza di unità nazionale che ha sostenuto questo governo dalla sua creazione non c'è più.
È venuto meno il patto di fiducia alla base dell'azione di governo.
In questi giorni da parte mia c'è stato il massimo impegno per proseguire nel cammino comune, anche cercando di venire incontro alle esigenze che mi sono state avanzate dalle forze politiche.
Come è evidente dal dibattito e dal voto di oggi in Parlamento questo sforzo non è stato sufficiente.
Dal mio discorso di insediamento in Parlamento ho sempre detto che questo esecutivo sarebbe andato avanti soltanto se ci fosse stata la chiara prospettiva di poter realizzare il programma di governo su cui le forze politiche avevano votato la fiducia.
Questa compattezza è stata fondamentale per affrontare le sfide di questi mesi.
Queste condizioni oggi non ci sono più.
Vi ringrazio per il vostro lavoro, i tanti risultati conseguiti.
Dobbiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo raggiunto, in un momento molto difficile, nell'interesse di tutti gli Italiani.
Grazie.
  • Mario Draghi
  • Crisi di Governo
Altri contenuti a tema
Il Governo Draghi al capolinea: possibile voto tra il 25 settembre ed il 2 ottobre Il Governo Draghi al capolinea: possibile voto tra il 25 settembre ed il 2 ottobre Crisi senza sbocchi, si va verso lo scioglimento anticipato delle Camere
Invasione Ucraina, Draghi: «Dialogo con Mosca è ora impossibile» Invasione Ucraina, Draghi: «Dialogo con Mosca è ora impossibile» Il Premier annuncia pesanti sanzioni UE alla Russia
Draghi annuncia la fine dello stato di emergenza il 31 marzo Draghi annuncia la fine dello stato di emergenza il 31 marzo Dal Premier rassicurazioni sull'eliminazione graduale del green pass
Nuovo decreto Governo: obbligo di vaccinazione per gli ultracinquantenni Nuovo decreto Governo: obbligo di vaccinazione per gli ultracinquantenni Il provvedimento per tutelare le fasce di età con maggior numero di ospedalizzazioni
Green pass dal 6 agosto per ristoranti al chiuso e una serie di eventi Green pass dal 6 agosto per ristoranti al chiuso e una serie di eventi Le misure annunciate dal Governo. Modificati i parametri per il cambio di colore delle zone
Draghi chiarisce: «Gli under 60 potranno scegliere seconda dose di AstraZeneca» Draghi chiarisce: «Gli under 60 potranno scegliere seconda dose di AstraZeneca» La precisazione del Premier in merito alle possibili vaccinazioni eterologhe
Il Governo ha deciso: dal 18 maggio coprifuoco alle 23.00 Il Governo ha deciso: dal 18 maggio coprifuoco alle 23.00 Riunione conclusa a Palazzo Chigi. Le prime conferme dal Ministro Speranza. Dal 21 giugno possibile abolizione
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.