Don Vito Piccinonna. <span>Foto Anna Verriello</span>
Don Vito Piccinonna. Foto Anna Verriello
Attualità

Aumentano i poveri anche a Bitonto. Intervista a Don Vito Piccinonna

Il direttore diocesano: «Necessario che le politiche di welfare vadano sempre più a braccetto con le politiche urbanistiche e con quelle lavorative»

La Caritas di Bari-Bitonto è costituita dalle 126 parrocchie presenti su un territorio comprendente la Città di Bari e 22 paesi. Negli ultimi tempi ha registrato un aumento del 50% dei beneficiari che si rivolgono ai centri di ascolto parrocchiali. Le Richieste più comuni riguardano beni e servizi materiali (86%), pagamento delle utenze domestiche (72%), lavoro (66%), sussidi economici (59%), assistenza sanitaria (36%). Ne abbiamo parlato con Don Vito Piccinonna, direttore della Caritas di Bari-Bitonto

Qual è attualmente la situazione a Bari? Che tipo di servizi offre la Caritas alle persone in difficoltà?
Le parrocchie con i loro parroci e i centri di ascolto sono il primo presidio di prossimità e di vicinanza, ove la prima carità che si dona è fatta dalla relazione, dal sentirsi riconosciuti e chiamati spesso per nome in una società che tende a massificare i volti e le storie. Le parrocchie non separano le persone. per cui l'essere e il fare comunità è la prima risorsa che tante persone possono vivere e sperimentare. Sovente si viene incontro con spazi e tempi di relazione, ci si avvale della possibilità di ricevere degli alimenti, si può venire incontro al pagamento di alcune utenze. Molte parrocchie hanno anche dei doposcuola per i bimbi più in difficoltà. Accanto alle parrocchie ci sono diversi servizi della Caritas diocesana che vanno dal centro di ascolto e l'osservatorio delle povertà e delle risorse, l'accoglienza per le persone senza dimora e i padri separati, l'accoglienza di nuclei famigliari provenienti con i corridoi umanitari e universitari; pensiamo anche all'attenzione che con altre realtà abbiamo messo su per l'emporio della salute col fornire farmaci per persone e famiglie in difficoltà. Si pensi all'impegno quotidiano delle mense diffuse sul territorio diocesano (12 su Bari e 3 in altri paesi della diocesi). Sono da aggiungere progetti ricavati dall'8x1000 che di anno in anno permettono delle attenzioni particolari. In questo anno la ludopatia è al centro di un progetto "Riprendi_Te". A tutto questo si aggiunga anche l'impegno di altre realtà di ispirazione cattolica come pure l'impegno delle Fondazioni presenti sul territorio diocesano: la Fondazione Antiusura, la Fondazione Giovanni Paolo ll (particolarmente impegnata su dimensione famiglia ed educazione) e la Fondazione SS. Medici su Bitonto (impegnata dal punto di vista assistenziale e sanitario).

Che tipo di attività avete previsto per i senza tetto e i senza dimora a Bari?
La Caritas attualmente attraverso una cooperativa accoglie in via Curzio dei Mille a Bari persone senza dimora, uomini, e continua a coordinare le mense presenti su tutto il territorio che fanno capo a parrocchie e istituti religiosi. Sebbene sia grave la situazione di queste persone, siamo invitati a non chiudere gli occhi anche sulle altre tantissime povertà che riguardano tante altre fasce di persone. Non dobbiamo chiudere gli occhi sul dramma delle persone con disabilità e le loro famiglie, spesso lasciate sole, come pure non possiamo sottacere quella che durante il Covid è apparsa con i suoi toni drammatici relativamente alla povertà educativa. Sentiamo necessario che le politiche di welfare a tutti i livelli vadano sempre più a braccetto con le politiche urbanistiche e con quelle lavorative, ricordando che il lavoro è necessario per la dignità delle persone. Questo tempo non ha bisogno di elemosine ma di una solidarietà lunga.

Farete pranzi o cene solidali durante le feste di Natale?
I poveri non mangiano solo a Natale. Confesso che il buonismo natalizio mi ha un po' stancato in questi anni. Le realtà caritative mettono quotidianamente il loro impegno e la loro generosità a disposizione di chi non ha nulla. Ovviamente anche a Natale. Ma non solo a Natale.

Per i dormitori ci sono regole diverse a causa del Covid?
Ovviamente sì. Sentiamo importante proteggere e accompagnare. Sono state previste dal Comune di Bari delle regole condivise tra tutti i luoghi di accoglienza ed è più che giusto poterli osservare al meglio per il bene di queste persone e della città in cui vivono.

Che periodo è il natale per le persone seguite dalla Caritas?
Un Natale difficile perché se già per tutti il futuro appare a tratti confuso e con contorni non ben delineati questo vale ancor di più per chi fa più fatica. Ed è proprio per questo che serve un balzo in avanti e comunitario da parte delle nostre città. Non va lasciato nessuno indietro. C'è tanta paura da parte di chi non ce la fa e spesso molta indifferenza da parte di chi potrebbe fare di più. Occorre una scelta comunitaria di bene e di prossimità, di inclusione, in vista di uno sviluppo integrale delle persone, di ciascuna e di tutte. Nessuna esclusa.
  • Caritas Diocesana Bari-Bitonto
  • don Vito Piccinonna
Altri contenuti a tema
Santi Medici, don Vito Piccinonna: «Atteggiamento Vescovi è amore paterno» Santi Medici, don Vito Piccinonna: «Atteggiamento Vescovi è amore paterno» Decisione di non tenere la processione in pieno accordo con le autorità civili
L'Arcidiocesi di Bari-Bitonto raccoglie fondi per Afghanistan e Haiti L'Arcidiocesi di Bari-Bitonto raccoglie fondi per Afghanistan e Haiti Domenica 22 agosto preghiera per vittime, profughi e famiglie nel dramma
Pacchi alimentari per i poveri alla Caritas di don Vito Piccinonna dall'associazione Lilly Colucci Pacchi alimentari per i poveri alla Caritas di don Vito Piccinonna dall'associazione Lilly Colucci Il rettore della Basilica dei Ss Medici di Bitonto grato ai volontari per la donazione: «Testimonianza di comunità solidale»
Don Vito Piccinonna: «Un pensiero agli ammalati non solo oggi» Don Vito Piccinonna: «Un pensiero agli ammalati non solo oggi» L'appello del rettore della Basilica dei Ss Medici di Bitonto: «Non si ritrovino mai soli: sarebbe peggio della malattia»
La Caritas saluta monsignor Cacucci e dà il benvenuto al Vescovo Satriano La Caritas saluta monsignor Cacucci e dà il benvenuto al Vescovo Satriano Don Vito Piccinonna: «Ci ha sempre amorevolmente incoraggiati e sostenuti»
1 Palombaio dice addio a Tonino Lonardelli Palombaio dice addio a Tonino Lonardelli Figura storica del volontariato locale lascia il vuoto nel cuore di molti
Il fine vita in Hospice, don Piccinonna: «Qui l'umanità vince il dolore» Il fine vita in Hospice, don Piccinonna: «Qui l'umanità vince il dolore» Il presidente della Fondazione Ss Medici interviene nel documento della CEI: «Fondamentale non sentirsi soli»
2 Il triste destino del 27enne morto a Bitonto: alla sepoltura solo un prete Il triste destino del 27enne morto a Bitonto: alla sepoltura solo un prete Don Vito Piccinonna: «Speravo di trovare qualcuno oltre i becchini»
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.