L'operazione
L'operazione "Market Drugs"
Cronaca

Smantellato il market della droga a Bitonto: 43 arresti nel clan Conte

Le indagini partite nel 2017, smantellate due piazze di spaccio. Al vertice Domenico Conte: Mario D'Elia era il suo braccio destro

Maxi blitz stamane all'alba a Bitonto con una ordinanza di custodia cautelare in carcere ed agli arresti domiciliari nei confronti di 43 persone. Il reato contestato è quello di associazione per delinquere finalizzata al traffico e alla illecita commercializzazione di sostanza stupefacente, aggravata dal metodo mafioso.

L'ordinanza applicativa delle misure cautelari è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, Francesco Mattiace, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, in cui vengono riconosciuti gravi indizi di colpevolezza a carico di 43 soggetti, indagati per aver preso parte ad un'associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, con l'aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni del metodo mafioso.

L'operazione è stata portata a termine tra Bitonto e Bari, da oltre 300 agenti della Polizia di Stato, con il supporto di unità eliportate, cinofili, Reparti Prevenzione Crimine.


Secondo l'impostazione accusatoria, ricostruita dalle serrate indagini durate quattro anni da parte della Squadra Mobile di Bari e del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Bitonto, gli indagati avrebbero costituito, diretto e partecipato ad un'associazione, il clan Conte, quale propaggine in Bitonto del clan Capriati di Bari, finalizzata alla cessione di cocaina, marijuana ed hashish, organizzata, nella cittadina pugliese, in due distinte piazze di spaccio:
  1. La prima e più importante, vero e proprio quartier generale del gruppo, era quella definita "Zona 167", ubicata in via Pertini, protetta da portoni blindati;
  2. La seconda, di nuova costituzione grazie all'apporto di alcuni soggetti scissionisti, era sita invece nel centro storico di Bitonto, area in cui da sempre era operativo l'avverso gruppo dei Cipriano, sita in via Arco di Cristo e conosciuta come la piazza del "Ponte".
Il provvedimento cautelare si fonda su un compendio gravemente indiziario secondo cui il 52enne Domenico Conte emergerebbe quale figura di vertice del clan, mentre il 51enne Mario D'Elia, quale suo braccio destro, avrebbe anche avuto il compito di gestire il gruppo qualora il boss fosse stato arrestato.

Gravi indizi di colpevolezza sono stati ritenuti sussistenti a carico del 38enne Francesco Bonasia, del 32enne Damiano Giordano e del 35enne Giovanni Palmieri, quali organizzatori e dirigenti, mentre a carico dei restanti 38 indagati, gli indizi riguardano il ruolo di partecipi con vari ruoli (vedette, spacciatori, trasportatori).
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Clan Conte Bitonto
  • Domenico Conte
  • Mario d'Elia
Altri contenuti a tema
Sparatoria al Luna Park di Bitonto, chiuso il cerchio sulla guerra di mala del 2015 Sparatoria al Luna Park di Bitonto, chiuso il cerchio sulla guerra di mala del 2015 Nicola Lorusso, figlio del boss Umberto, è accusato di aver sparato fra la gente. Irreperibile da mesi, è stato scovato a Bari
«A Bitonto restano consolidati i clan Conte e Cipriano» «A Bitonto restano consolidati i clan Conte e Cipriano» Lo scrive l'Antimafia nella relazione semestrale al Parlamento. «I Parisi possono contare sulle espressioni criminali dei Cipriano»
Colpo al clan Conte di Bitonto: 1,5 milioni. È il sequestro più ingente Colpo al clan Conte di Bitonto: 1,5 milioni. È il sequestro più ingente Erano in un'abitazione di via Aspromonte, «frutto delle attività illecite del clan» egemone nella zona 167
Un pentito: «Mi sono avvicinato al clan a 17 anni, avevo bisogno di soldi» Un pentito: «Mi sono avvicinato al clan a 17 anni, avevo bisogno di soldi» I collaboratori alla base dell'operazione "Market Drugs", la testimonianza di Caldarola: «Gli altri venivano pagati bene»
Guerra fra clan a Bitonto, 9 condanne definitive: dai 20 ai 2 anni di carcere Guerra fra clan a Bitonto, 9 condanne definitive: dai 20 ai 2 anni di carcere Carabinieri e Polizia hanno eseguito 9 ordini di carcerazione per la faida del 2015 e l'omicidio dell'anziana Tarantino
Telecamere dappertutto: il "Grande Fratello" del clan Conte Telecamere dappertutto: il "Grande Fratello" del clan Conte L'analisi, parte 4. Il fortino illegale svelato dai collaboratori: «Lui ci vedeva perché aveva le password di tutte le telecamere».
Sequestrati beni per 300mila euro a Conte. È il capo del clan di Bitonto Sequestrati beni per 300mila euro a Conte. È il capo del clan di Bitonto Sigilli a dieci rapporti finanziari, due auto e il suo appartamento di via Pertini completamente ristrutturato
Stipendi alle vedette e bonus extra ai pusher: «l'azienda» di Conte Stipendi alle vedette e bonus extra ai pusher: «l'azienda» di Conte L'analisi, parte 3. Fino a 1.500 euro a settimana: pagamenti diversi, ma puntuali. Le somme ricavate dallo spaccio di droga
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.