Maguette
Maguette
Cronaca

Nel crollo di Marsiglia perde la vita Maguette, ospite del centro di accoglienza di Bitonto

In una intervista la sua storia di coraggio e speranza

C'è anche Maguette, il 24enne artista senegalese per mesi ospite dello Sprar di Bitonto, tra le vittime del crollo delle palazzine di Marsiglia, avvenuto lo scorso lunedì 5 novembre in Francia. A confermarlo anche i messaggi, commossi, di alcuni operatori del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati bitontini. «Questo ragazzo, proveniente dal Senegal – racconta Luana - è stato ospite dello Sprar di Bitonto per svariati mesi, abbiamo avuto la fortuna di conoscerlo, rispettoso, educato e volenteroso. Ci rammarica tanto la sua scomparsa causata dal crollo delle palazzine a Marsiglia. Per sempre nei nostri cuori».

Dopo i mesi passati a Bitonto, Maguette era stato spostato a Corato, e anche la sua nuova città gli era rimasta nel cuore, quando partì per Milano e successivamente per Marsiglia. Il suo estro artistico era rimasto particolarmente impresso nella mente di Maria, la sua insegnante di italiano a scuola, qui a Corato. Maguette aveva lasciato il segno, ospite del centro di accoglienza di Corato. Andava a scuola e aveva dei sogni, ma purtroppo la sua vita si è spenta a Marsiglia, nel crollo delle palazzine.

Aveva lasciato la sua terra per migliorare la sua vita che si è spezzata precocemente nel disastro di rue d'Aubagne, nel quartiere di Noailles, nel centro storico di Marsiglia.

In una intervista, realizzata dal centro di accoglienza in cui era ospitato, Maguette aveva parlato di sè, della sua vita e della sua permanenza a Corato. E viene naturale ricordarlo con le sue stesse parole che, lette oggi, fanno molto riflettere. Diceva, infatti: «Io mi trovo bene qui in Italia ma sento che c'è un forte razzismo».

«Vengo dal Senegal, ho 24 anni. Vivevo con mia nonna che ha 113 anni perché i miei sono separati. Una delle cose che mi rende felice è sentire mia madre al telefono.
Lei spesso accoglie in casa i miei amici, così ogni tanto riesco a sentire anche loro. Mi mancano molto i miei amici, quelli con cui ho condiviso la mia infanzia.
Eravamo sempre insieme, quelli sì che sono veri amici.
Io per esempio posso stringere la mano a qualcuno qui che conosco appena, ma so che infondo non sarà mai un mio amico, così come lo sono i miei amici del Senegal. Per essere mio amico, lui deve fare qualcosa di serio con me.
In Senegal ho due sorelle gemelle, sono identiche, hanno 11 anni e studiano. Ho anche due fratelli, uno ha frequentato la scuola superiore e lavora in un Call center, l'altro è in Francia.
Io mi trovo bene qui in Italia ma sento che c'è un forte razzismo. Eppure, quando con il Centro di Accoglienza abbiamo partecipato alla sfilata di Carnevale a Corato non abbiamo avuto problemi, eravamo tutti felici e vedevamo che la gente rideva e si divertiva insieme a noi».
  • Immigrati
  • Corato
Altri contenuti a tema
Sepolto a Bitonto dopo un anno in obitorio grazie al Comune Sepolto a Bitonto dopo un anno in obitorio grazie al Comune Il ghanese Joseph era annegato dopo un tuffo in mare a Bari, ma viveva e lavorava in città e la famiglia non aveva soldi per recuperare il corpo
Una famiglia di Bitonto accoglie madre e figlie in fuga dall'Afghanistan Una famiglia di Bitonto accoglie madre e figlie in fuga dall'Afghanistan In casa saranno in 8 per raccontare una storia di accoglienza possibile
Locali non idonei all'accoglienza: i rifugiati dello Sprar si spostano nell'ex Tribunale Locali non idonei all'accoglienza: i rifugiati dello Sprar si spostano nell'ex Tribunale Dopo la segnalazione della cooperativa che gestisce il servizio il progetto lascia gli ambienti in piazza Moro
Chi sono, da dove vengono e perchè scappano i migranti? Se ne parla oggi a Bitonto Chi sono, da dove vengono e perchè scappano i migranti? Se ne parla oggi a Bitonto Un incontro alla Fondazione Ss.Medici per approfondire la questione con medici, psicologi, volontari e assistenti sociali
Giovedì docenti e formatori bitontini vanno «A scuola di integrazione» Giovedì docenti e formatori bitontini vanno «A scuola di integrazione» L'iniziativa di Progetto Continenti per «educare alla diversità contro discriminazioni, stereotipi e pregiudizi»
«Il comune di Bitonto aderisca alla Rete dei Comuni Solidali (Recosol)» «Il comune di Bitonto aderisca alla Rete dei Comuni Solidali (Recosol)» Sinistra Italiana plaude alla cittadinanza simbolica ai minori stranieri e spinge per continuare sulla stessa strada
Gioia e commozione ieri a Bitonto per la consegna della cittadinanza simbolica ai minori stranieri nati in Italia Gioia e commozione ieri a Bitonto per la consegna della cittadinanza simbolica ai minori stranieri nati in Italia Abbaticchio: «Chi è nato in Italia e rispetta la Costituzione Italiana è italiano a tutti gli effetti»
Problemi di salute per Mimmo Lucano: l’incontro a Bitonto si farà in diretta streaming Problemi di salute per Mimmo Lucano: l’incontro a Bitonto si farà in diretta streaming L’appuntamento è alle 18 dal teatro Traetta
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.