I funerali di Paolo Caprio
I funerali di Paolo Caprio
Cronaca

Bitonto saluta Paolo Caprio. La mamma: «Non riesco a odiare»

Il parroco, don Paolo Candelaro: «La morte di Paolo ci chiede di cambiare il nostro modo di vivere»

«Non riesco a odiare la persona che ha colpito mio figlio, perché evidentemente a differenza di mio figlio non ha altri strumenti». Sono le parole della mamma di Paolo Caprio, il 41enne ucciso a Bitonto durante un litigio nella Dill's, preso a pugni dal 20enne Fabio Giampalmo, in carcere con l'accusa di omicidio volontario.

Le parole della donna sono state riferite al termine dei funerali pubblici, nella basilica dei Santi Medici a Bitonto, dal sindaco Michele Abbaticchio. «Non riesco a immaginare - ha detto il primo cittadino - la forza e l'umanità che si possono provare nell'esprimere un sentimento del genere di fronte alla perdita di un figlio che aveva dentro di sé lo spirito di servizio, di umiltà, l'amore per il suo lavoro di artigiano e per quello che riusciva a donare agli altri», ha terminato il sindaco.

«La morte di Paolo oggi ci interpella, deve chiederci che tipo di vita stiamo vivendo. Se ci stiamo sforzando di vivere gesti concreti di bene e verità», ha aggiunto don Paolo Candeloro durante l'omelia ai funerali di Paolo Caprio prima di rivolgere un accorato appello a tutti i bitontini: «Ci dobbiamo impegnare a tirar fuori da noi il bene, non la cattiveria, la violenza. La morte di Paolo ci chiede di cambiare il nostro modo di vivere», ha detto ancora il parroco della basilica di Bitonto.

«Non abbiamo bisogno di belle parole - ha continuato don Paolo -, ma di gesti che dobbiamo rendere concreti nella vita di ogni giorno, nelle nostre famiglie, sul posto di lavoro, nella nostra città. Non si può rimanere ancora una volta indifferenti. Dobbiamo credere che dentro di noi c'è del bene e dobbiamo tirarlo fuori. La morte di Paolo ci dona questo invito a migliorarci. È una morte che deve scuoterci dentro e non ci deve far perdere tempo, come cittadini e come cristiani».

Il sacerdote ha parlato del «grido che si eleva dai familiari di Paolo così forte che ci interpella tutti, che esprime tutta la nostra sofferenza ed incredulità ed è un grido che oggi ciascuno di noi deve lasciar cadere nella propria coscienza. Un grido che non si può lasciare nell'indifferenza. È un momento che scrive anche la nostra storia cittadina. Abbiamo ancora negli occhi e nel cuore l'esperienza di Anna Rosa Tarantino, Paolo si aggiunge a quest'elenco, ma ora basta», ha detto.

«Il grido di oggi - ha terminato don Paolo, dopo aver ricordato la morte di Anna Rosa Tarantino - sia pieno di speranza per il domani perché possiamo diventare persone migliori. La morte è una pagina amara, non saremo mai pronti perché ci coglie in una esperienza che ci segna dentro, ma nel Signore è il passaggio».
  • Omicidi Bitonto
  • Fabio Giampalmo
  • Paolo Caprio
Altri contenuti a tema
Omicidio Caprio: caccia al supertestimone, l'amico del 40enne Omicidio Caprio: caccia al supertestimone, l'amico del 40enne L'uomo non si è presentato spontaneamente agli investigatori. Si indaga per risalire all'identità
Omicidio Caprio, il Gip: «Vile aggressione su vittima inerme» Omicidio Caprio, il Gip: «Vile aggressione su vittima inerme» Convalidato l'arresto di Giampalmo. L'assassino resterà in carcere: «Non ha manifestato alcun segno di ravvedimento»
Omicidio Caprio, resta in carcere Fabio Giampalmo Omicidio Caprio, resta in carcere Fabio Giampalmo È accusato di aver ucciso il 41enne durante un litigio nella stazione di servizio Dill's
Don Paolo Candeloro su omicidio Caprio: «Deve scuoterci dentro» Don Paolo Candeloro su omicidio Caprio: «Deve scuoterci dentro» Intensa omelia durante il rito funebre officiato nella Basilica dei Santi Medici
Omicidio Caprio, Giampalmo confessa: «Colpito per alcuni sguardi provocatori» Omicidio Caprio, Giampalmo confessa: «Colpito per alcuni sguardi provocatori» Il 20enne ha confermato la prima versione dei fatti. Il Gip si è riservato di decidere sulla convalida del fermo
Omicidio a Bitonto, lutto cittadino per i funerali di Paolo Caprio Omicidio a Bitonto, lutto cittadino per i funerali di Paolo Caprio La messa alle ore 16.00 nella basilica dei Santi Medici, proclamato il lutto cittadino
Ucciso a pugni: eseguita l'autopsia sul corpo di Paolo Caprio Ucciso a pugni: eseguita l'autopsia sul corpo di Paolo Caprio Occorreranno 90 giorni per stabilire se il trauma cranico e l'emorragia cerebrale che lo ha ucciso siano stati causati dai tre colpi
Abbaticchio: «Maggiore presenza delle forze dell'ordine a Bitonto» Abbaticchio: «Maggiore presenza delle forze dell'ordine a Bitonto» Le dichiarazioni del sindaco a margine del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutosi in Prefettura
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.