Massimo Cassano
Massimo Cassano
Cronaca

Bancarotta fraudolenta: indagato ragioniere di Bitonto

Buco da 8 milioni alla Work Sistem, deposito franco doganale al porto di Bari di cui fu amministratore Massimo Cassano

Sono 5 in tutto gli indagati per il fallimento della Work Sistem, la società che gestiva un deposito franco doganale nel porto di Bari, amministrata dal 2002 al 2008 dall'ex sottosegretario del governo Renzi, nonché attuale direttore dell'Arpal Puglia, l'Agenzia Regionale per le Politiche Attive del Lavoro, Massimo Cassano. Tra loro c'è anche un ragioniere di Bitonto, Francesco Paolo Noviello, ex presidente dell'Us Bitonto e già indagato insieme all'altro ex presidente del sodalizio sportivo, Francesco Giordano, in un altro paio di inchieste della Gdf.

Il 62enne, che era liquidatore della società, avrebbe fatto sparire circa 130mila euro in contanti dai conti correnti dell'azienda e, secondo il capo d'imputazione riportato dalla Gazzetta del Mezzogiorno, «per nascondere la gestione opaca e dolosa della società fallita sottraeva e distruggeva (anche mediante omessa istituzione) i libri e le altre scritture contabili obbligatorie (…) e tutto il resto della contabilità da luglio 2016 sino al fallimento». Per l'ex sottosegretario, invece, che è stato amministratore della società dal 2002 al 2008, così come per gli altri 3 indagati che si sono alternati alla guida della Work Sistem, l'accusa è di concorso in bancarotta fraudolenta perché «omettevano sistematicamente il pagamento dell'Ires, dell'Iva e dell'Irap sino a raggiungere debiti per otto milioni anche per effetto di sanzioni e interessi che erodevano completamente il patrimonio societario».
  • Francesco Paolo Noviello
  • Massimo Cassano
Altri contenuti a tema
"Levante": chieste 19 condanne: ci sono anche Giordano e Sicolo "Levante": chieste 19 condanne: ci sono anche Giordano e Sicolo I pm hanno chiesto 11 anni e 10 mesi per Sicolo e 10 per Giordano. Altri, tra cui Noviello, hanno chiesto di patteggiare
Maxi inchiesta "Levante": chiesti 80 rinvii a giudizio Maxi inchiesta "Levante": chiesti 80 rinvii a giudizio L'Antimafia vuole mandare a processo, fra gli altri, i bitontini Sicolo, Giordano e Noviello. Udienza fissata per il 13 maggio
"Levante", iniziati gli interrogatori di garanzia davanti al Gip "Levante", iniziati gli interrogatori di garanzia davanti al Gip Emanuele Sicolo, ritenuto nell'orbita del clan Parisi, ha risposto alle domande. Altri si sono avvalsi della facoltà di non rispondere
"Levante", nell'operazione rispunta il nome del commercialista Noviello "Levante", nell'operazione rispunta il nome del commercialista Noviello L'uomo è da ieri rinchiuso in carcere. Sarebbe anche intervenuto «per favorire» un'operazione di «riciclaggio di 30 milioni di euro»
Antimafia, 75 arresti. Giro di affari da 170 milioni di euro Antimafia, 75 arresti. Giro di affari da 170 milioni di euro Fra le persone arrestate anche il commercialista Noviello. Coinvolti anche tre avvocati con studi a Bari e in provincia
Riciclaggio, frodi fiscali e droga, 75 arresti. Coinvolti 10 bitontini. I NOMI Riciclaggio, frodi fiscali e droga, 75 arresti. Coinvolti 10 bitontini. I NOMI Operazione dell'Antimafia, sequestri per 23 milioni di euro. In carcere il commercialista Noviello, ai domiciliari il colonnello Mancazzo
Frode nel settore delle carni: sequestrato anche il Bitonto Calcio Frode nel settore delle carni: sequestrato anche il Bitonto Calcio 5 persone in carcere (tra cui Francesco Giordano) e 12 ai domiciliari. Oltre al club, sigilli anche al ristorante "Le Gourmet"
SI Bitonto: «Il no di Lacarra (PD) e Cassano (FI) all'inceneritore è solo di facciata» SI Bitonto: «Il no di Lacarra (PD) e Cassano (FI) all'inceneritore è solo di facciata» Per la sezione locale del partito solo il governo Vendola è stato coerente sul tema ambientale
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.