La Guardia di Finanza
La Guardia di Finanza
Cronaca

"Levante", nell'operazione rispunta il nome del commercialista Noviello

L'uomo è da ieri rinchiuso in carcere. Sarebbe anche intervenuto «per favorire» un'operazione di «riciclaggio di 30 milioni di euro»

Era il loro commercialista di fiducia. 63 anni, originario e residente a Bitonto, Francesco Paolo Noviello, da ieri rinchiuso in cella e con procedimenti in corso per reati tributari e falsità ideologica, è ritenuto dagli inquirenti che gli hanno stretto le manette ai polsi il «capo e l'organizzatore dell'associazione per delinquere».

L'uomo, che per vari anni ha rappresentato l'unica scialuppa di salvataggio del calcio bitontino e già finito agli arresti il 5 luglio 2018 con l'imprenditore Francesco Giordano, nell'ambito di un'inchiesta su una frode fiscale da quasi 300 milioni di euro messa in atto da un'associazione per delinquere, attraverso un consorzio di ditte operanti nel settore della macellazione, «avrebbe curato - è scritto -, quale professionista di fiducia di Giordano la contabilità ufficiale» di alcune società.

Avrebbe «asseverato i crediti Iva inesistenti in capo alle società, inviato le dichiarazioni Iva e quelle integrative, provvedendo all'invio telematico all'Agenzia delle Entrate dei modelli F24 contenenti le compensazioni indebite». Avrebbe «messo a disposizione del sodalizio la Levante s.r.l.», da lui costituita, «nell'ambito del disegno criminoso finalizzato all'acquisizione del compendio aziendale sottoposto a sequestro della Bel Ami s.r.l., società riconducibile a Emanuele Sicolo».

Di Sicolo si è già scritto: condannato per associazione di stampo mafioso e noto per una lunga serie di reati, era stato arrestato dalla Polizia di Stato il 17 marzo 2016, nell'ambito dell'operazione "Do ut des" sul clan Parisi. Noviello, invece, per gli inquirenti, si sarebbe adoperato «con altri sodali per la continuità del sistema illecito, finalizzato alla creazione di ingenti capitali, costituendo quattro nuove società a responsabilità limitata, facendo sistematico ricorso a prestanome».

Infine sarebbe intervenuto, quale intermediario fra Francesco Leone e Francesco Giordano «per favorire l'operazione di riciclaggio di 30 milioni di euro, custoditi all'interno di un caveau ubicato in un'imprecisata località della Confederazione Elvetica» e «provenienti da un sequestro di persona a scopo di estorsione», per il cui trasferimento, in parte in Italia e all'estero, lo stesso Giordano, con i due capi del sodalizio, Antonio Paolo Zefferino e Luigi Spinelli, s'era reso disponibile.

«L'operazione non andava a buon fine - si legge agli atti dell'inchiesta - per cause indipendenti dalla volontà dei soggetti coinvolti nell'illecita operazione». Una curiosità: il commercialista Noviello avrebbe anche «messo a disposizione del sodalizio criminale la società Levante s.r.l.», da cui prende il nome l'operazione.
  • Francesco Paolo Noviello
  • Arresti Bitonto
Altri contenuti a tema
Papà-eroe morto travolto da una moto. Arrestato un 20enne di Catino Papà-eroe morto travolto da una moto. Arrestato un 20enne di Catino Il giovane in sella, Antonio Cassano, è finito ai domiciliari con l’accusa di omicidio stradale. Non aveva la patente
Il diktat del procuratore Giannella: «Prima i fatti di sangue, poi i clan di Bitonto» Il diktat del procuratore Giannella: «Prima i fatti di sangue, poi i clan di Bitonto» Dopo il blitz contro i Conte, ecco la spallata ai Cipriano che aveva ormai esteso i propri tentacoli anche a Palo del Colle
Arresti a Bitonto, Ricci: «Il segno di una presenza attenta delle forze dell’ordine» Arresti a Bitonto, Ricci: «Il segno di una presenza attenta delle forze dell’ordine» Il primo cittadino: «Dobbiamo guardare con fiducia al lavoro che la magistratura svolge»
Operazione "Porta Robustina", chiuso il cerchio sul clan Cipriano: 25 arresti Operazione "Porta Robustina", chiuso il cerchio sul clan Cipriano: 25 arresti Le indagini partite nel 2017 dopo gli omicidi Sadiku e Tarantino. Contestata l'aggravante del metodo e delle finalità mafiose
Blitz contro il traffico di droga fra Bitonto e Palo del Colle, 25 arresti Blitz contro il traffico di droga fra Bitonto e Palo del Colle, 25 arresti Gli arresti sono in corso anche in altre 5 regioni. Alle ore 10.30 conferenza stampa in Procura
"Levante": chieste 19 condanne: ci sono anche Giordano e Sicolo "Levante": chieste 19 condanne: ci sono anche Giordano e Sicolo I pm hanno chiesto 11 anni e 10 mesi per Sicolo e 10 per Giordano. Altri, tra cui Noviello, hanno chiesto di patteggiare
Rapinatore nel supermercato, i Carabinieri lo bloccano in fuga Rapinatore nel supermercato, i Carabinieri lo bloccano in fuga Nel mirino A&O. Un 38enne armato di un coltello si era fatto consegnare i soldi, ma s'è trovato i militari alle calcagna
Maxi inchiesta "Levante": chiesti 80 rinvii a giudizio Maxi inchiesta "Levante": chiesti 80 rinvii a giudizio L'Antimafia vuole mandare a processo, fra gli altri, i bitontini Sicolo, Giordano e Noviello. Udienza fissata per il 13 maggio
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.