Il sequestro dei Carabinieri
Il sequestro dei Carabinieri
Cronaca

Allo Stato i beni di Giovanni Cipriani: un patrimonio da 20 milioni di euro

Il provvedimento è stato eseguito dai Carabinieri: l'uomo era riuscito a realizzare circa 100 unità immobiliari

Colpito il patrimonio di Giovanni Cipriani, 54enne di Bitonto, già sequestrato tra il 2019 e il 2020. Adesso, a distanza di oltre due anni, è scattato il provvedimento di confisca per i beni disposto dal Tribunale di Bari e eseguito dai Carabinieri: un impero mobiliare e, soprattutto, immobiliare stimato in oltre 20 milioni di euro.

Al termine di un lungo iter processuale, infatti, i militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Bari, hanno dato esecuzione a un decreto di confisca emesso dalla III Sezione del Tribunale di Bari a carico di dell'uomo, gravato da precedenti - anche di natura associativa - per i reati di ricettazione in concorso, appropriazione indebita, estorsione e porto abusivo di armi e colpito, nel recente passato, dal sequestro dell'intero capitale sociale dell'A.R.C. Costruzioni s.r.l..

Il sequestro, operato tra il 2019 e il 2020, che fu emesso dal Tribunale, Sezione Misure di Prevenzione di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica e della Direzione Distrettuale Antimafia nell'ambito della normativa delle misure di prevenzione, che condivise le risultanze investigative dei Carabinieri, aveva permesso di sottrarre alla disponibilità del 54enne e dei suoi stretti familiari, un patrimonio mobiliare e, in particolar modo, immobiliare stimato in oltre 20 milioni di euro.

Attraverso la creazione di una società operante nel settore delle costruzioni - la A.R.C. Costruzioni s.r.l. - e mediante varie fittizie intestazioni, il 54enne di Bitonto era riuscito a realizzare circa 100 unità immobiliari, metà delle quali ancora in fase di costruzione al momento dell'intervenuto sequestro. Insomma, per il fisco viveva con un reddito ben al di sotto della soglia di povertà, ma in realtà gestiva un vero e proprio impero da milioni di euro, tra cui parecchie unità immobiliari.

La confisca, dunque, emessa dalla III Sezione Penale in funzione di Tribunale della Prevenzione di Bari, accoglie l'originaria proposta della Direzione Distrettuale Antimafia, formulata sulla base degli accurati accertamenti patrimoniali eseguiti dalla Sezione specializzata del Reparto Operativo di Bari, attraverso l'analisi dei movimenti contabili e dalle disponibilità accumulate dall'uomo in oltre 30 anni. In questo modo, infatti, sono riusciti a ricostruire l'intero suo profilo criminale.

I militari hanno ricostruito non solo la sua carriera criminale, ma pure gli introiti dell'intero nucleo familiare, ponendo al vaglio dell'Autorità Giudiziaria un corposo quadro indiziario, oggi tramutatosi in un provvedimento di confisca, che testimoniava l'illecita provenienza dell'enorme ricchezza nella disponibilità del 54enne.
  • Carabinieri Bitonto
  • Sequestri Bitonto
  • Giovanni Cipriani
Altri contenuti a tema
18enne aggredito dal branco. Il movente: picchiato per una bandana 18enne aggredito dal branco. Il movente: picchiato per una bandana Il giovane è stato aggredito da tre minori: se la caverà in 20 giorni. Abbaticchio: «Zona videosorvegliata, li prenderemo»
Rapinatore nel supermercato, i Carabinieri lo bloccano in fuga Rapinatore nel supermercato, i Carabinieri lo bloccano in fuga Nel mirino A&O. Un 38enne armato di un coltello si era fatto consegnare i soldi, ma s'è trovato i militari alle calcagna
Truffe agli anziani, i consigli dei Carabinieri Truffe agli anziani, i consigli dei Carabinieri La campagna d'informazione continuerà nei prossimi giorni, da aprile a giugno, con un incontro a Bitonto
Banda dell'Audi A3 a Bitonto: arriva il primo arresto Banda dell'Audi A3 a Bitonto: arriva il primo arresto Erano in tre, per ora è finito in manette solo un 33enne: i Carabinieri già sulle tracce dei complici
Inseguiti dai Carabinieri da Modugno a Bitonto. In manette un 33enne Inseguiti dai Carabinieri da Modugno a Bitonto. In manette un 33enne Recuperata l'auto abbandonata dai complici. All'interno trovati due radio ricetrasmittenti e altrettanti jammer accesi
Carabinieri: Cormio lascia Molfetta, nuovo comandante a Gallipoli Carabinieri: Cormio lascia Molfetta, nuovo comandante a Gallipoli Il neo sottotenente residente a Bitonto saluta la Compagnia: ora dirige il Nucleo Operativo e Radiomobile
Cinque furti di auto in due mesi. Tre bitontini arrestati dai Carabinieri Cinque furti di auto in due mesi. Tre bitontini arrestati dai Carabinieri Agivano da Valenzano a Noicattaro sino a Grumo Appula, Acquaviva delle Fonti e Ruvo di Puglia. Recuperate tre auto
Guidava furgone rubato: 37enne cerignolano arrestato a Bitonto Guidava furgone rubato: 37enne cerignolano arrestato a Bitonto Su di lui pendono le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, riciclaggio e installazione di apparecchiature atte ad intercettare
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.