Inceneritore
Inceneritore
Territorio e Ambiente

Allarme ambiente: ok all'inceneritore di Bari a meno di 1km da Bitonto

Il nuovo impianto sorgerà a poche centinaia di metri dal confine comunale

Un nuovo inceneritore nella zona industriale di Bari, alle porte di Modugno e a poche centinaia di metri dai confini comunali di Bitonto. È il nuovo, incombente, pericolo ambientale per il territorio della città dell'ulivo, che dopo aver pagato, in passato, a caro prezzo l'aver ospitato una discarica di rifiuti su via Giovinazzo e con la possibilità concreta di ritrovarsi una discarica di materiali ferrosi in contrada Colaianni, si trova adesso con un'altra preoccupante spada di Damocle puntata sulla salubrità dell'aria, dell'acqua e della terra del comune. Che è, peraltro, tutt'altro che remota.


Sono giunte, infatti, dopo una serie di diatribe e rifiuti le autorizzazioni necessarie alla costruzione del nuovo impianto da parte della Newo. La società, con sede a Foggia, ha ottenuto dagli uffici regionali la Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) alla costruzione di un impianto di ossido-combustione che si occuperà di bruciare i rifiuti provenienti dall'impianto di bio-stabilizzazione di AMIU Puglia.

Nello specifico, il progetto che ha ottenuto l'approvazione della Regione Puglia prevede che siano due i tipi di rifiuti che verranno smaltiti da questo nuovo impianto per essere poi rimescolati e bruciati. Questo impianto è molto importante per la gestione dei rifiuti baresi, in quanto utile al recupero di materia e di conseguenza di percentuale di raccolta differenziata. Ma non tutti sono d'accordo con la costruzione di questo impianto.

Primo detrattore è il sindaco di Modugno, Nicola Magrione, che seppur non essendo territorialmente di sua competenza, protesta per la vicinanza dell'impianto all'abitato della sua città, in quanto verrà costruito nella zona industriale di Bari che con Modugno è confinante.

«Ci sono nuovi pericoli ambientali – sottolinea Magrone – anche se la nostra amministrazione comunale è l'unica a dire no all'inceneritore rifiuti che la società Newo impianterà in territorio di bari, alle porte di Modugno. Il nulla osta è stato infatti ottenuto grazie al parere favorevole del Comune di Bari, dell'Asl Bari, di Arpa Puglia, Vigiie del Fuoco, Asi e soprintendenza. Si andrà così a realizzare un impianto che brucerà rifiuti pericolosi nella zona industriale di Bari-Modugno, per il quale la Newo ha anche presentato istanza per ottenere finanziamenti regionali».
  • discarica
Altri contenuti a tema
«Con i risarcimenti del processo contro la Fer.Live un’opera che ricordi l’impegno di Bitonto» «Con i risarcimenti del processo contro la Fer.Live un’opera che ricordi l’impegno di Bitonto» La proposta dei politici bitontini per non dimenticare il momento di unità
Il blocco alla discarica Fer.Live è (adesso) «una vittoria di tutti» Il blocco alla discarica Fer.Live è (adesso) «una vittoria di tutti» Politica e associazionismo vincono la battaglia. Nonostante le baruffe
I giudici stoppano la discarica Fer.Live e condannano la società a pagare le spese processuali I giudici stoppano la discarica Fer.Live e condannano la società a pagare le spese processuali Le motivazioni della sentenza che ha disinnescato la bomba ecologica che rischiava di nascere in contrada Colaianni
Finisce un incubo per Bitonto: il consiglio di Stato dice NO alla discarica Fer.live Finisce un incubo per Bitonto: il consiglio di Stato dice NO alla discarica Fer.live Abbaticchio: «È un bel giorno per Bitonto. Tutta intera»
Il comitato anti discarica si difende sulla raccolta firme: «Attacchi gratuiti e senza fondamento» Il comitato anti discarica si difende sulla raccolta firme: «Attacchi gratuiti e senza fondamento» Le precisazioni di “Ambiente è Vita” sull’iniziativa contro la Fer.live
Ex-discarica di Bitonto: dalla Regione 370mila euro per la bonifica Ex-discarica di Bitonto: dalla Regione 370mila euro per la bonifica Saranno impiegati per il piano di caratterizzazione e l’analisi di rischio
Multe a forestieri e bitontini sporcaccioni, Sass e Fare Verde contro i «nuovi barbari» Multe a forestieri e bitontini sporcaccioni, Sass e Fare Verde contro i «nuovi barbari» «Bene il lavoro della Polizia Municipale, ma non abbassiamo la guardia»
Contro il degrado urbano un app per segnalare discariche, vandalismi e affissioni abusive Contro il degrado urbano un app per segnalare discariche, vandalismi e affissioni abusive La proposta è dell'associazione SASS Puglia Onlus che ha chiesto l'adesione del comune di Bitonto
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.