Polisportiva Elos
Polisportiva Elos
Attualità

«Sportivamente… rimettiamoci in gioco», l’integrazione parte dal calcio

La Polisportiva Elos protagonista ieri in un torneo per dare un calcio alle barriere

L'Associazione Polisportiva Disabili Elos di Bitonto è scesa ancora una volta in campo ieri per dare un calcio alle barriere e ai confini. Nell'ambito della nona edizione del campionato regionale di Calcio a 6 ANPIS 2017/2018 "Sportivamente… rimettiamoci in gioco", organizzato dal C.S.I. Puglia (Centro Sportivo Italiano) e dall'A.N.P.I.S. Puglia (Associazione Nazionale Polisportive per l'Integrazione Sociale), le dodici squadre che si alternano nelle partite sono giunte a metà del campionato.
Ieri mattina è toccato alla Elos Bitonto giocare fuori casa, a Taurisano, in provincia di Lecce, ospitata dal Sol Levante A. Assieme agli atleti diversamente abili, nella squadra composta da sei giocatori sono due, in numero massimo, gli operatori schierati in campo. Così vincono tutti, vince il team, vincono la ricchezza di sfumature e colori e la partecipazione, contro ogni forma di barriera sociale o sportiva. Molte ancora sono le partite in calendario, che permetteranno alla squadra bitontina di giocare, confrontarsi e crescere, assieme alle altre associazioni della regione partecipanti al campionato A.N.P.I.S.
Che lo sport sia fonte di innumerevoli benefici psicofisici è ormai cosa nota, sia che a praticarlo siano atleti normodotati che con bisogni speciali. Ma al di là dei dati, al di là delle teorie e delle risposte in termini scientifici, sia per gli uni che per gli altri il momento prima di scendere in campo il cuore batterà all'impazzata, le gambe tremeranno e l'energia sarà incontenibile. E poi sarà difficile trattenere i sorrisi, quando al termine della partita tutti si guarderanno e si stringeranno la mano.
Tirare un calcio a un pallone, fare goal e affidarsi al proprio compagno di squadra, per dei ragazzi con disabilità, assumono il sapore di una vittoria che va oltre ogni punteggio e oltre il colore della propria divisa. Perché tutto ciò significa avere l'occasione di esprimere il proprio potenziale e la propria passione. Significa sentire di avere un ruolo e un obiettivo, sapere di essere ingranaggio indispensabile nel meccanismo del gioco di squadra. Così si cresce, passo dopo passo, come comunità, garantendo ai ragazzi con bisogni speciali dello spazio condiviso per colorare la propria personalissima tela. Perché nei loro sguardi i colori, in gioco, sono infiniti e brillanti.

  • Elos
  • disabilità
  • Polisportiva Disabili Elos
  • Polisportiva Elos
  • Polisportiva Elos Bitonto
Altri contenuti a tema
Due immobili confiscati alla mafia a Bitonto destinati ai disabili grazie alla ROAD Due immobili confiscati alla mafia a Bitonto destinati ai disabili grazie alla ROAD Col calendario “12 Sorrisi d’Amore” si cercano fondi per la ristrutturazione e l’adeguamento
La negligenza di singoli e istituzioni trasforma la disabilità in handicap La negligenza di singoli e istituzioni trasforma la disabilità in handicap Il monito della ROAD nella giornata Internazionale delle persone con disabilità
Cross the Gap: un ponte tra Bitonto e la Grecia nel segno dell’accessibilità Cross the Gap: un ponte tra Bitonto e la Grecia nel segno dell’accessibilità Domani sarà presentato in biblioteca il progetto di cooperazione transfrontaliera
Polisportiva Elos Bitonto: Simone Colasuonno agli europei di corsa campestre Polisportiva Elos Bitonto: Simone Colasuonno agli europei di corsa campestre I campionati si svolgeranno quest’anno in Italia
Due mezzi per disabili del Comune fermi da due mesi: la ROAD chiede l'assegnazione Due mezzi per disabili del Comune fermi da due mesi: la ROAD chiede l'assegnazione Tante le persone con disabilità che chiedono aiuto per la mobilità urbana
Buoni per disabili e anziani, Damascelli (FI): «Molti esclusi per carenza di fondi» Buoni per disabili e anziani, Damascelli (FI): «Molti esclusi per carenza di fondi» Il consigliere regionale chiede alla giunta interventi immediati per garantire le coperture finanziarie necessarie
TrackAbility vince a Rimini la Call For Impact su Turismo Sostenibile e Accessibile TrackAbility vince a Rimini la Call For Impact su Turismo Sostenibile e Accessibile La bitontina Lucia Carbonara e le sue colleghe premiate con un percorso di incubazione ed accelerazione del loro progetto
Alla Run Bit One anche i ragazzi speciali della ROAD Alla Run Bit One anche i ragazzi speciali della ROAD Ospite d’eccezione il tedoforo dei giochi olimpici di Londra 2012 e PyeongChang 2018, Vittorio Brandi
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.