Il ramo caduto in via Traiana
Il ramo caduto in via Traiana
Cronaca

Ramo “dimenticato” dopo la potatura cade in via Traiana

Non ci sono feriti. È stato lasciato in bilico probabilmente dopo i lavori eseguiti in settimana

È caduto al suolo da un'altezza di alcune decine di metri, senza colpire fortunatamente nessuno, a pochi giorni dai lavori con cui l'amministrazione comunale aveva inteso "mettere in sicurezza" quegli alberi con una potatura. Pericolo scampato per i residenti di via Traiana a Bitonto, dove ieri è precipitato sul marciapiedi un grosso ramo di pino, rimasto in bilico per chissà quanto tempo sulle teste dei passanti che circolavano ignari del rischio. Non si tratta però di un ramo spezzato e caduto accidentalmente, ma di un tralcio deliberatamente segato e con ogni probabilità lasciato incastrato nella chioma proprio durante i lavori con cui, in teoria, i pini di via Traiana avrebbero dovuto smettere di rappresentare un "pericolo" per la comunità. Anche se, in realtà, quel ramo, sano, probabilmente non sarebbe mai nemmeno caduto senza l'intervento dell'uomo. Una "dimenticanza", insomma, che sarebbe potuta costare caro se qualcuno si fosse trovato sulla traiettoria di caduta del grosso pezzo di legno.

Le prime perplessità sui lavori effettuati dal Comune erano emerse già durante la loro esecuzione, decisa per evitare che il vento potesse spezzare i tralci e ferire qualcuno. Ma invece che potarne solo la chioma, per due alberi è stato deciso un taglio netto alla base. Un destino che, stando a quanto riferito da Palazzo Gentile, toccherà a breve anche ad altri due "colleghi" sulla stessa strada e a cui difficilmente, col tempo, sfuggiranno tutti gli altri della "via del Cimitero" se la "filosofia" di intervento sarà sempre la stessa: un albero troppo alto si "sega" anziché essere curato quando è ancora possibile. Una questione denunciata negli scorsi giorni da Gino Ancona, "mastino da guardia" delle ricchezze storiche, architettoniche e naturalistiche del territorio, che su questo episodio ha una sua precisa lettura.
«Sono state create le condizioni per rendere pericolosi gli alberi su via Traiana – ha detto Ancona, commentando l'accaduto – per avere poi una giustificazione ad abbatterne altri. Alla base dei tronchi di altri pini, poi, ci sono i segni dei tagli tentati in passato proprio per indebolirli e farli morire».

La vicenda ha diviso anche la comunità fra quanti ritengono che quei pini secolari rappresentino davvero un pericolo o un "fastidio" per i residenti, non solo per la chioma ma anche per le poderose radici che scorrono sottoterra, e chi invece ritiene si stia semplicemente drasticamente riducendo una parte importante di un prezioso "polmone verde" che contribuisce a ripulire l'aria dai veleni dell'urbanizzazione in una città storicamente e tristemente sfornita di grandi aree verdi cittadine. E che proprio negli scorsi mesi ha "perso" un altro pezzo di quel polmone: i pini di via Giovanna da Durazzo sono infatti ormai solo un ricordo visto che sono stati segati per cause molto simili: in questo caso le radici avevano reso impercorribile un lato della strada privata col rischio concreto che i residenti restassero "ostaggi" degli alberi.
Una perdita, in ogni caso, che, se non controbilanciata con la piantumazione di altri esemplari in zona, abbatte in maniera considerevole la possibilità di ripulire l'aria di un intero quartiere.
4 fotoIl ramo caduto in via Traiana e via Durazzo prima del taglio dei pini
gli alberi di via durazzoLa recisione del ramo caduto in via TraianaIl ramo caduto in via TraianaUn segno alla base del tronco
  • Cimitero
  • Gino Ancona
Altri contenuti a tema
Pini abbattuti in via Traiana, Fare Verde: «Subito un piano di riforestazione» Pini abbattuti in via Traiana, Fare Verde: «Subito un piano di riforestazione» Per l’associazione ambientalista bitontina prima delle conseguenze estreme necessario curare le cause
Pini secolari pericolanti abbattuti a Bitonto in via Traiana Pini secolari pericolanti abbattuti a Bitonto in via Traiana Gino Ancona: «Andavano potati prima. I tronchi erano sanissimi»
Domenica 11 novembre Bitonto commemora i caduti in guerra Domenica 11 novembre Bitonto commemora i caduti in guerra Prima la Santa Messa nel Cimitero poi sarà deposta una corona davanti al Monumento ai Caduti
1 Lampade votive: il Comune vuole l’elenco dei cittadini che hanno pagato Lampade votive: il Comune vuole l’elenco dei cittadini che hanno pagato Intanto Sinistra Italiana e il consigliere comunale Dino Ciminiello critici sulla scelta delle lampade a batteria
Lampade votive, Abbaticchio: «Tuteleremo anche le più piccole quote pagate e non dovute» Lampade votive, Abbaticchio: «Tuteleremo anche le più piccole quote pagate e non dovute» Il sindaco di Bitonto annuncia tempi ancora lunghi per il bando per il nuovo concessionario. Si andrà avanti con le lampade a led
SI Bitonto: «Sulle lampade votive le nostre domande risvegliano l’amministrazione» SI Bitonto: «Sulle lampade votive le nostre domande risvegliano l’amministrazione» La locale sezione del partito chiede altri chiarimenti sulla questione
Al via i lavori per la costruzione di 120 nuovi loculi nel cimitero di Bitonto Al via i lavori per la costruzione di 120 nuovi loculi nel cimitero di Bitonto Sulle lampade votive Abbaticchio rassicura: «Soluzione entro la prossima settimana. E ridurremo i costi»
Sinistra Italiana: «Amministrazione Abbaticchio come il Governo nazionale» Sinistra Italiana: «Amministrazione Abbaticchio come il Governo nazionale» «Ancora nessun concessionario per le lampade votive del Cimitero dopo la rescissione col vecchio gestore»
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.