Il signor Franco
Il signor Franco
Cronaca

In coma dopo una caduta, si sveglia e riabbraccia i suoi cari

Il figlio: «Grazie al personale del Di Venere. Testimonianza di una sanità che funziona»

Una brutta caduta l'aveva strappato all'affetto dei suoi cari, costringendolo a uno stato di coma durato oltre due mesi, ma grazie all'amore della sua famiglia e alla grande professionalità dei medici che l'avevano in cura ha potuto svegliarsi e tornare ad abbracciare parenti e amici.
É una storia a lieto fine quella di Franco, 53enne di Bitonto che lo scorso 29 gennaio ha subito un brutto incidente per il quale è piombato in uno stato d'incoscienza lasciando nello sconforto le persone a lui vicine. Giorni di preoccupazione e ansia, sempre però saldamente legate alla speranza che non ha mai abbandonato chi, insieme a Franco, lottava per restituirlo alla vita. Grazie alle cure del personale del reparto di Rianimazione dell'Ospedale "Di Venere" di Bari, settimana dopo settimana il 53enne ha però iniziato a mostrare segni di miglioramento, dando ancora maggiore coraggio ai suoi cari che lo hanno costantemente sostenuto. Fino a pochi giorni fa quando Franco ha finalmente riaperto gli occhi e ha potuto riabbracciare tutti.

Certo, ora davanti a lui c'è un articolato percorso di riabilitazione, ma il peggio è certamente alle spalle e a confermarlo è il figlio Maurizio, che ha voluto pubblicamente rassegnare «un ringraziamento e un grandissimo apprezzamento per le immense qualità professionali e umane di tutto il personale del reparto di Unità di terapia intensiva del Di Venere, a Bari, dove è stato ricoverato fino al 27 marzo. In tutti questi giorni è stato curato meravigliosamente da tutti i medici e gli infermieri. Noi figli e mia madre siamo stati costantemente informati, ma quello che ancora di più ci ha stupito è che ci siamo sentiti veramente sostenuti anche a livello emotivo. Efficienza, altissima professionalità e umanità sono le caratteristiche che meglio sintetizzano le qualità di tutti gli operatori di questo reparto. Un grazie veramente di cuore da tutti noi in particolare al dottor Loris Cristofoli, agli infermieri, di cui purtroppo non ricordo tutti i nomi ma che hanno accudito costantemente e amorevolmente mio padre. Papà, grazie alle loro cure, è uscito dal coma e ora sta facendo riabilitazione presso la struttura specializzata di Cassano. Vorrei che tanta gente sappia che c'è anche una sanità che funziona e lo fa veramente bene. Grazie a parenti e amici che ci sono stati molto vicini in questo brutto periodo della nostra vita».
  • Bari
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Stasera allo Showville in scena l'Aladdin della Danza Arte Spettacolo Stasera allo Showville in scena l'Aladdin della Danza Arte Spettacolo La scuola di danza bitontina festeggia la chiusura dell'anno accademico con un grande classico
Domenica manifestazione per il ragazzo bitontino pestato dai bulli Domenica manifestazione per il ragazzo bitontino pestato dai bulli Abbaticchio chiama a raccolta la comunità: «A Palese per dire che non abbiamo paura e che siamo tutti fratelli»
Picchiato perchè di Bitonto, Abbaticchio: «Vigliacchi, vi aspetto davanti ai giudici» Picchiato perchè di Bitonto, Abbaticchio: «Vigliacchi, vi aspetto davanti ai giudici» I Carabinieri potrebbero acquisire i video di alcune telecamere di videosorveglianza per risalire ai responsabili
Domani Open Day con le ostetriche alla Mater Dei per la Festa della Mamma Domani Open Day con le ostetriche alla Mater Dei per la Festa della Mamma Future mamme e neo mamme incontreranno il personale di Ginecologia e Ostetricia per ricevere consigli e indicazioni
«Ti curi solo se paghi». Giostraio malato di sclerosi multipla si uccide con un colpo di pistola «Ti curi solo se paghi». Giostraio malato di sclerosi multipla si uccide con un colpo di pistola Scossa l'intera comunità. Il sindaco: «Un amico. Una bravissima persona»
Italia in Comune su Decaro per le Amministrative di Bari Italia in Comune su Decaro per le Amministrative di Bari Il coordinatore regionale Abbaticchio: «Giusto dare continuità a un sindaco che ha operato bene»
Con #pensaachiresta il comune dichiara guerra alle vittime della strada per l'abuso di alcol, droghe e telefonini Con #pensaachiresta il comune dichiara guerra alle vittime della strada per l'abuso di alcol, droghe e telefonini Presentato negli scorsi il progetto di sensibilizzazione che coinvolge anche il comune di Bari
«La mia lotta con l'endometriosi»: il coraggio di Giorgia «La mia lotta con l'endometriosi»: il coraggio di Giorgia Una storia di forza e speranza per parlare di una malattia poco nota e talvolta nemmeno diagnosticata
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.