Truffe agli anziani
Truffe agli anziani
Cronaca

Bitontini occhio alla truffa: in azione falsi tecnici per controllare la qualità del segnale TV

Il racconto di un testimone: «L'ho scacciato, ma gli anziani sono a rischio»

Si presentano alla porta dicendo di essere tecnici al lavoro per controllare la qualità del segnale digitale terrestre, ma si tratta di una truffa e sono gli anziani le vittime maggiormente a rischio. Arriva anche a Bitonto un raggiro che ha già fatto il giro del Belpaese, con segnalazioni praticamente in ogni zona d'Italia. La denuncia proviene proprio da una delle vittime, per fortuna scampata, della truffa, che ha descritto minuziosamente l'incontro con uno di questi personaggi, in questo caso una donna.


«Si è presentata a casa mia tale signora Mariangela, da Genzano di Lucania – racconta il testimone - che diceva di svolgere un'indagine statistica per IPSOS sulla qualità del segnale del digitale terrestre e di aver lavorato per conto di altre agenzie più o meno note. Lei avrebbe preferito salire in casa ma sono sceso giù nell'atrio del vano scale per incontrare questa persona. Quando le ho chiesto di identificarsi mi ha mostrato un badge anonimo con un foglio su cui è stampato "IPSOS" e a penna è scritto il suo nome; non lo porta esposto poiché, dice, "il badge è rotto". Sul badge non è esposto alcun identificativo di questa persona. Le ho chiesto anche di mostrarmi del materiale cartaceo ufficiale della IPSOS, ma mi ha mostrato delle fotocopie in bianco/nero stampate con informazioni reperibili facilmente da internet. Inoltre aveva con se un mini portatile da cui leggeva le domande e prendeva appunti sulle risposte e da quel che ho intravisto era un programma di videoscrittura tipo "notepad", quindi senza loghi nè IPSOS nè di alcuna agenzia di indagini statistiche, assolutamente anonimo».

Dopo la superficiale e raffazzonata presentazione, la truffatrice passa all'azione, chiedendo informazioni sui beni posseduti in casa, chiaro tentativo di farsi un'idea di un possibile bottino.
«La prima domanda che ha posto – continua il racconto - riguardava il numero di televisori posseduti in casa, ma, visto il grado di improvvisazione e trovando la situazione alquanto improbabile non le ho risposto e l'ho congedata. Volevo metterne a conoscenza la nostra comunità al fine di evitare eventuali truffe, soprattutto a discapito degli anziani».
  • Truffe Bitonto
  • Anziani Bitonto
Altri contenuti a tema
Decessi Covid nella Rsa di Bitonto: indagano i Carabinieri Decessi Covid nella Rsa di Bitonto: indagano i Carabinieri La Procura di Bari ha aperto un'inchiesta sui focolai nelle residenze per anziani del Barese
Decessi Covid nella Rssa di Bitonto: «Condividiamo il dolore per la perdita» Decessi Covid nella Rssa di Bitonto: «Condividiamo il dolore per la perdita» La direzione di Villa Giovanni XXIII alle prese con l'emergenza: «Sempre la dovuta informazione a ogni famigliare di riferimento»
Tre decessi fra gli anziani della Rssa di Bitonto: erano positivi al Covid Tre decessi fra gli anziani della Rssa di Bitonto: erano positivi al Covid Condizioni peggiorate con l'aggravarsi delle altre patologie da cui erano affetti. Castro: «Nemico subdolo»
1 Si spaccia per l'antennista ma è un ladro. A Bitonto anziani nel mirino Si spaccia per l'antennista ma è un ladro. A Bitonto anziani nel mirino La segnalazione di una delle vittime: «Fate attenzione»
«Gli anziani di villa Giovanni XXIII accuditi in sicurezza» «Gli anziani di villa Giovanni XXIII accuditi in sicurezza» Il direttore Castro chiarisce: «Col personale falcidiato impossibile rispondere celermente. Ma sono tutti in buone condizioni»
Centro anziani chiuso a Bitonto per nuovo focolaio Covid Centro anziani chiuso a Bitonto per nuovo focolaio Covid Tre operatori e una decina di ospiti risultati positivi
Focolaio Covid fra gli anziani: i parroci di Bitonto uniti in preghiera Focolaio Covid fra gli anziani: i parroci di Bitonto uniti in preghiera Preoccupa il cluster individuato fra gli ospiti di Villa Giovanni XXIII
Truffa alla Regione: Michele ed Enrico Primavera non rispondono al Gip Truffa alla Regione: Michele ed Enrico Primavera non rispondono al Gip I due bitontini, padre e figlio, arrestati ieri dalla Guardia di Finanza, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.