Sparatoria Bitonto
Sparatoria Bitonto
Cronaca

VIDEO - Sparatoria Porta Robustina: l'anziana di passaggio morta per un regolamento di conti

L'obiettivo dei sicari ferito nell'agguato è fuori pericolo di vita

Anna Rosa Tarantino, 84 anni, alle ore 07.40 del 30 dicembre 2017 è stato uccisa senza una vera ragione. O meglio, la ragione è che si è trovata per sbaglio in mezzo ad una guerra tra due gruppi criminali rivali da anni per la gestione dei business illeciti a Bitonto.

La sparatoria è avvenuta a Porta Robustina, all'ingresso del borgo antico. Almeno 17 i colpi, tra pistole automatiche e revolver, rinvenuti fra via delle Marteri e arco Sant'Andrea, uno dei quali ha colpito mortalmente l'84enne ad un fianco. La donna potrebbe essere stata utilizzata come scudo umano dall'obiettivo dei sicari, il 20enne Giuseppe Casadibari, con precedenti penali, tra cui lo spaccio di droga, e ritenuto vicino al clan Cipriano.

L'anziana è morta in ambulanza poco prima dell'arrivo nell'ospedale San Paolo di Bari, mentre il 23enne, arrivato da solo al punto di primo intervento di Bitonto, è stato successivamente trasportato al Policlinico di Bari: colpito ad una clavicola e al torace, ha subito la perforazione del polmone. È stato sottoposto ad un intervento chirurgico, «ma - fanno sapere dalla direzione sanitaria dell'ospedale - non sarebbe in pericolo di vita».

Sono almeno due le armi usate nell'agguato. Stando ai primi accertamenti fatti sul posto da Squadra Mobile e Carabinieri, coordinati dai pm Marco D'Agostino e Ettore Cardinali della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, i sicari avrebbero inseguito in sella a due scooter il 20enne all'interno del centro storico, sparando almeno 17 colpi da una pistola automatica e altri, non ancora quantificati, da un revolver.

Questa dovrebbe essere l'arma utilizzata per uccidere la donna, raggiunta da un colpo ad un fianco. Vittima innocente di un regolamento di conti fra il gruppo dei Cipriano, attivo nel centro storico, e quello dei Conte-Cassano, particolarmente attivo nella zona 167. E proprio in periferia, intorno alle ore 08.00, è arrivata la rappresaglia. Una pioggia di proiettili ha colpito il portone di uno dei condomini di via Pertini, a pochi passi dalla Stazione dei Carabinieri.

In via Pertini, in un quartiere ad alta densità di case popolari e dove risiedono esponenti del clan Conte-Cassano, i colpi sparati, probabilmente da alcuni sicari che avrebbero raggiunto il posto a bordo di uno scooter, hanno centrato anche Rocky, un pastore tedesco che faceva da guardia. Sull'asfalto i Carabinieri della Stazione di Bitonto e della Compagnia di Molfetta hanno contato 31 bossoli di diverso calibro.

Nel centro storico sono ancora in corso i rilievi della Polizia Scientifica e nella 167 le perquisizioni dei Carabinieri: nel primo pomeriggio i Vigili del Fuoco hanno sfondato una porta blindata e rinvenuto, all'interno di un borsone, 4.000 euro in contanti e stupefacenti, del tipo cocaina, eroina ed hashish.
  • Sparatoria Bitonto
  • Omicidio Tarantino Bitonto
Altri contenuti a tema
Domenico Conte, latitante e irreperibile Domenico Conte, latitante e irreperibile Lo status del presunto boss certificato dal giudice per le indagini preliminari Giovanni Anglana
La caccia al presunto boss Conte arriva a Chi l'ha visto La caccia al presunto boss Conte arriva a Chi l'ha visto Gli inquirenti hanno chiesto attraverso la trasmissione la collaborazione dei cittadini
Caccia grossa a Domenico Conte, numerose perquisizioni Caccia grossa a Domenico Conte, numerose perquisizioni La Polizia e i Carabinieri hanno passato al setaccio numerose abitazioni del popolare rione 167
Conte in fuga, le forze dell'ordine: «Attenzione, è pericoloso» Conte in fuga, le forze dell'ordine: «Attenzione, è pericoloso» Il boss è munito di passaporto ma, per gli investigatori, il 48enne non sarebbe lontano
«È Domenico Conte il mandante della sparatoria» «È Domenico Conte il mandante della sparatoria» Sabba e Papaleo avrebbero agito «su espresso mandato di Conte e avvisati da D'Elia». Che però ha negato
Anziana uccisa a Bitonto, ancora latitante il boss Conte Anziana uccisa a Bitonto, ancora latitante il boss Conte Il 48enne è ritenuto il mandante della sparatoria che il 30 dicembre scorso costò la vita ad Anna Rosa Tarantino
Sparatoria in strada, passante uccisa. Il mandante era Domenico Conte Sparatoria in strada, passante uccisa. Il mandante era Domenico Conte Emesso un ordine di arresto. Il presunto boss, da ieri latitante, avrebbe avuto un ruolo decisivo. Arrestato un altro sodale 28enne
«Sabba già parte a sparare, la vecchiarella non la vedono proprio» «Sabba già parte a sparare, la vecchiarella non la vedono proprio» Il racconto del pentito Tarullo agli investigatori: «Incominciano a sparare e Papaleo spara anche lui»
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.