La planimetria del nuovo parco
La planimetria del nuovo parco
Territorio e Ambiente

Parco “Antica via Traiana”: presentata la candidatura al Ministero

La Città Metropolitana completa l'iter. Decaro: «Percorso unitario e condiviso»

C'è anche il nuovo parco di forestazione urbana di Bitonto "Antica via Traiana" fra i 39 progetti, suddivisi in tre aree di intervento, presentati dalla Città Metropolitana di Bari al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel "Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell'Abitare". Un totale di 45 milioni di euro complessivi che, se accolto, andrà a a riqualificare, incrementare e rigenerare il patrimonio residenziale sociale, il tessuto socio-economico, l'accessibilità, la sicurezza dei luoghi, gli spazi, gli immobili pubblici e la coesione sociale e la qualità della vita dei cittadini.

«Una candidatura – spiegano dalla Città Metropolitana - che arriva dopo un'intesa attività di analisi, studio, partecipazione e ascolto avviata a dicembre scorso con tutti i 41 Comuni del territorio, ma aperta anche ad associazioni datoriali e imprenditoriali, Università, Enti di ricerca, e all'intera compagine sociale del territorio metropolitano finalizzata a condividere informazioni, raccogliere idee e proposte da cui, coerentemente, sono scaturiti i singoli progetti».

«Un'attività che ha visto impegnati – si legge ancora nella nota - il vicesindaco, nonché consigliere delegato alla Pianificazione strategica Michele Abbaticchio, Luigi Ranieri, referente in materia di pianificazione strategica del sindaco metropolitano, Antonio Decaro, e il gruppo di lavoro composto da dipendenti tecnici e amministrativi della Città metropolitana. Questo ha consentito alla Città metropolitana di presentare una candidatura unitaria, condivisa ed integrata che, nello stesso tempo, sintetizza e valorizza le specificità e le caratteristiche distintive dei Comuni coinvolti. Una candidatura che non si limita ad una somma di interventi distinti, ma è l'espressione unica della comune volontà di intervenire sull'intera area metropolitana per ridurre il disagio abitativo e sociale mediante la valorizzazione e la modernizzazione dei contesti abitativi prescelti. Anche in questo caso, così come è avvenuto nel 2016 in occasione del Bando Periferie, la Città metropolitana di Bari ha svolto un ruolo di coordinamento nello sviluppo del proprio territorio, una metodologia di intervento definita dal modello di governance del processo di pianificazione strategica dello sviluppo del medesimo, di cui l'Ente si è dotato fin dal 2016. Un modello multilivello, fortemente incentrato sui principi di co-pianificazione, co-progettazione, condivisione e partecipazione».

«Il principio ispiratore di questa nuova progettualità comune – ha detto il sindaco metropolitano, Antonio Decaro - è il medesimo con quale la Città metropolitana è nata e ha condotto tutte le sue attività sino ad oggi: se cresciamo tutti insieme il territorio ne beneficia e i cittadini si sentono parte di un'unica comunità. Per questo dopo il successo della candidatura al Bando periferie del 2016 abbiamo voluto replicare la stessa esperienza pianificando in maniere sinergica e integrata gli interventi da realizzare mantenendo e valorizzando le specificità dei singoli territori. In questo modo potremo avere uno sviluppo omogeneo dei luoghi dell'area metropolitana garantendo a tutti i Comuni la stessa possibilità di accesso ai fondi e lo stesso livello di assistenza progettuale e procedurale».

Il progetto del parco Antica via Traiana di Bitonto è stato inserito nella macroarea:"Nuova ecologia dell'abitare", che mira a rispondere «a specifici biso­gni di sviluppo sostenibile delle comunità locali, mediante interventi diretti alla cura e al riequilibrio dei territori, con riferimento ai margini urbani degli insediamenti a contatto con lo spazio agricolo e naturale periurbano».

«Le aree di intervento individuate – spiegano ancora dalla Città Metropolitana - si caratterizzano per condizione geografica di distanza dalla città consolidata, di isolamento e degrado. Spesso includono zone di edilizia residenziale pubblica, aree PEEP, o insediamenti ai margini della città consolidata, investiti da processi di depauperamento delle risorse ambientali, caratterizzati dalla presenza di immobili sottoutilizzati o dismessi, dall'assenza di presidi per la vita in comunità. Al confine con lo spazio agricolo, in una condizione di indifferenza agli ampi spazi agricoli e naturali che li circondano, sotto l'aspetto formale, spaziale e relazionale, verso i quali resiste il solo legame visivo. Sono presenti, in misura variabile, fenomeni di abbandono, degrado edilizio, igienico, ambientale e sociale. Il degrado può manifestarsi in misura variabile negli impianti morfologici, nelle dotazioni infrastrutturali e di servizi, nelle condizioni del patrimonio edilizio e in quelle generali della vivibilità e dell'ambiente urbano. Per ciascuno dei contesti individuati la proposta costruisce un progetto di riqualificazione paesaggistica attraverso l'introduzione di una nuova matrice ambientale, costituita dal grande spazio naturale e agricolo di margine, integrata alla componente insediativa. Si persegue, quindi, una riorganizzazione fisica ed ecologica dei luoghi, volta al riequilibrio della distribuzione di servizi, di dotazioni territoriali, di infrastrutture per la mobilità dolce, alla riqualificazione e rifunzionalizzazione del patrimonio edilizio, nonché alla riduzione del disagio sociale e abitativo».




  • Antonio Decaro
  • città metropolitana
Altri contenuti a tema
Pubblicati due importanti avvisi del Progetto AgriCultura Pubblicati due importanti avvisi del Progetto AgriCultura Il primo rivolto a 75 giovani e il secondo dedicato alle organizzazioni
Consiglio metropolitano approva il Bilancio di previsione 2021 – 2023 Consiglio metropolitano approva il Bilancio di previsione 2021 – 2023 Il consigliere delegato, Michele Laporta: «Più capacità di spesa e nuove assunzioni»
Ripartono i concorsi alla Città metropolitana di Bari: 12 nuove assunzioni a tempo indeterminato Ripartono i concorsi alla Città metropolitana di Bari: 12 nuove assunzioni a tempo indeterminato «Parte un ricambio generazionale dell'intera macchina amministrativa a seguito del pensionamento di tanti dipendenti» ha affermato Decaro
Il liceo Sylos di Bitonto tra le scuole bersaglio del finanziamento da 19 milioni della Città Metropolitana Il liceo Sylos di Bitonto tra le scuole bersaglio del finanziamento da 19 milioni della Città Metropolitana I fondi in arrivo dal dal Ministero dell’Istruzione per manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico
Lega Salvini: «Abbaticchio è la brutta copia di Decaro» Lega Salvini: «Abbaticchio è la brutta copia di Decaro» Per i leghisti bitontini il sindaco di Bari «mantiene aperte le attività anche dopo le 19»
“Qualità dell’abitare”: 15 milioni per centri storici e periferie “Qualità dell’abitare”: 15 milioni per centri storici e periferie Tre incontri on line promossi dalla Città Metropolitana per le proposte di associazioni e cittadini. Abbaticchio: «Occasione da non perdere»
«Cavi in alluminio per l'illuminazione pubblica tra Bitonto e le frazioni» «Cavi in alluminio per l'illuminazione pubblica tra Bitonto e le frazioni» Il consigliere comunale Ciminiello (Italia in Comune) chiede interventi alternativi alla Città Metropolitana
Michele Abbaticchio riconfermato vicesindaco della Città metropolitana di Bari Michele Abbaticchio riconfermato vicesindaco della Città metropolitana di Bari Il sindaco di Bitonto era già delegato alla Pianificazione Strategica
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.