Cure mediche
Cure mediche
Attualità

Ok dal Ministero ai farmaci per malattie rare, ma Asl e Regione restano al palo

Damascelli (FI): «Inconcepibile che le famiglie debbano farsi carico dell'inefficienza della politica»

«Il Ministero della Salute ha dato il via libera, ma la Regione Puglia ancora non si adopera». Questo, in estrema sintesi, il commento del consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli, che ha depositato un'interrogazione urgente sul rimborso dei farmaci indispensabili e insostituibili di fascia C per il trattamento delle malattie rare, come nel caso di un bambino dell'hinterland barese affetto da ittiosi congenita , una malattia che non può essere curata ma solo trattata con unguenti e creme infungibili e costosi.

«Il Ministero – spiega il forzista - ha dichiarato che le Asl, a seguito di valutazione clinica, possono rimborsare questi farmaci, qualora non vi sia alternativa terapeutica. Eppure, nonostante questo chiarimento atteso dai pazienti e dalle loro famiglie, la Regione non si è ancora attivata, e quasi tutte le Asl non hanno ripreso ad erogare i farmaci. A patire le conseguenze di questo immobilismo sono i pazienti, ingiustamente privati del sollievo di trattamenti di cui non possono fare a meno. Si tratta di medicine necessarie per alleviare le sofferenze quotidiane dei malati e assicurare loro una migliore qualità della vita, ed è inconcepibile che a farsene carico debbano essere le famiglie».

«La Giunta regionale – è la richiesta di Damascelli - spieghi perché non ha ancora autorizzato il rimborso dei farmaci, dimostrando imperdonabile disattenzione nei confronti di cittadini che vivono in condizioni difficili. E assicuri alle famiglie coinvolte un sostegno concreto, sbloccando subito le procedure per i rimborsi, evitando lungaggini burocratiche e calcoli ragionieristici».
  • Domenico Damascelli
  • Regione Puglia
  • Asl Bari
Altri contenuti a tema
La piccola Rosalba è stabile ma ancora in gravi condizioni La piccola Rosalba è stabile ma ancora in gravi condizioni Negativi, intanto, i controlli dei Nas sui cibi assunti dalla paziente
Rosalba lotta contro la SEU: gara di solidarietà per aiutarla Rosalba lotta contro la SEU: gara di solidarietà per aiutarla Stasera veglia di preghiera nella chiesa del Crocifisso di Bitonto
Damascelli (FI): «Emiliano a Bitonto in passerella: nemmeno una visita all'ex ospedale» Damascelli (FI): «Emiliano a Bitonto in passerella: nemmeno una visita all'ex ospedale» Il consigliere regionale critico col governatore: «Ignorati i gravi problemi che segnaliamo da tempo»
1 Incidenti stradali: la sp 231 è la provinciale più pericolosa di Puglia Incidenti stradali: la sp 231 è la provinciale più pericolosa di Puglia Diminuiscono i sinistri nella Regione, ma la strada che taglia il territorio di Bitonto ha fatto 43 incidenti, 3 morti e 71 feriti
Ritardi della Regione su farmaci salvavita e assegni di cura Ritardi della Regione su farmaci salvavita e assegni di cura Damascelli: «Torti ingiusti a chi già soffre di malattie gravissime»
Danni da grandine: la Regione chiede al Governo finanziamenti straordinari Danni da grandine: la Regione chiede al Governo finanziamenti straordinari Intanto il comune di Bitonto invita imprese e privati a segnalare i danneggiamenti subiti per chiedere risarcimenti
Pagamenti sbloccati ai tirocinanti di Garanzia giovani Pagamenti sbloccati ai tirocinanti di Garanzia giovani Damascelli: «Merito della mia mozione». Laricchia: «Balle. Caso montato per prendersi meriti inesistenti»
Ex ospedale di Bitonto: Damascelli (FI) presenta la lista della spesa a Emiliano Ex ospedale di Bitonto: Damascelli (FI) presenta la lista della spesa a Emiliano Il consigliere regionale: «Ci sono 5 milioni disponibili: ecco cosa serve»
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.