Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Incendiano il loro caseificio per frodare l'assicurazione: in 4 a processo

Giudizio immediato per i due gestori dell'attività, un dipendente e un complice. Il processo inizierà il 7 giugno

Non si sarebbe trattato di un'intimidazione oppure di una minaccia legata a richieste estorsive, ma di un rogo appiccato dolosamente dagli stessi gestori di un caseificio di Bitonto, lo scorso anno, nel tentativo di riscuotere il premio assicurativo e così poter truffare le tre compagnie assicurative (Axa Assicurazioni, Net Insurance e Amissima Assicurazioni, nda) con le quali avevano stipulato contratti che coprivano anche il rischio d'incendio, una somma superiore a 20mila euro.

Tutto pianificato ad arte ed un piano criminale, messo in pratica ad agosto dello scorso anno, che forse avrebbe davvero portato i suoi frutti, se non ci fossero state le certosine indagini del personale della Polizia di Stato. Per i reati, a vario titolo contestati, di concorso in incendio doloso e frode assicurativa, la Procura della Repubblica di Bari ha chiesto e ottenuto dalla giudice per le indagini preliminari del Tribunale del capoluogo, Anna Perrelli, il giudizio immediato per quattro persone, tutte incensurate, arrestate dagli uomini del Commissariato di Pubblica Sicurezza e poste ai domiciliari.

Si tratta dei due gestori dell'attività commerciale, la 32enne Anna Sagliano e il suo compagno 31enne Cristian Palmieri, entrambi campani residenti a Palo del Colle, che avrebbero deciso di simulare il danneggiamento causato dal rogo del loro negozio "La Bufalina", una piccola impresa a conduzione familiare sita in via D'Angiò, per incassare il premio assicurativo.

Con loro saranno giudicati il presunto esecutore materiale, il 46enne Vitaliano Fanelli, di Triggiano, dipendente dell'attività e impiegato come commesso, aiutato nell'azione criminale dal 44enne Maurizio Gorgoglione, di Bitonto, amico del titolare: i due, secondo le indagini degli uomini del dirigente Vittorio Di Lalla, chiuse alla fine del 2021, dopo aver sollevato la serranda posta a protezione della porta d'ingresso della latteria, avrebbero cosparso di liquido infiammabile - contenuto in una tanica - l'interno del locale dandogli fuoco e provocando un'esplosione, per poi fuggire a bordo di un'autovettura, prima dell'arrivo dei Vigili del Fuoco del Distaccamento di Molfetta, i quali intervennero per domare le fiamme che si stavano propagando dall'interno.

L'attività era chiusa per ferie e questo lasciò pensare, solo in un primo momento, che potesse esserci stato un guasto tecnico all'interno, che avesse provocato l'incendio. Le fiamme provocarono numerosi danni al locale (il calore sprigionato danneggiò la saracinesca del locale, nda), oltre a paura per i residenti del condominio sovrastante. In realtà si sarebbe trattato, come movente dell'incendio, di un tentativo di frode alle tre compagnie assicurative.

La vicenda risale alla notte fra il 17 e il 18 agosto 2021, mentre i quattro sono stati arrestati il 18 febbraio scorso. Fanelli è tuttora detenuto ai domiciliari, mentre Gorgoglione è sottoposto alla misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

All'identificazione dei presunti autori del rogo e alla ricostruzione della ipotetica frode, i poliziotti, coordinati dal pubblico ministero Gaetano De Bari, sono arrivati attraverso l'analisi comparata del traffico telefonico degli indagati (le persone che gestiscono quel negozio o che vi lavorano, nda) e le immagini di sistemi di videosorveglianza presenti in zona. Il processo inizierà il 7 giugno.
  • Arresti Bitonto
  • Polizia di Stato Bitonto
  • Maurizio Gorgoglione
  • Vitaliano Fanelli
  • Anna Sagliano
  • Cristian Palmieri
Altri contenuti a tema
Ladri nell'ex ospedale di Bitonto: via computer e monitor. Indaga la Polizia Ladri nell'ex ospedale di Bitonto: via computer e monitor. Indaga la Polizia I malviventi sono entrati all'interno del reparto di cardiologia. È il secondo caso in soli 7 giorni
Rapinatore nel supermercato, i Carabinieri lo bloccano in fuga Rapinatore nel supermercato, i Carabinieri lo bloccano in fuga Nel mirino A&O. Un 38enne armato di un coltello si era fatto consegnare i soldi, ma s'è trovato i militari alle calcagna
Falsi controlli e truffa per 5mila euro: 4 poliziotti interdetti a Bitonto Falsi controlli e truffa per 5mila euro: 4 poliziotti interdetti a Bitonto 24 le giornate in cui risultano falsificati i registri. L'indagine della Procura di Bari è partita dopo la segnalazione dei colleghi degli stessi agenti
Furto sventato a Silvia Boutique. Recuperata refurtiva per oltre 200mila euro Furto sventato a Silvia Boutique. Recuperata refurtiva per oltre 200mila euro I poliziotti del Commissariato sono intervenuti per l'allarme. I ladri, giunti a bordo di un Fiat Doblò rubato, sono fuggiti
A Bitonto il cimitero delle auto rubate. Ritrovate dieci in due giorni A Bitonto il cimitero delle auto rubate. Ritrovate dieci in due giorni Recuperate dalla Polizia di Stato scocche di auto sparite non solo in città, ma anche a Bari, Giovinazzo e Palo del Colle
Maxi inchiesta "Levante": chiesti 80 rinvii a giudizio Maxi inchiesta "Levante": chiesti 80 rinvii a giudizio L'Antimafia vuole mandare a processo, fra gli altri, i bitontini Sicolo, Giordano e Noviello. Udienza fissata per il 13 maggio
Rapina in via Traetta, in manette un 24enne. Il complice ha 14 anni Rapina in via Traetta, in manette un 24enne. Il complice ha 14 anni Il colpo ai danni del supermercato Primo Prezzo. Il più grande è finito in carcere, l'altro è stato riaffidato ai genitori
Banda dell'Audi A3 a Bitonto: arriva il primo arresto Banda dell'Audi A3 a Bitonto: arriva il primo arresto Erano in tre, per ora è finito in manette solo un 33enne: i Carabinieri già sulle tracce dei complici
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.