sala parto
sala parto
Cronaca

In coma dopo il parto: la città si stringe attorno a una giovane mamma

I medici sono riusciti a salvare la vita alla neonata e stanno tentando l'impossibile per la 27enne

Era entrata in ospedale per celebrare il più emozionante dei momenti per una mamma, la nascita della sua bambina, ma per una serie di complicazioni cliniche è finita in coma e non ha ancora potuto tenere fra le braccia la sua creatura. È accaduto negli scorsi giorni al Policlinico di Bari dove i medici stanno tentando ogni strada conosciuta per salvare la vita alla giovane D., 27enne bitontina giunta in ospedale con un aggressivo virus influenzale che aveva indebolito i suoi polmoni. «È giovane, ce la può e ce la deve fare, anche se la situazione è molto, molto critica». Nonostante gli impercettibili miglioramenti degli ultimi due giorni i medici non si sbilanciano e continuano a seguire la neo mamma giorno e notte. Sono stati loro a decidere di far nascere prematuramente la piccola a causa dell'aggravarsi delle crisi respiratorie della paziente, salvandole così la vita. La nuova nata è venuta al mondo sana, non ha l'influenza, non ha avuto bisogno di aiuti farmacologici per respirare e il suo sangue è ben ossigenato: pur nella fragilità delle sue 27 settimane sta bene, beve già il latte e pesa un chilogrammo.
La mamma invece è stata posta in coma farmacologico per affaticarla il meno possibile e da domenica è stata attaccata a un macchinario per la cicolazione extracorporea e la respirazione artificiale, con l'intento di fare riposare i polmoni affaticati affinché possano tornare presto a funzionare regolarmente.
Nei giorni scorsi, a quanto si apprende, un'altra paziente in età più vanzata, che ha seguito lo stesso trattamento, è riuscita a ristabilirsi.

«Vogliamo ringraziare i medici e le equipe dei professori Bruno e Laforgia – hanno detto all'Ansa i parenti della 27enne - primari della rianimazione e di neonatologia, per il loro straordinario lavoro: stanno facendo tutto il possibile per salvarla e se si riprenderà sarà solo grazie a loro».

La prognosi per la sua mamma resta riservata: bisognerà aspettare ancora qualche giorno prima di conoscere gli effetti delle cure.
  • bitonto
  • Bari
  • Asl Bari
  • policlinico di Bari
Altri contenuti a tema
Morto a Bari il comandante della PM Marzulli: istituzioni e associazioni bitontine vicine alla famiglia Morto a Bari il comandante della PM Marzulli: istituzioni e associazioni bitontine vicine alla famiglia Paciullo: «Dolore immenso». Abbaticchio: «Bravissima persona». I SASS: «Uomo eccezionale»
Auto elettriche: «Anche a Bitonto punti di ricarica pubblici» Auto elettriche: «Anche a Bitonto punti di ricarica pubblici» La richiesta arriva dal Comitato di Quartiere Nova Via
Bullismo e spaccio? Adesso puoi segnalarli su YouPol, l'App della Polizia Bullismo e spaccio? Adesso puoi segnalarli su YouPol, l'App della Polizia Presentata stamattina a Bari la nuova applicazione della Questura: «Possibile segnalare anche in forma anonima»
Decaro: «L'inceneritore non si farà» Decaro: «L'inceneritore non si farà» Perentorio intervento del sindaco di Bari: «L'impianto non è previsto dal piano regionale dei rifiuti»
«No all'inceneritore». Ambientalisti in protesta davanti alla Regione «No all'inceneritore». Ambientalisti in protesta davanti alla Regione Presenti anche rappresentanti bitontini. «Non molleremo»
Da lunedì a Bitonto attivo lo sportello del Centro Antiviolenza “Le Rose di Acatama” Da lunedì a Bitonto attivo lo sportello del Centro Antiviolenza “Le Rose di Acatama” Sarà operativo lunedì e martedì dalle 9,30 alle 12,30 e il giovedì dalle dalel 15,30 alle 18,30
4 Inceneritore: la Regione dice “si”. A breve l'inizio dei lavori Inceneritore: la Regione dice “si”. A breve l'inizio dei lavori Inutile l'alzata di scudi della politica locale: sorgerà a poca distanza dal territorio di Bitonto
Processo concorso Asl di Taranto: assolto l'ex dg bitontino Colasanto Processo concorso Asl di Taranto: assolto l'ex dg bitontino Colasanto La Corte d'Appello di Lecce ribalta la sentenza di primo grado che lo aveva condannato a 1 anno e 6 mesi
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.