I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Fuggono in scooter e seminano il panico. Arrestati dai Carabinieri

Un 18enne ed un 19enne, fermati dopo aver tentato di investire i militari, sono stati posti ai domiciliari

Hanno seminato il panico in città. Inseguiti dai Carabinieri su un Honda SH300, sono stati alla fine bloccati e arrestati perché ritenuti responsabili, in concorso, di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Si tratta di G.F. e E.F., 19 anni il primo, 18 il secondo, entrambi del posto e volti noti alle forze dell'ordine a causa dei loro precedenti penali, nonostante la giovane età. L'inseguimento concitato e incredibile tra piazze, attività commerciali e pedoni, con il rischio di investire qualcuno, è avvenuto sabato sera, quando i militari della locale Stazione si sono accorti di un vero e proprio pirata della strada.

I due giovani, le prime infrazioni le hanno commesse in piazza Marconi. In sella allo scooter (col passeggero che ha più volte tentato di occultare la targa del mezzo a due ruote, ndr) sono transitati proprio davanti ai militari, in servizio in abiti civili. Incurante dell'alt, il conducente ha accelerato e si è diretto verso la rotatoria di piazza Marconi, mentre i Carabinieri si sono messi al suo inseguimento.

Ed è proprio nei pressi della rotatoria che il 19enne alla guida ha dovuto fermarsi. Ha tentato un ultimo colpo di coda cercando di forzare il blocco e tentando di investire i militari. Ma ormai, assieme al 18enne, era braccato e i Carabinieri nonostante la strenua resistenza al fermo da parte di entrambi, li hanno bloccati e portati a miti consigli, prima di trasportarli negli uffici della locale Stazione.

Uno dei due militari è stato curato dal personale del Servizio 118 avendo riportato un trauma contusivo alla mano e al ginocchio, mentre i due giovani, G.F. e E.F., rispettivamente di 19 e 18 anni, sono stati ammanettati dagli uomini del maresciallo maggiore Giuseppe Salierno. Per loro, infatti, è scattato l'arresto in flagranza perché ritenuti responsabili, in concorso, di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Sentito il pubblico ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Bari, i due sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le loro rispettive dimore, mentre l'Honda SH300 è stato sequestrato.
  • Arresti Bitonto
  • Carabinieri Bitonto
Altri contenuti a tema
Minacce e offese ai poliziotti durante un controllo domiciliare: in carcere un 21enne Minacce e offese ai poliziotti durante un controllo domiciliare: in carcere un 21enne Denunciati per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale tre parenti del giovane
Botte ai genitori per i soldi: arrestato a Bitonto un 29enne Botte ai genitori per i soldi: arrestato a Bitonto un 29enne Nonostante l’ordine di divieto di avvicinamento, aveva aggredito il padre costringendolo alle cure mediche
Sorpreso a vendere droga in via Crocifisso a Bitonto: arrestato 20enne Sorpreso a vendere droga in via Crocifisso a Bitonto: arrestato 20enne I poliziotti gli hanno trovato addosso denaro e dosi di marijuana e cocaina
Doppio incidente tra Giovinazzo e Bitonto: interdetta la provinciale 88 Doppio incidente tra Giovinazzo e Bitonto: interdetta la provinciale 88 Gli impatti causati dal fondo ghiacciato. Sei le auto coinvolte, un ferito. Sul posto Carabinieri e Polizia Locale
Ai domiciliari, ma era pronto a salire sul treno. Arrestato un 42enne di Bitonto Ai domiciliari, ma era pronto a salire sul treno. Arrestato un 42enne di Bitonto L'uomo, pregiudicato, è stato sorpreso nella stazione di Bari Centrale. Rinchiuso in carcere, è accusato di evasione
Il capitano Vito Ingrosso nominato Cavaliere della Repubblica Il capitano Vito Ingrosso nominato Cavaliere della Repubblica Tra le operazioni eseguite a Bitonto l’arresto degli affiliati dei clan Conte-Cassano
Sorpresi a rubare una Fiat Tipo, arrestati tre fratelli Sorpresi a rubare una Fiat Tipo, arrestati tre fratelli In manette un 21enne, un 19enne e un 17enne. Sequestrati gli arnesi da scasso
Minaccia l'avvocato: «Ti incendio lo studio». Arrestato un 59enne di Bitonto Minaccia l'avvocato: «Ti incendio lo studio». Arrestato un 59enne di Bitonto L'uomo è accusato di estorsione: ha cercato di ottenere la restituzione di alcuni immobili a Giovinazzo
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.