Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Omicidio Tarantino, confermata in Appello la condanna a Conte

Il boss, a capo dell'omonimo clan, dovrà scontare 20 anni di reclusione, la stessa a carico del suo braccio destro D'Elia

Confermate anche in secondo grado le due condanne inflitte per l'omicidio di Anna Rosa Tarantino, l'anziana sarta vittima innocente del fuoco incrociato dei clan Cipriano e Conte, in guerra per il controllo delle piazze di spaccio a Bitonto. Rideterminate, infine, altre due pene nei confronti di altrettanti imputati nel processo.

L'ha stabilito la Corte d'Assise d'Appello di Bari che ha condannato a 20 anni di reclusione Domenico Conte, ritenuto il mandante del delitto in cui, il 30 dicembre 2017, fu uccisa la donna, e alla medesima pena Alessandro D'Elia, che per l'accusa aveva portato ai sicari il messaggio del boss. I giudici hanno rideterminato le pene ai due esecutori del delitto, Rocco Papaleo e Michele Sabba, rei confessi e collaboratori di giustizia, riducendo le condanne da 13 anni e 8 mesi a 10 anni.

Stando alle indagini degli agenti della Squadra Mobile della Questura di Bari e dei Carabinieri del Nucleo Investigativo, coordinate dai pubblici ministeri antimafia Ettore Cardinali e Marco D'Agostino, all'origine del violento scontro fra i gruppi Cipriano e Conte c'era la gestione delle piazze di spaccio. Quella mattina l'anziana finì per errore sulla traiettoria di due dei 17 colpi di pistola esplosi nei vicoli del centro storico, vittima innocente della guerra in corso tra i gruppi rivali di Bitonto.

La mattinata di fuoco partì col primo agguato da parte di Cosimo Liso del clan Conte. Ci fu poi la risposta con due spedizioni punitive di Francesco Colasuonno, Benito Ruggiero e Rocco Mena del clan Cipriano. Poi la reazione col boss Domenico Conte che avrebbe dato l'ordine di uccidere, Alessandro D'Elia che avrebbe dato il messaggio e due uomini, Michele Sabba e Rocco Papaleo, che, inseguendo Giuseppe Casadibari (collaboratore di giustizia), uccisero l'anziana Tarantino.

Per quel delitto sono divenute definitive le condanne per Cosimo Liso (20 anni), Francesco Colasuonno e Rocco Mena (4 anni), Benito Ruggiero (4 anni e 6 mesi) e Michele Rizzo (2 anni). Per altri quattro imputati (Conte, D'Elia, Papaleo e Sabba) la Cassazione aveva annullato con rinvio le condanne, ma il nuovo processo d'appello ha confermato che fu Conte, quella mattina, a mandare l'ordine di sparare, facendo recapitare il messaggio ai killer tramite il suo braccio destro D'Elia.

I giudici, che hanno disposto una perizia sui tabulati telefonici e sulle telecamere dell'abitazione del boss, hanno confermato le condanne al risarcimento danni nei confronti delle parti civili, i familiari dell'anziana, il Comune di Bitonto e anche l'Antiracket. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 90 giorni.
  • Michele Sabba
  • Rocco Papaleo
  • Domenico Conte
  • Alessandro D’Elia
Altri contenuti a tema
«Aveva già sparato per uccidere Conte»: i dettagli choc sull'arma di Noicattaro «Aveva già sparato per uccidere Conte»: i dettagli choc sull'arma di Noicattaro Un 39enne e un 29enne, nel 2022, hanno sparato con un revolver usato nel 2003 per tentare di ammazzare il boss del rione 167
Maxi processo "Pandora", annullata con rinvio la sentenza a carico del boss Conte Maxi processo "Pandora", annullata con rinvio la sentenza a carico del boss Conte Da rivedere la sua «applicazione della misura di sicurezza». Rigettati e dichiarati inammissibili i ricorsi di altri imputati di Bitonto
«Fabbrica della droga a Bitonto», 42 condanne nel clan Conte. 20 anni al boss «Fabbrica della droga a Bitonto», 42 condanne nel clan Conte. 20 anni al boss Inflitti in tutto 343 anni di carcere a pusher e vedette: 20 anni a Domenico Conte, 18 anni a Mario d'Elia
Omicidio Tarantino, il prossimo 23 gennaio l'Appello bis Omicidio Tarantino, il prossimo 23 gennaio l'Appello bis Sarà celebrato il nuovo processo per il boss Domenico Conte e il pregiudicato Alessandro D'Elia
«Bitonto come Scampia». Spaccio alla zona 167, in 50 finiscono alla sbarra «Bitonto come Scampia». Spaccio alla zona 167, in 50 finiscono alla sbarra Quasi tutti hanno scelto di essere processati con il rito abbreviato. Il Comune non è ancora parte civile, ma c'è tempo sino al 3 novembre
"Pandora", l'Appello conferma 94 condanne: 7 anni al boss Conte "Pandora", l'Appello conferma 94 condanne: 7 anni al boss Conte Le indagini dei Carabinieri hanno documentato più di un decennio di affari illeciti e le ramificazioni dei clan anche a Bitonto
Sparatoria al Luna Park di Bitonto, chiuso il cerchio sulla guerra di mala del 2015 Sparatoria al Luna Park di Bitonto, chiuso il cerchio sulla guerra di mala del 2015 Nicola Lorusso, figlio del boss Umberto, è accusato di aver sparato fra la gente. Irreperibile da mesi, è stato scovato a Bari
Un pentito: «Mi sono avvicinato al clan a 17 anni, avevo bisogno di soldi» Un pentito: «Mi sono avvicinato al clan a 17 anni, avevo bisogno di soldi» I collaboratori alla base dell'operazione "Market Drugs", la testimonianza di Caldarola: «Gli altri venivano pagati bene»
© 2001-2024 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.