youpol
youpol
Cronaca

Bullismo e spaccio? Adesso puoi segnalarli su YouPol, l'App della Polizia

Presentata stamattina a Bari la nuova applicazione della Questura: «Possibile segnalare anche in forma anonima»

Vita dura per bulli e pusher: la Polizia di Stato si apre alle nuove tecnologie e dopo le felici sperimentazioni di Roma, Milano e Catania anche la Questura di Bari lancia la applicazione YouPol. Si tratta di uno strumento facile e intuitivo, alla portata delle giovani generazione per denunciare in tempo reale episodi di bullismo e di spaccio di droga alla centrale operativa del 113, ma anche altri reati commessi in città.

«Si tratta di uno strumento - dice il Commissario capo Elisa Monsone durante la conferenza stampa di presentazione tenutasi stamani in Questura, a Bari - rivolto principalmente ai giovani, ma non solo, per denunciare in tempo reale e a distanza fatti di bullismo o spaccio di droga».

Migliaia di potenziali occhi anonimi potrebbero diventare l'incubo di malviventi e bulli di quartiere. La sala operativa della Questura di Bari smisterà le richieste alle varie città di provenienza non solo ai Commissariati ma anche alle Caserme dei Carabinieri, nelle città dove non ci sono presidi della Polizia di Stato. Inoltre il sistema ha già integrate le mappe di tutte le città delle province di Bari e Barletta Andria Trani.

La app YouPol, infatti, nasce come naturale continuazione del numero "SOS Bullismo", che però ha avuto poco riscontro da parte delle vittime, un po' perché il sistema degli SMS è ormai fuori uso, un po' perché questi fenomeni tendono a restare sommersi. «Si è pensato - continua Monsone - di sostituire il sistema desueto del messaggio con un qualcosa che fosse più alla portata dei giovani, che li coinvolgesse nelle attività a contrasto di bullismo e spaccio di sostanze stupefacenti».

Semplice e intuitivo è anche il funzionamento, come spiega ancora il commissario capo: «YouPol si può scaricare sia da App Store che da Play Store, quindi è compatibile sia con IoS che con Android. Ha una schermata di semplice visualizzazione e permette di mettersi in contatto in tempo reale con la sala operativa della Questura, inviando dei messaggi con la possibilità anche di allegare delle immagini, senza distinzione tra quelle scattate al momento o prese dalla galleria, relative a questi due fenomeni.

Ci saranno due diverse opzioni di accesso: registrandosi con i propri dati e numero di telefono oppure procedendo in forma anonima. Con quest'ultima modalità la sala operativa riceve soltanto il messaggio, la eventuale foto e il luogo in cui è avvenuto il fatto». Perché la app funzioni, infatti, è necessario attivare il servizio di geolocalizzazione. L'individuazione del luogo in cui si è svolto il reato può essere fatta sia tramite il GPS interno all'applicazione che aggiunta manualmente dal denunciante.

Alte, quindi, sono le aspettative della Polizia di Stato nei confronti di questo nuovo strumento all'avanguardia nel processo di avvicinamento tra cittadini e Forze dell'Ordine. «Proprio perché i giovani ormai utilizzano le applicazioni quasi per tutto - conclude il commissario Monsone - speriamo che risulti più efficace nell'opera di contrasto ai più diffusi episodi criminali tra gli adolescenti e le giovani generazioni in generale. Di pari passo andrà fatta una campagna nelle scuole per far conoscere questa applicazione».
  • Polizia
  • Bari
  • Controlli Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Rissa in piazza Santi Medici: ferita un'anziana passante Rissa in piazza Santi Medici: ferita un'anziana passante È caduta mentre tentava di intervenire per dividere i due protagonisti della lite
Ladri di ortaggi fermati dalla Vigile Rurale: recuperati quintali di prodotto Ladri di ortaggi fermati dalla Vigile Rurale: recuperati quintali di prodotto I vigilanti hanno bloccato e consegnato alle forze dell'ordine tre soggetti sorpresi a rubare nei campi
Tenta furto di pompe idrauliche a Bari: arrestato pregiudicato bitontino Tenta furto di pompe idrauliche a Bari: arrestato pregiudicato bitontino Con un complice aveva tentato il colpo in un opificio sotto sequestro della zona industriale
La caccia al presunto boss Conte arriva a Chi l'ha visto La caccia al presunto boss Conte arriva a Chi l'ha visto Gli inquirenti hanno chiesto attraverso la trasmissione la collaborazione dei cittadini
Scacco al clan Capriati, 17 arresti. Tutti i nomi Scacco al clan Capriati, 17 arresti. Tutti i nomi Le attività illecite interessavano anche Bitonto. Tra gli arrestati Francesco Colasuonno e Vito Antonio Cotrufo
Evade quattro volte dai domiciliari: finisce in carcere Evade quattro volte dai domiciliari: finisce in carcere L'uomo, di 31 anni, è stato arrestato dalla Polizia di Stato in flagranza di reato
Aggredisce un ragazzo e poi i poliziotti: arrestato un 30enne Aggredisce un ragazzo e poi i poliziotti: arrestato un 30enne Nel centro storico, l'uomo ha aggredito anche gli agenti. Fermato dopo una colluttazione
Comitati contro l'inceneritore: «Noi non lo vogliamo» Comitati contro l'inceneritore: «Noi non lo vogliamo» Si sono riuniti sabato in assemblea in Città Metropolitana. Mangano (M5S): «Decaro mantenga la parola»
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.