youpol
youpol
Cronaca

Bullismo e spaccio? Adesso puoi segnalarli su YouPol, l'App della Polizia

Presentata stamattina a Bari la nuova applicazione della Questura: «Possibile segnalare anche in forma anonima»

Vita dura per bulli e pusher: la Polizia di Stato si apre alle nuove tecnologie e dopo le felici sperimentazioni di Roma, Milano e Catania anche la Questura di Bari lancia la applicazione YouPol. Si tratta di uno strumento facile e intuitivo, alla portata delle giovani generazione per denunciare in tempo reale episodi di bullismo e di spaccio di droga alla centrale operativa del 113, ma anche altri reati commessi in città.

«Si tratta di uno strumento - dice il Commissario capo Elisa Monsone durante la conferenza stampa di presentazione tenutasi stamani in Questura, a Bari - rivolto principalmente ai giovani, ma non solo, per denunciare in tempo reale e a distanza fatti di bullismo o spaccio di droga».

Migliaia di potenziali occhi anonimi potrebbero diventare l'incubo di malviventi e bulli di quartiere. La sala operativa della Questura di Bari smisterà le richieste alle varie città di provenienza non solo ai Commissariati ma anche alle Caserme dei Carabinieri, nelle città dove non ci sono presidi della Polizia di Stato. Inoltre il sistema ha già integrate le mappe di tutte le città delle province di Bari e Barletta Andria Trani.

La app YouPol, infatti, nasce come naturale continuazione del numero "SOS Bullismo", che però ha avuto poco riscontro da parte delle vittime, un po' perché il sistema degli SMS è ormai fuori uso, un po' perché questi fenomeni tendono a restare sommersi. «Si è pensato - continua Monsone - di sostituire il sistema desueto del messaggio con un qualcosa che fosse più alla portata dei giovani, che li coinvolgesse nelle attività a contrasto di bullismo e spaccio di sostanze stupefacenti».

Semplice e intuitivo è anche il funzionamento, come spiega ancora il commissario capo: «YouPol si può scaricare sia da App Store che da Play Store, quindi è compatibile sia con IoS che con Android. Ha una schermata di semplice visualizzazione e permette di mettersi in contatto in tempo reale con la sala operativa della Questura, inviando dei messaggi con la possibilità anche di allegare delle immagini, senza distinzione tra quelle scattate al momento o prese dalla galleria, relative a questi due fenomeni.

Ci saranno due diverse opzioni di accesso: registrandosi con i propri dati e numero di telefono oppure procedendo in forma anonima. Con quest'ultima modalità la sala operativa riceve soltanto il messaggio, la eventuale foto e il luogo in cui è avvenuto il fatto». Perché la app funzioni, infatti, è necessario attivare il servizio di geolocalizzazione. L'individuazione del luogo in cui si è svolto il reato può essere fatta sia tramite il GPS interno all'applicazione che aggiunta manualmente dal denunciante.

Alte, quindi, sono le aspettative della Polizia di Stato nei confronti di questo nuovo strumento all'avanguardia nel processo di avvicinamento tra cittadini e Forze dell'Ordine. «Proprio perché i giovani ormai utilizzano le applicazioni quasi per tutto - conclude il commissario Monsone - speriamo che risulti più efficace nell'opera di contrasto ai più diffusi episodi criminali tra gli adolescenti e le giovani generazioni in generale. Di pari passo andrà fatta una campagna nelle scuole per far conoscere questa applicazione».
  • Polizia
  • Bari
  • Controlli Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Italia in Comune su Decaro per le Amministrative di Bari Italia in Comune su Decaro per le Amministrative di Bari Il coordinatore regionale Abbaticchio: «Giusto dare continuità a un sindaco che ha operato bene»
Con #pensaachiresta il comune dichiara guerra alle vittime della strada per l'abuso di alcol, droghe e telefonini Con #pensaachiresta il comune dichiara guerra alle vittime della strada per l'abuso di alcol, droghe e telefonini Presentato negli scorsi il progetto di sensibilizzazione che coinvolge anche il comune di Bari
Ischemia scambiata per attacco di panico: rinviato il processo sul caso di Patrizia Minerva Ischemia scambiata per attacco di panico: rinviato il processo sul caso di Patrizia Minerva Una lunga serie di ritardi per la vicenda della 24enne bitontina rimasta tetraplegica
Blitz nel centro storico, i pusher fuggono: sequestrata droga Blitz nel centro storico, i pusher fuggono: sequestrata droga I poliziotti li hanno notati in via Sant'Andrea. Rinvenuti tra i rifiuti 300 grammi fra cocaina, hashish e marijuana
Rintracciate a Bari due persone con problemi psichici fuggite da Bitonto Rintracciate a Bari due persone con problemi psichici fuggite da Bitonto Infastidivano i passeggeri della stazione ferroviaria ma sono stati ritrovati dalla Polfer
Decreto di giudizio immediato per Domenico Conte Decreto di giudizio immediato per Domenico Conte È ritenuto il referente del clan barese dei Capriati in città e rischia un'altra condanna a 20 anni per l'omicidio Tarantino
Minacce e offese ai poliziotti durante un controllo domiciliare: in carcere un 21enne Minacce e offese ai poliziotti durante un controllo domiciliare: in carcere un 21enne Denunciati per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale tre parenti del giovane
Nuova sanzione della Consob alla Banca Popolare di Bari Nuova sanzione della Consob alla Banca Popolare di Bari Nel mirino ancora la situazione riferita alle proprie azioni
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.