Una scena del film Red land
Una scena del film Red land
Cultura, Eventi e Spettacolo

Arriva anche a Bitonto “Red land” il film per ricordare le Foibe

Sarà proiettato in cento italiane nel giorno delle celebrazioni del Giorno del Ricordo

Ricordare il martirio e il sacrificio del popolo istriano, giuliano e dalmata è impegno con la memoria di migliaia di morti e verso i 350mila italiani che, dal settembre 1943, furono costretti dall'odio etnico ad abbandonare le loro case, i loro beni e il loro lavoro, per disperdersi come esuli in varie parti di Italia e del mondo intero.
Il 10 febbraio sarà celebrato il Giorno del Ricordo per non dimenticare e, quindi, per far conoscere alle nuove generazioni il sacrificio di tanti innocenti connazionali. Quest'anno le celebrazioni saranno sostenute e amplificate da un grande evento: il prossimo 5 febbraio, in cento sale cinematografiche di altrettante città italiane sarà proiettato Red Land – Rosso Istria, l'intenso film firmato da Maximiliano Hernando Bruno, che narrando la vita e il martirio della giovane studentessa istriana Norma Cossetto, racconta in un tragico affresco quei drammatici giorni, e lo fa in un crescendo epico di dolore, paura e disperazione.

La proiezione a Bitonto, in programma al mattino alle ore 10.30 per le scolaresche degli istituti superiori e alle ore 21 per il pubblico, sarà anticipata, alle 17.30, da un dibattito che si svolgerà all'interno del foyer del teatro Comunale "Traetta", con il professor Antonio Fares, presidente di Alma Italia e Segretario ANVGD. Il docente sarà intervistato dal giornalista e direttore del "da Bitonto", Mario Sicolo.
Il progetto è stato realizzato nell'ambito della programmazione de "La Responsabilità vince l'indifferenza" del liceo linguistico "European Language School", in collaborazione con l'associazione Just Imagine.
Quanti poi parteciperanno all'incontro pomeridiano nel Foyer del teatro "Traetta" avranno diritto a uno sconto per per la proiezione delle 21 al Cineteatro "Coviello".

Il film vede la regia di Maximiliano Hernando Bruno per l'interpretazione di Selene Gandini, Geraldine Chaplin, Franco Nero, Sandra Ceccarelli, Vincenzo Bocciarelli, Maximiliano Hernando Bruno, Diego Pagotto, Andrea Pergolesi, Alvaro Gradella, Vasco Mirandola, Antonio Scarpa e Vittorio Boscolo
Red Land (Rosso Istria), è ambientato nel settembre del 1943, nei giorni in cui nei territori italiani martoriati dalla guerra scoppia il caos: il maresciallo Badoglio, capo del governo italiano, chiede ed ottiene l'armistizio da parte degli anglo–americani e unitamente al Re fugge da Roma, lasciando l'Italia allo sbando. L'esercito non sa più chi è il nemico e chi l'alleato. Il dramma si trasforma in tragedia per i soldati abbandonati a se stessi nei teatri di guerra ma anche e soprattutto per le popolazioni civili Istriane, Fiumane, Giuliane e Dalmate, che si trovano ad affrontare un nuovo nemico: i partigiani di Tito che avanzano in quelle terre, spinti da una furia anti-italiana. In questo drammatico contesto storico, avrà risalto la figura di Norma Cossetto (Selene Gandini), giovane studentessa istriana, laureanda all'Università di Padova, barbaramente violentata e uccisa dai partigiani titini, per la sola colpa di essere Italiana. A Norma Cossetto venne conferita la medaglia d'oro al valor civile dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi. Una targa in suo ricordo è presente all'interno del Palazzo Bò dell'Università di Padova.

  • II Guerra Mondiale
Altri contenuti a tema
Gli alunni del comprensivo Modugno-Rutigliano-Rogadeo in scena contro eccidi ed estremismi Gli alunni del comprensivo Modugno-Rutigliano-Rogadeo in scena contro eccidi ed estremismi Uno spettacolo di studenti e docenti nell’ambito della rassegna teatrale del comune di Bitonto “Memento”
Un nuovo monumento ai caduti a Bitonto: martedì la presentazione del progetto Un nuovo monumento ai caduti a Bitonto: martedì la presentazione del progetto Saranno illustrati durante la rassegna dedicata ai genocidi di tutte le guerre “Memento”
1 Ecco dove passarono i nazisti a Bitonto durante la II Guerra Mondiale Ecco dove passarono i nazisti a Bitonto durante la II Guerra Mondiale LE FOTO - Dai reperti trovati nelle campagne l'associazione Bitonto da Riscoprire traccia la strada della ritirata tedesca
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.