polizia postale
polizia postale
Cronaca

Adescava minorenni nelle chat online. Preso 37 della provincia di Bari

Indagine partita dalla denuncia di una mamma di Pescara. La polizia ha passato al setaccio oltre 2600 conversazioni virtuali

Adescava i minorenni nella chat di Facebook e di altre applicazioni di messaggistica online: la Polizia di Stato ha arrestato un uomo di 37 anni residente in provincia di Bari con l'accusa di adescamento di minorenni, detenzione di materiale pedopornografico e pornografia minorile.

L'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di L'Aquila dott.ssa Guendalina Buccella, trae origine da un'indagine condotta dal Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Pescara coordinata dal Sostituto Procuratore dr.ssa Roberta D'Avolio.

L'indagine aveva preso le mosse dalla segnalazione di una madre di Pescara preoccupata da alcuni messaggi ricevuti su "Messanger" dal figlio da parte di un interlocutore anonimo che manifestava apprezzamenti ambigui. Il profilo Facebook dello sconosciuto era apparso fin da subito appartenere a un adulto che aveva come "amici" vari ragazzini alle cui foto esprimeva "espliciti" commenti.

Identificato il titolare dell'account, un 37enne della provincia di Bari, nei suoi confronti è stata eseguita una perquisizione che ha portato al sequestro di materiale informatico sottoposto ad analisi forense.

A seguito dell'analisi tecnica emergevano continui tentativi di adescamento di minorenni.

La ricerca della "vittima" era assolutamente casuale essendo rivolta a soggetti titolari e/o utilizzatori di un account su diversi social network come Facebook, Instagram, Badoo, Telegram e WhatsApp. L'arrestato contattava minori di 16 anni, instaurando con loro relazioni amichevoli e carpendo la loro fiducia con artifizi e lusinghe. In questo modo riusciva a incanalare la conversazione su argomenti sessuali proponendo appuntamenti per dei veri e propri incontri sessuali.

La polizia ha riscontrato la presenza di oltre 2600 chat nelle varie applicazioni di messaggistica istantanea, estrapolate, lette e analizzate nei contenuti. Le vittime identificate risultano residenti anche in altre province italiane. L'arresto è stato eseguito da personale del Compartimento Polizia Postale di Pescara, che ha condotto le indagini, con la collaborazione della Polizia Postale di Bari.
  • Polizia
  • Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Spaccio di droga a Bitonto: arrestato 28enne incensurato Spaccio di droga a Bitonto: arrestato 28enne incensurato In casa aveva più di 200 grammi di stupefacenti già pronti per essere venduti
Assalto a tir, autista sequestrato e rilasciato a Mariotto Assalto a tir, autista sequestrato e rilasciato a Mariotto L’uomo, illeso, è stato trovato nelle campagne della frazione di Bitonto
A un passo dal farla finita, riceve l’aiuto di una passante A un passo dal farla finita, riceve l’aiuto di una passante Insieme ai parenti dell’uomo e alla Polizia è intervenuta per scongiurare il tragico epilogo
Rapina in banca in piazza Marconi a Bitonto Rapina in banca in piazza Marconi a Bitonto Un uomo con un taglierino è entrato nella filiale della Banca Popolare seminando il panico fra clienti e impiegati
Dieci anni di botte e maltrattamenti: la Polizia ferma un 48enne Dieci anni di botte e maltrattamenti: la Polizia ferma un 48enne Il giudice ha disposto il divieto di avvicinamento e l’obbligo di firma dopo le indagini degli agenti
Alla mensa della Fondazione Ss Medici il carico di un tir confiscato dalla Polizia Alla mensa della Fondazione Ss Medici il carico di un tir confiscato dalla Polizia Servirà ad aiutare le persone meno abbienti
Tentano di rubare un’auto davanti a un poliziotto: arrestati 3 fratelli Tentano di rubare un’auto davanti a un poliziotto: arrestati 3 fratelli L’agente fuori servizio ha chiamato i rinforzi e ha sventato il furto
1 Bitonto all'assalto dei bancomat francesi: sequestrati beni per circa 60 milioni Bitonto all'assalto dei bancomat francesi: sequestrati beni per circa 60 milioni Con altri 5 complici sono accusati di aver commesso numerosi colpi in molte città oltreconfine
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.