L'Opel Corsa cannibalizzata
L'Opel Corsa cannibalizzata
Cronaca

Presi i ladri d’auto seriali che impazzavano tra Bari e Matera: in manette due bitontini

A disposizione una vera e propria centrale del furto con attrezzature tecnologiche. La refurtiva nascosta a Bitonto

Avevano a disposizione gli ultimi ritrovati della tecnologia nel settore dei furti d'auto, come inibitori di frequenze e centraline modificate, ma anche i più tradizionali spadini e grimaldelli, grazie ai quali sono riusciti, in pochi mesi, a mettere a segno una lunga sequela di furti tra Matera e Bitonto. Si tratta di due volti noti delle Forze dell'Ordine, C.F. e S.M., di 25 e 24 anni, arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Matera su richiesta del gip Angel Rosa Nettis al termine di una consistente attività di indagine coordinata dal sostituto procuratore Annunziata Cazzetta.


L'indagine è partita ad aprile scorso dopo alcune denunce di furti d'auto avvenuti a Matera e in altre città della provincia di Bari: solo dopo la partenza dell'inchiesta gli inquirenti ne hanno accertati ben 14, distribuiti, oltre che a Matera, anche a Bari, Altamura, Binetto, Terlizzi, Ruvo Di Puglia, Mola di Bari e Giovinazzo. Fondamentali, per individuare i due presunti responsabili, l'attività di intercettazione telefonica e ambientale, incrociata con i metodi più tradizionali. Secondo i militari, delle 14 auto rubate 10 sono state poi restituite ai legittimi proprietari, quasi certamente in cambio di una somma di denaro, nella forma più classica forma estorsiva del cavallo di ritorno. I due bitontini, avrebbero operato in concorso tra loro e in alcuni casi con il sostegno di altri complici, erano ben organizzati e coordinati e dopo aver inibito i sistemi di sicurezza delle auto, riuscivano a metterle in moto in pochi secondi per poi dileguarsi, fino a raggiungere una zona nelle campagne di Bitonto, dove nascondevano la refurtiva con arbusti, rami e vegetazione. I due avrebbero agito anche su commissione, per fornire pezzi di ricambio da immettere sul mercato illegale.

Entrambi sono stati condotti presso il carcere di Matera, da dove dovranno rispondere del reato di furto aggravato in concorso.
  • carabinieri
  • Furti auto Bitonto
Altri contenuti a tema
Maldestri furti d'auto e di cibo per cani: arrestati due giovani bitontini Maldestri furti d'auto e di cibo per cani: arrestati due giovani bitontini Avrebbero tentato di rubare due macchine, poi una cuccia e mangime per animali
Torna a Bitonto ma gli rubano l'auto: cerchi già in vendita on line a Cerignola Torna a Bitonto ma gli rubano l'auto: cerchi già in vendita on line a Cerignola Brutta avventura per un giovane residente nelle Marche
Auto rubate ai turisti, trovate dalla Polizia in via Cela Auto rubate ai turisti, trovate dalla Polizia in via Cela Una domenica amara ma con un lieto fine per alcuni turisti, ai quali erano state rubate le loro auto, parcheggiate in centro
Deruba i datori di lavoro e fa la vita da nababbo: arrestato 40enne di Bitonto Deruba i datori di lavoro e fa la vita da nababbo: arrestato 40enne di Bitonto Tradito dal tenore di vita assunto negli ultimi giorni, con regali ad amici e conoscenti
Furto di gomme e cerchioni a Bitonto: l'auto lasciata sui mattoni di tufo Furto di gomme e cerchioni a Bitonto: l'auto lasciata sui mattoni di tufo L'episodio nel giorno della Liberazione in via Falcone e Borsellino
Furti di auto e violazioni della sorveglianza speciale, in cella un 49enne Furti di auto e violazioni della sorveglianza speciale, in cella un 49enne I fatti risalgono a gennaio scorso: l'uomo riuscì a dileguarsi dopo un inseguimento, adesso è in carcere
Fugge al posto di blocco su un'auto rubata: arrestato un 42enne di Bitonto Fugge al posto di blocco su un'auto rubata: arrestato un 42enne di Bitonto I Carabinieri lo hanno preso a Cerignola dopo un inseguimento
Un 73enne di Molfetta scomparso e ritrovato grazie ai Carabinieri e ai Sass Bitonto Un 73enne di Molfetta scomparso e ritrovato grazie ai Carabinieri e ai Sass Bitonto I volontari hanno collaborato con i militari e le unità cinofile
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.