Pane
Pane
Attualità

Pane in piazza: da Milano a Bitonto per donare cibo ai poveri

L'iniziativa dei Frati Cappuccini che progettano anche di costruire un panificio industriale in Etiopia

Elezioni Regionali 2020
Vorrebbero costruire un panificio industriale in Etiopia, per creare lavoro e sfamare la popolazione, ma, nel frattempo, attraverso alcune realtà imprenditoriali che sostengono la loro causa, donano pane e cibo ai poveri in Italia, come accadrà domani a Bitonto. Sono i Frati Cappuccini di Piazzale Cimitero Maggiore 5 e Famiglia Marinoni che da Milano portano anche in Puglia il messaggio di fratellanza e carità promosso con Pane in Piazza, la manifestazione benefica che si svolge ogni anno in Piazza del Duomo nel capoluogo lombardo per raccogliere fondi utili alla causa.

Così, domenica 27 ottobre alle 19, nella Basilica-Santuario dei Santi Medici Cosma e Damiano a Bitonto, quattro realtà legate all'iniziativa milanese omaggeranno la Fondazione con alcuni doni all'insegna dell'Arte Bianca: una scultura di pane creata da Vincenzo Paolillo, titolare dell' Antico Mulino e Panificio "Il fornaio dei Mulini Vecchi" di Barletta, un'ingente quantità di sacchi di farina dall'azienda dell'Oltrepò Pavese Molini di Voghera Spa, una provvista di olio offerta dall'Olearia De Santis di Bitonto e una grossa scorta di pane da parte del panificio Del Cillis di Bari.
La cerimonia avverrà in concomitanza con gli annuali festeggiamenti in onore dei due santi, venerati a Bitonto fin dal 1800.
«Quale diacono e collaboratore della Fondazione, sono molto lieto del nostro legame con la manifestazione "Pane in Piazza"- spiega titolare del forno "Santa Fara" di Bari, Raffaele De Pasquale - ringraziamo immensamente I Frati Cappuccini di Milano, Famiglia Marinoni e i panificatori per la generosità nelle speranza di poter ospitare un giorno anche nella città di Bari la loro grande manifestazione benefica».
  • Fondazione Santi Medici
  • Santi Medici Bitonto
Altri contenuti a tema
«Con la crisi la mafia si sta insinuando tra le famiglie» «Con la crisi la mafia si sta insinuando tra le famiglie» L'allarme del direttore della Caritas, don Vito Piccinonna, che denuncia un aumento dell'usura tra i soggetti deboli
Approvato il bilancio della Fondazione Ss Medici di Bitonto Approvato il bilancio della Fondazione Ss Medici di Bitonto Don Vito Piccinonna: «Dietro ogni numero, mani tese e cuori che battono»
Il Papa chiama Bitonto: telefonata a don Vito Piccinonna Il Papa chiama Bitonto: telefonata a don Vito Piccinonna Il rettore della Basilica dei Santi Medici: «Ancora sotto choc: che uomo!»
Neonato abbandonato in chiesa, per la Caritas di Don Vito Piccinonna: «Scelta dolorosa» Neonato abbandonato in chiesa, per la Caritas di Don Vito Piccinonna: «Scelta dolorosa» Dall'organismo pastorale di Bari-Bitonto l'invito alle istituzioni a offrire più sostegno alle famiglie
La Fondazione Ss Medici di Bitonto oggi in diretta per parlare di Welfare La Fondazione Ss Medici di Bitonto oggi in diretta per parlare di Welfare Il CSV San Nicola incontra le Fondazioni a partire dalle 19 su Radio Social Web
Fondazione Opera Ss Medici di Bitonto diventa Ente del Terzo Settore Fondazione Opera Ss Medici di Bitonto diventa Ente del Terzo Settore Approvato il nuovo statuto. L'arcivescovo Cacucci: «Si conserva il senso di mons. Mariano Magrassi e don Ciccio Savino»
Don Vito Piccinonna: «Aspetteremo un altro mese per celebrare col popolo» Don Vito Piccinonna: «Aspetteremo un altro mese per celebrare col popolo» Il rettore della Basilica dei Ss Medici di Bitonto non è con la CEI: «Improvvisare può far male più del non celebrare»
Caritas Bari/Bitonto: «In città forte domanda di sesso a pagamento» Caritas Bari/Bitonto: «In città forte domanda di sesso a pagamento» Don Vito Piccinonna contro la tratta: «Ossessionati dal decoro urbano dimentichiamo il decoro umano»
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.