Un'aula di Tribunale
Un'aula di Tribunale
Cronaca

"Pandora", l'Appello conferma 94 condanne: 7 anni al boss Conte

Le indagini dei Carabinieri hanno documentato più di un decennio di affari illeciti e le ramificazioni dei clan anche a Bitonto

La Corte d'Appello di Bari ha confermato 94 condanne, riducendo in parte le pene (tra i 12 anni e i 16 mesi, nda), e un'assoluzione. Questa la sentenza del giudice dell'udienza preliminare di Bari, Rossana de Cristofaro nell'ambito del processo di secondo grado "Pandora", con il rito abbreviato, denominato così dal nome del vaso della mitologia greca all'interno del quale sarebbero racchiusi tutti i mali della mafia barese degli ultimi 15 anni.

Gli imputati, tutti affiliati ai due clan Diomede-Mercante e Capriati di Bari, rispondevano a vario titolo di associazione mafiosa pluriaggravata, tentati omicidi, armi, rapine, furti, lesioni personali, sequestro di persona e violazioni della sorveglianza speciale.

Tra le condanne più elevate - alla lettura del dispositivo, nell'aula bunker di Trani, ha assistito anche l'ex procuratore Giuseppe Volpe - ci sono quelle inflitte nei confronti dei boss di Bari e Bitonto Nicola Diomede (7 anni rispetto agli 11 anni e 4 mesi del primo grado) e Domenico Conte (7 anni da 10 anni e 8 mesi) e del pregiudicato Gioacchino Baldassarre (confermata la pena a 12 anni di reclusione), ritenuti i capi organizzatori dei due gruppi criminali.

I giudici hanno anche confermato la condanna di alcuni imputati al risarcimento danni, da quantificarsi in sede civile, nei confronti delle parti civili costituite nel processo, i Comuni di Bari (assistito dall'avvocato Giuseppe Buquicchio) e Terlizzi. Unico assolto l'ex vicepresidente dell'associazione Fai-Antiracket di Molfetta, l'imprenditore Roberto De Blasio, titolare di un'agenzia di vigilanza privata, assistito dagli avvocati Roberto Eustachio Sisto e Francesco Morelli (Studio Fps).

Le indagini dei Carabinieri del Ros, coordinate dai pubblici ministeri antimafia Lidia Giorgio e Renato Nitti, documentarono oltre un decennio di affari illeciti e le ramificazioni dei due clan, federati tra loro, nell'intera regione, da Bitonto a San Severo, passando per Altamura, Gravina, Valenzano, Triggiano e il Nord Barese, accertando anche collegamenti con le altre organizzazioni criminali pugliesi, oltre a rapporti commerciali (per l'approvvigionamento della droga) con 'ndrangheta, Cosa nostra e camorra.
  • Clan Conte Bitonto
  • Domenico Conte
  • Processo Pandora Bitonto
Altri contenuti a tema
Sparatoria al Luna Park di Bitonto, chiuso il cerchio sulla guerra di mala del 2015 Sparatoria al Luna Park di Bitonto, chiuso il cerchio sulla guerra di mala del 2015 Nicola Lorusso, figlio del boss Umberto, è accusato di aver sparato fra la gente. Irreperibile da mesi, è stato scovato a Bari
«A Bitonto restano consolidati i clan Conte e Cipriano» «A Bitonto restano consolidati i clan Conte e Cipriano» Lo scrive l'Antimafia nella relazione semestrale al Parlamento. «I Parisi possono contare sulle espressioni criminali dei Cipriano»
Colpo al clan Conte di Bitonto: 1,5 milioni. È il sequestro più ingente Colpo al clan Conte di Bitonto: 1,5 milioni. È il sequestro più ingente Erano in un'abitazione di via Aspromonte, «frutto delle attività illecite del clan» egemone nella zona 167
Un pentito: «Mi sono avvicinato al clan a 17 anni, avevo bisogno di soldi» Un pentito: «Mi sono avvicinato al clan a 17 anni, avevo bisogno di soldi» I collaboratori alla base dell'operazione "Market Drugs", la testimonianza di Caldarola: «Gli altri venivano pagati bene»
Guerra fra clan a Bitonto, 9 condanne definitive: dai 20 ai 2 anni di carcere Guerra fra clan a Bitonto, 9 condanne definitive: dai 20 ai 2 anni di carcere Carabinieri e Polizia hanno eseguito 9 ordini di carcerazione per la faida del 2015 e l'omicidio dell'anziana Tarantino
Telecamere dappertutto: il "Grande Fratello" del clan Conte Telecamere dappertutto: il "Grande Fratello" del clan Conte L'analisi, parte 4. Il fortino illegale svelato dai collaboratori: «Lui ci vedeva perché aveva le password di tutte le telecamere».
Sequestrati beni per 300mila euro a Conte. È il capo del clan di Bitonto Sequestrati beni per 300mila euro a Conte. È il capo del clan di Bitonto Sigilli a dieci rapporti finanziari, due auto e il suo appartamento di via Pertini completamente ristrutturato
Stipendi alle vedette e bonus extra ai pusher: «l'azienda» di Conte Stipendi alle vedette e bonus extra ai pusher: «l'azienda» di Conte L'analisi, parte 3. Fino a 1.500 euro a settimana: pagamenti diversi, ma puntuali. Le somme ricavate dallo spaccio di droga
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.