I rilievi della Polizia di Stato
I rilievi della Polizia di Stato
Cronaca

«Non gli bastava avvelenare i ragazzi con la droga, dovevano sparare fino ad ammazzare un innocente»

Nel corso della requisitoria, i pubblici ministeri hanno ricostruito la storia dei due clan in guerra, i Conte e i Cipriano

«Non gli bastava avvelenare ogni giorno intere generazioni di ragazzi con la droga che vendevano - hanno detto i pubblici ministeri nella requisitoria -, dovevano mostrare i muscoli e sparare fino ad ammazzare una persona innocente».

I magistrati baresi hanno evidenziato anche il contributo fornito alle indagini dalle dichiarazioni di due ragazze, imparentate con alcuni degli imputati, che pochi giorni dopo i fatti «con le lacrime agli occhi - hanno detto i pubblici ministeri al giudice dell'udienza preliminare - hanno raccontato quello che avevano visto e che sapevano, rompendo finalmente il muro di omertà».

Stando alle indagini degli agenti della Polizia di Stato e dei militari dell'Arma dei Carabinieri, all'origine dello scontro ci sarebbe stata la gestione delle piazze di spaccio e il tradimento di alcuni sodali passati al clan rivale. Cosimo Liso aveva iniziato a spacciare nella piazza dei rivali, nel centro storico, e per questo gli era stato intimato di abbandonare la propria casa.

All'indomani mattina la sua reazione, con alcuni colpi di pistola su un portone a Porta Robustina, piazza di spaccio nella città vecchia del clan Cipriano, quindi la risposta con due spedizioni punitive: una a casa di Liso, sfondando il portone d'ingresso, l'altra in via Pertini, alla periferia di Bitonto, con 31 colpi sul portone della palazzina dove ha sede la piazza di spaccio controllata dal clan Conte (ritenuti responsabili Francesco Colasuonno, Benito Ruggiero e Rocco Mena).

I Conte avrebbero aspettato solo dieci minuti: due uomini con i volti coperti, Michele Sabba e Rocco Papaleo (ora pentiti), cercarono un bersaglio, uno qualunque del clan rivale, e inseguendo lo spacciatore Giuseppe Casadibari (anche lui ora collaboratore di giustizia) uccisero Anna Rosa Tarantino. Ad ordinare il delitto sarebbe stato il boss Domenico Conte e a portare il suo messaggio ai sicari il pregiudicato Alessandro D'Elia.

Nel processo sono costituiti parti civili il Comune di Bitonto, l'associazione Antiracket e i familiari di Anna Rosa Tarantino. Si tornerà in aula per le arringhe il prossimo 15 marzo. La sentenza è prevista per il 30 aprile.
  • Clan Conte Bitonto
  • Clan Cipriano Bitonto
  • Anna Rosa Tarantino
  • Giuseppe Casadibari
  • Francesco Colasuonno
  • Benito Ruggiero
  • Rocco Mena
  • Cosimo Liso
  • Michele Sabba
  • Rocco Papaleo
  • Domenico Conte
  • Alessandro D’Elia
Altri contenuti a tema
Si torna a sparare nella zona 167 di Bitonto: trovati 4 bossoli Si torna a sparare nella zona 167 di Bitonto: trovati 4 bossoli Inquietante episodio in via Nacci, trovati a terra 4 bossoli calibro 9. Sul posto i Carabinieri
Gli alunni di Bitonto a teatro con la rassegna dedicata ad Anna Rosa Tarantino Gli alunni di Bitonto a teatro con la rassegna dedicata ad Anna Rosa Tarantino Abbaticchio: «Insegniamo loro a combattere la criminalità in modo diverso». Le videointerviste
Anti-mafia nelle scuole: raccontare gli episodi di cronaca e i veri eroi per mantenere il ricord Anti-mafia nelle scuole: raccontare gli episodi di cronaca e i veri eroi per mantenere il ricord La proposta di Italia in Comune Puglia. Abbaticchio: «Storie come quelle di Anna Rosa Tarantino devono essere conosciute»
Tra marzo e aprile una rassegna teatrale dedicata ad Anna Rosa Tarantino Tra marzo e aprile una rassegna teatrale dedicata ad Anna Rosa Tarantino Domani la presentazione nella Sala degli Specchi del comune di Bitonto
Le lotte fra i Conte e i Cipriano all'ombra del potere di Bitonto Le lotte fra i Conte e i Cipriano all'ombra del potere di Bitonto La fotografia fatta dalla Direzione Investigativa Antimafia: occhio ai Cassano, che conservano la propria capacità operativa
Ferita per errore in un agguato a Bitonto: chiesti 8 anni per Domenico Conte Ferita per errore in un agguato a Bitonto: chiesti 8 anni per Domenico Conte Dal tetto di un'abitazione ordinò di sparare e venne colpita di striscio ad una gamba una 29enne di passaggio
Criminalità: i traffici bitontini si spostano a Modugno e Palo del Colle Criminalità: i traffici bitontini si spostano a Modugno e Palo del Colle I dati resi noti dalla Prefettura di Bari e relativi all'attività di Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato
Decreto di giudizio immediato per Domenico Conte Decreto di giudizio immediato per Domenico Conte È ritenuto il referente del clan barese dei Capriati in città e rischia un'altra condanna a 20 anni per l'omicidio Tarantino
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.