La Guardia di Finanza
La Guardia di Finanza
Cronaca

Mafiosi col reddito di cittadinanza: 109 denunciati, 2 a Bitonto

Scoperti dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Procura di Bari

Avrebbero percepito illecitamente il reddito di cittadinanza per complessivi 900mila euro. Sono 109 gli indagati nelle province di Bari e di Barletta Andria Trani (2 a Giovinazzo, nda), tra condannati per mafia o familiari di pregiudicati per reati mafiosi, denunciati dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Bari.

I militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari, a conclusione di complesse indagini, hanno svolto altrettanti provvedimenti di sequestro al termine dell'operazione "Veritas", coordinata dalle Procure di Bari e di Trani. 109 le persone denunciate: 98 nell'area metropolitana di Bari e 11 nella provincia di Barletta, Andria e Trani. Sequestrate, nel contempo, le disponibilità finanziarie, provento del reato, e le carte Postamat utilizzate dagli indagati per prelevare il sussidio.

I finanzieri, coordinati dal colonnello Luca Cioffi, in collaborazione con le direzioni provinciali dell'Inps, dopo aver proceduto a individuare i soggetti, fra Bari e Bat, gravati da una sentenza di condanna definitiva per il reato di associazione di tipo mafioso, hanno acquisito la documentazione - prodotta dai soggetti condannati o dai componenti dei rispettivi nuclei familiari - concernente la richiesta del sussidio, disvelando la commissione di varie condotte illecite di diversa tipologia.

Dalle indagini sarebbe emerso che, in violazione della normativa di riferimento, 109 richiedenti, 37 condannati e 72 loro parenti (prima o dopo la presentazione della relativa istanza all'Inps) avrebbero percepito indebitamente il sussidio, omettendo di comunicare di essere gravati da una sentenza di condanna definitiva, emessa dall'Autorità Giudiziaria nel decennio precedente, per associazione di tipo mafioso oppure per altre fattispecie delittuose connesse ad attività mafiose.

Tra gli indebiti beneficiari del reddito di cittadinanza è stato individuato un boss del nord barese, Michele Matteucci, del clan Cannito-Lattanzio, condannato per mafia e per il tentato omicidio di un affiliato alla fazione criminale opposta. Ci sono poi numerosi pluripregiudicati dei clan baresi Capriati, Di Cosola, Strisciuglio, Diomede-Mercante, condannati per associazione di tipo mafioso, oltre che per omicidio, traffico di sostanze stupefacenti e detenzione di armi, e loro familiari.

A tutti vengono contestate le violazioni dell'articolo 7 del decreto legislativo 4/2019. Oltre al sequestro penale, gli esiti degli accertamenti sono stati comunicati all'Inps per l'adozione dei provvedimenti di decadenza o di revoca dei benefici illecitamente erogati e per l'avvio delle azioni di recupero dell'indebito percepito.
  • Guardia di Finanza Bitonto
Altri contenuti a tema
Scoperto un deposito clandestino di alcool a Bitonto: due denunciati Scoperto un deposito clandestino di alcool a Bitonto: due denunciati Si tratta di due 45enni di Cerignola. Sequestrati anche tre macchinari speciali utilizzati per il confezionamento dei prodotti
Sequestro record della Finanza a Bitonto: trovata droga per 5 milioni Sequestro record della Finanza a Bitonto: trovata droga per 5 milioni Le Fiamme Gialle hanno arrestato un 40enne che in casa coltivava oltre 800 chilogrammi di marijuana
Discarica abusiva nel parco di lama Balice: sanzioni per 3 milioni di euro Discarica abusiva nel parco di lama Balice: sanzioni per 3 milioni di euro L'area, di oltre 10mila metri quadrati, è stata sequestrata dalle Fiamme Gialle: rinvenuti materiali inerti
Covid, lutto nella Finanza di Bitonto: morto il maresciallo Esposito Covid, lutto nella Finanza di Bitonto: morto il maresciallo Esposito Il nome del 52enne allunga la lista delle vittime del Covid nelle file delle Fiamme Gialle. Il cordoglio del generale Zafarana
Imprese edili e auto: sequestrati beni per 700mila euro ad un 40enne di Bitonto Imprese edili e auto: sequestrati beni per 700mila euro ad un 40enne di Bitonto Operazione della Guardia di Finanza: Alessandro Sicolo, del clan Parisi, imponeva lavori in subappalto alle aziende edili
Opere abusive nell'autolavaggio: il Comune ordina la demolizione Opere abusive nell'autolavaggio: il Comune ordina la demolizione La struttura era stata sequestrata dalla Guardia di Finanza dopo un controllo
Assembrati e senza mascherina: a Bitonto multe nella movida Assembrati e senza mascherina: a Bitonto multe nella movida Nel mirino della Guardia di Finanza i giovani raccolti sotto il Torrione Angioino, grazie alla segnalazione dei volontari
Mascherine taroccate vendute a Bitonto col 500% di ricarico Mascherine taroccate vendute a Bitonto col 500% di ricarico La GdF sequestra migliaia di prodotti a un bitontino che le vendeva on-line e ai tre cittadini cinesi che gliele fornivano
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.