Fal
Fal
Cultura, Eventi e Spettacolo

Il Covid ferma i falò di S. Lucia a Bitonto: «Accendete un lume nelle vostre case»

L'invito del gruppo folk "Re Pambanelle" del "cenacolo dei poeti" per non perdere la suggestione del momento

Accendere un lume, una candela o un cero nella notte più lunga dell'anno, la notte di Santa Lucia tra il 12 ed il 13 dicembre. È l'invito che arriva dal gruppo folk "Re Pambanelle" e dal "Cenacolo dei poeti" per non perdere la magia di uno dei momenti più suggestivi dell'attesa del Natale, che a Bitonto veniva festeggiato con i falò in giro per il centro storico.

«Dalla notte dei tempi – spiegano dal gruppo folk e dall'associazione - i falò di Santa Lucia illuminano il buio pesto dell'inverno nell'attesa del Santo Natale, quando il giorno ricomincia a crescere. La studiosa di tradizioni popolari Tina Masciale da oltre 30 anni ripropone l'antico rito dei falò, abbinato a danze e canti popolari e prodotti tipici del periodo in piazza San Silvestro. Grazie allo storico gruppo folk "Re Pambanelle" da lei fondato, che proprio in San Silvestro aveva sede, la tradizione non è andata persa, anzi negli ultimi anni è stata imitata da altri gruppi tanto che in città si contano ormai decine di falò. Naturalmente il falò più conforme alla tradizione resta quello organizzato dal gruppo folklorico " Re Pambanelle"».
La tradizione bitontina viene descritta dalla poesia "Sànda Leciòie" del compianto professor Giuseppe Moretti raccolta nel libro "Vetònde" curato da Oronzo Maggio e dalla professoressa Anna Moretti riportata di seguito.

«In questo triste anno di pandemia – chiedono queste due realtà che custodiscono le tradizioni locali - l'impossibilità di accendere il falò collettivo, ha portato all'idea di accendere candele alla Martire della Luce e degli occhi, in continuità con i ceri dell'Avvento e della novena dell'Immacolata, come tanti piccoli falò domestici​ che ci facciano sentire uniti e parte di una Comunità nell'attesa di un anno che si spera migliore».

Sànda Leciòie (professor Giuseppe Moretti)
Nànze a chèuse, matìne-
matòine,
drèite e nànze a la vetròine
Generòuse che premìiure
già s'aggiuste re pastìure.
Jè decèmbre...trìdece dòie,
fèsta bèlle SandaLeciòie!
Jè u fùuche ca l'abbevèsce
che la dòje ca mo s'accrèsce.
Sèmbe u fùuche pòrte la lìuce,
bòune a l'ùcchie ca t'abbrìuce...
e pu fùuche a dà trevèue
lègne e fràsche da brescèue!
nànze e drèite a la via nòuve
ce se vòule dà se tròuve.
Cùrre drèite a Checenèdde
ca te dè do pezzatèdde.
Drète a chèuse u "Alanìidde"
già t'apprònde u sarcenìidde.
Da u trappoìte la "Sardèdde"
te dèie re frascèdde
da 'ndèrre "Tridecedìinde"
te dè re saremìinde.
MèstePeppe, u falegnèume,
dè frambùgghie e te rechièume
pe strascìidde e strozzarèdde
bona au fùuche, lònghe e bèdde.
Da ste prònde Jànnasànde
ca te dè re fremenànde.
Re lìòune?! da Marràune
va te ra pìgghie da u pertàune.
Damascèlle e po Baròise
dònne sembe re terròise...

traduzione di Oronzo Maggio e Anna Moretti:
Vicino a casa, di buon mattino
dietro e avanti la vetrina
Generoso con premura
si aggiusta i pastori.
È dicembre, giorno tredici,
festa bella Santa Lucia.
È il fuoco che la ravviva anche perchè il giorno va crescendo.
Sempre il fuoco porta la Luce buona all'occhio che brucia.
E per il fuoco devi trovare
legna e frasche da bruciare.
Avanti e dietro per la Via Nuova
ciò che si vuole, là si trova.
Corri dietro a Cucinella
che ti dà due pezzi di legna.
Dietro casa il "mezzo bovalano" già ti prepara la sarcina.
Dal trappeto la "sardella"
ti dà le fascine
e dallo scantinato "tredicidenti"
ti dà i sarmenti.
Mastro Peppe, il falegname,
dà trucioli e ti richiama
per redidui di tavole e piccoli pezzi buoni per il fuoco, lunghi e belli.
Là sta pronta AnnaSanta
che ti dà i fiammiferi.
La legna? Da Marrone vattela a prendere dal portone.
Damascelli e poi Parisi ed Urbano
danno sempre i soldi.
  • Poesia
Altri contenuti a tema
Serata conclusiva del Festival di Poesia Coram Populo Serata conclusiva del Festival di Poesia Coram Populo Appuntamento alle 20 con la presentazione degli elaborati del concorso di scrittura creativa "Parole di Dante"
Stasera l'IX edizione del Festival di Poesia 'Le corti dei miracoli' Stasera l'IX edizione del Festival di Poesia 'Le corti dei miracoli' Tre giorni di poesia, il 13, 14 e 15 settembre, al Teatro Traetta di Bitonto
Sulle ali della libertà: premio di poesie in memoria di Alessandro Fariello Sulle ali della libertà: premio di poesie in memoria di Alessandro Fariello L’iniziativa è a cura di Angeli senza Frontiere
Bitonto dice addio a Nicola Schiraldi Bitonto dice addio a Nicola Schiraldi Il ricordo dell'artista, amante di poesia e pittura, nelle parole di amici e conoscenti
1 La poesia che ha stregato l'America tradotta da Matteo Vacca e Valentina Torre La poesia che ha stregato l'America tradotta da Matteo Vacca e Valentina Torre Il giovane professore bitontino ha voluto dire la sua nel dibattito che ha travolto la traduzione dei versi di Amanda Gorman
Il Cenacolo dei Poeti di Bitonto celebra Isabella Morra Il Cenacolo dei Poeti di Bitonto celebra Isabella Morra Tra le proposte, un gemellaggio artistico con Valsinni, città nativa della poetessa
Il Covid toglie a Bitonto l'ultimo zampognaro Il Covid toglie a Bitonto l'ultimo zampognaro Il "vecchio" Enzo non verrà quest'anno nella città dell'olio a causa della pandemia. Ma spera di tornarci nel 2021
Sabato Isabella Morra protagonista alla Galleria Devanna di Bitonto Sabato Isabella Morra protagonista alla Galleria Devanna di Bitonto Sarà presentato il libro sulla poetessa lucana ad opera di Gianni Antonio Palumbo
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.