I proiettili rinvenuti a Porta Robustina
I proiettili rinvenuti a Porta Robustina
Cronaca

Devastata la casa del pentito Papaleo. Uccise per errore Anna Rosa

La sua abitazione è stata messa a soqquadro. L'Antimafia: «Vuol dire che sta rendendo dichiarazioni importanti»

Il pentito è in carcere. Ma per la mala chi "tradisce" va punito e minacciato anche se lontano. Il 26 marzo scorso (anche se la notizia è stata diffusa solo nelle ultime ore, nda), i suoi ex sodali hanno devastato e saccheggiato la sua abitazione, nel centro storico di Bitonto.

Un'intimidazione bella e buona, per un bersaglio di grosso calibro. Perché in quella casa viveva la famiglia di Rocco Papaleo, 38enne arrestato insieme al 24enne Michele Sabba per l'omicidio dell'anziana 84enne Anna Rosa Tarantino, avvenuto per errore il 30 dicembre scorso, quando sotto i colpi di pistola doveva cadere Giuseppe Casadibari, di 21 anni, che rimase solo ferito.

Proprio Papaleo, assieme a Sabba, ha deciso di collaborare con i magistrati. Lo si è appreso il 12 aprile scorso durante un'udienza dinanzi al Tribunale del Riesame di Bari per la scarcerazione di Cosimo Liso, uno degli otto soggetti arrestati - insieme con Sabba e Papaleo - per quella mattinata di fuoco, nella quale si susseguirono quattro agguati, botta e risposta tra i due gruppi criminali Conte e Cipriano, culminati nell'omicidio dell'anziana.

I pubblici ministeri che coordinano le indagini, Ettore Cardinali e Marco D'Agostino, hanno depositato il verbale con cui Papaleo ha deciso di collaborare con la giustizia, rivelando particolari di quegli agguati ma anche dei conflitti interni alla criminalità organizzata bitontina negli ultimi mesi su cui continua ad indagare l'Antimafia. All'origine dello scontro ci sarebbe la gestione delle piazze di spaccio e il tradimento di alcuni sodali passati al clan rivale.

Insomma l'inchiesta che va avanti, ha spinto i suoi ex sodali, del clan Conte, a minacciare Papaleo, introducendosi nella sua abitazione e saccheggiandola. Per la Direzione Distrettuale Antimafia si tratta di «una pessima reazione del clan, che conferma che stia rendendo dichiarazioni importanti».
  • Clan Conte Bitonto
  • Clan Cipriano Bitonto
  • Anna Rosa Tarantino
  • Michele Sabba
  • Rocco Papaleo
Altri contenuti a tema
Conte in fuga, le forze dell'ordine: «Attenzione, è pericoloso» Conte in fuga, le forze dell'ordine: «Attenzione, è pericoloso» Il boss è munito di passaporto ma, per gli investigatori, il 48enne non sarebbe lontano
«È Domenico Conte il mandante della sparatoria» «È Domenico Conte il mandante della sparatoria» Sabba e Papaleo avrebbero agito «su espresso mandato di Conte e avvisati da D'Elia». Che però ha negato
Anziana uccisa a Bitonto, ancora latitante il boss Conte Anziana uccisa a Bitonto, ancora latitante il boss Conte Il 48enne è ritenuto il mandante della sparatoria che il 30 dicembre scorso costò la vita ad Anna Rosa Tarantino
Chi è Domenico Conte Chi è Domenico Conte Latitante dal 20 aprile, è considerato a capo dell'omonimo clan: ecco la sua storia
Sparatoria in strada, passante uccisa. Il mandante era Domenico Conte Sparatoria in strada, passante uccisa. Il mandante era Domenico Conte Emesso un ordine di arresto. Il presunto boss, da ieri latitante, avrebbe avuto un ruolo decisivo. Arrestato un altro sodale 28enne
Uccisero anziana per errore. Adesso confessano e si pentono Uccisero anziana per errore. Adesso confessano e si pentono Michele Sabba e Rocco Papaleo hanno scelto di collaborare con la giustizia. Entrambi furono arrestati nel blitz del 17 marzo
«Sabba già parte a sparare, la vecchiarella non la vedono proprio» «Sabba già parte a sparare, la vecchiarella non la vedono proprio» Il racconto del pentito Tarullo agli investigatori: «Incominciano a sparare e Papaleo spara anche lui»
Omicidio Tarantino, scena muta dei presunti killer davanti al gip Omicidio Tarantino, scena muta dei presunti killer davanti al gip Michele Sabba e Rocco Papaleo non rispondono durante l'interrogatorio. Entrambi sono in carcere
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.