IMG
IMG
Attualità

Contenzioso ASV-Multiservizi: la Corte d'Appello dà ragione al comune di Bitonto

Infondate le pretese del socio privato della partecipata del Comune che chiedeva 5 milioni di euro come risarcimento

Un comune, quello di Bitonto, che gestisce il ciclo dei rifiuti con una società per metà di sua proprietà e per l'altra metà di un socio privato. Un socio privato che decide di portare in giudizio proprio il comune, reo, a suo dire, di non affidare direttamente alla partecipata i servizi che potrebbe svolgere, chiedendo pure 5 milioni di euro di presunti danni. E una magistratura giudicante che, fortunatamente, riconosce la legittimità dell'operato del comune, intenzionato a rispettare le leggi italiane e condanna il socio privato al pagamento delle spese processuali. È un'aria tutt'altro che rilassata quella che si respira fra il comune di Bitonto e la Multiservizi srl, componente privata dell'Azienda Servizi Vari, che deve subire oltre ai colpi incrociati della concorrenza e dei "nemici" esterni, anche il "fuoco amico" di una sua componente interna, quella che, in teoria, dovrebbe essere più interessata a far parte di un soggetto sano e competitivo sul mercato.

In attesa che l'atteggiamento del socio privato limi la sua indole autolesionistica, la Corte d'appello di Bari, confermando il giudizio arbitrale celebrato nel 2015, ha considerato legittimo l'operato del Comune di Bitonto (difeso in giudizio dall'avv. Giuliana Michela Cartanese) in materia di affidamento di servizi pubblici alla società mista Azienda Servizi Vari SpA (partecipata dal Comune e da Puglia Multiservizi Srl). Il socio privato, infatti, aveva chiamato in giudizio il Comune di Bitonto ritenendo di aver subito un ingiusto notevole danno economico dalla decisione di non procedere all'affidamento diretto all'ASV di ulteriori servizi pubblici, come previsto nel piano industriale.

Secondo la Corte d'Appello di Bari, invece, il Comune si è pienamente attenuto alle disposizioni normative in materia, nonché alle prescrizioni dell'ANAC, l'Autorità nazionale anticorruzione a cui compete la vigilanza sui contratti pubblici, ritenendo, pertanto, infondata la domanda avanzata dal socio privato dell'ASV, che lamentava danni per 5 milioni di euro per la mancata assegnazione alla società di ulteriori affidamenti diretti secondo le aspettative di implementazione del piano industriale.
Condividendo la linea interpretativa degli arbitri espressa negli anni scorsi, i giudici baresi hanno anche escluso la violazione del principio di affidamento oltre che di diligenza e correttezza, statuendo che «…non vi furono trattative idonee a far sorgere qualsivoglia affidamento, e che il comportamento dell'ente, motivato dalla volontà di osservare le norme di legge (…) è comunque giustificato, tanto più nei confronti di un contraente privato anch'esso tenuto a conoscere la normativa e a non coltivare aspettative infondate sulla base di una sua azzardata interpretazione».
La Puglia Multiservizi, inoltre, è stata condannata dai giudici al pagamento delle spese di giudizio.
Lapidario, ma significativo, il commento del sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, che parla di «ennesima dimostrazione della trasparenza e correttezza del nostro comportamento. Non occorre aggiungere altro se i risultati parlano da soli».
  • Asv
  • Michele Abbaticchio
  • Azienda Servizi Vari Bitonto
Altri contenuti a tema
La musica in piazza Cattedrale snerva i residenti: concerto fermato La musica in piazza Cattedrale snerva i residenti: concerto fermato Lite fra i gestori di un locale e un vicino: interviene la Polizia
Era a Bitonto il ghanese morto in mare a Pane e Pomodoro Era a Bitonto il ghanese morto in mare a Pane e Pomodoro Abbaticchio: «Gentile e perfettamente integrato. Una scomparsa che fa male»
Decreto Sicurezza, Abbaticchio: «Salvini pensa solo ai migranti. Niente contro mafia e droga» Decreto Sicurezza, Abbaticchio: «Salvini pensa solo ai migranti. Niente contro mafia e droga» Per il leader di Italia in Comune «dopo la morte della giustizia sociale ora tocca alla morte del Sud»
«Col reddito di cittadinanza abbiamo aiutato i poveri di Bitonto» «Col reddito di cittadinanza abbiamo aiutato i poveri di Bitonto» La deputata Ruggiero (M5S) difende il provvedimento: «Adesso le famiglie arrivano a fine mese»
Ripulite le scritte sulla facciata della chiesa di San Francesco la Scarpa Ripulite le scritte sulla facciata della chiesa di San Francesco la Scarpa Abbaticchio: «Assurdo che nessuno parli mentre 4 pirla fanno quello che vogliono»
Il Comune di Bitonto presta le opere di Francesco Speranza alla Galleria de Vanna Il Comune di Bitonto presta le opere di Francesco Speranza alla Galleria de Vanna Saranno esposte nella sala/vetrina dedicata al pittore bitontino e visibile da via Rogadeo
Abbaticchio: «Col reddito di cittadinanza incontrollato schiere di ragazzi senza futuro» Abbaticchio: «Col reddito di cittadinanza incontrollato schiere di ragazzi senza futuro» Il leader di Italia in Comune sui dati della misura: «Solo a Bitonto 883 domande. Ma il tempo indeterminato resta una chimera»
La zona artigianale di Bitonto cambia nome e destinazione: sarà APPEA La zona artigianale di Bitonto cambia nome e destinazione: sarà APPEA In soffitta il vecchio PIP: via libera ad attività di tipo agricolo, artigianale, commerciale, turistico-alberghiero e finanziario
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.