Cittadinanza simbolica a stranieri nati in Italia
Cittadinanza simbolica a stranieri nati in Italia
Politica

Cittadinanza simbolica a stranieri nati in Italia: a Bitonto 118 minori pronti a diventare ‘italiani’

Approvato ieri in consiglio il provvedimento. Vaccaro (PD): «Momento storico: educhiamo alla tolleranza»

È passato con 22 voti favorevoli, nessun contrario e un astenuto, quello della consigliera di Forza Italia, Carmela Rossiello, il provvedimento con cui il consiglio comunale ha disposto di assegnare la cittadinanza italiana "simbolica" a tutti gli stranieri nati in Italia e residenti a Bitonto.

«Pretesto per manifestazioni di stampo ideologico», si è giustificata la Rossiello, che si sarebbe aspettata proposte per migliorare l'integrazione e l'inclusione pratica di chi vive in Italia. Tutti gli altri invece hanno compreso il valore "simbolico" dell'iniziativa, utile a sensibilizzare al tema dell'accoglienza verso lo straniero in difficoltà in un momento in cui parte della politica italiana sembra andare in direzione diametralmente opposta. Almeno "quasi" tutti, perché al momento della discussione non è sfuggita ai presenti l'uscita dall'aula dei gruppi consiliari di maggioranza 70032 Città in Movimento e Riformisti Cattolici e Popolari, già in passato accusati a più riprese di essere più vicini alle posizioni politiche e ideologiche della destra che a quelle della coalizione civica di centrosinistra cui, formalmente, appartengono. Un atteggiamento proseguito anche dopo il loro rientro in aula al momento della votazione con un acceso diverbio fra Giuseppe Fioriello e il sindaco Michele Abbaticchio.

In aula, però, si sono alternati solo interventi di condivisione del provvedimento, con la partecipazione, in via del tutto eccezionale, di soggetti che non fanno parte del consiglio comunale, come don Vito Piccinonna, rettore della Basilica dei Santi Medici, Mimma Torres, per "Progetto Continenti" e don Michele Camastra, direttore generale dell'ufficio Migrantes diocesano.

Tra gli interventi più articolati dei consiglieri, quello di Antonella Vaccaro (PD), secondo cui «non spetta a noi consiglieri fare le leggi dello stato ma credo sia in nostro potere sensibilizzare e promuovere riflessioni di questo genere. La nostra presenza qui oggi è fondamentale perché in questo momento storico politico/sociale in cui versiamo, rompe il silenzio. Un silenzio provocato dalla mancata approvazione della legge sullo ius soli e alimentato dalla politica della paura e dell'odio promossa negli ultimi mesi da parte di alcuni movimenti e partiti politici».

«Tutti noi siamo lo straniero di qualcun altro – ha detto la Vaccaro - ma la nostra residenza e il nostro ruolo di cittadino lo svolgiamo qui nella nostra città come i 180 minori che sono registrati presso gli uffici dell'anagrafe. 180 minori figli di stranieri di cui 118 nati in Italia e residenti a Bitonto. I loro genitori diversi anni fa sono venuti qui e hanno deciso di darsi e offrire ai propri figli una seconda possibilità, i loro figli nati e cresciuti qui sono cittadini come noi. Vanno a scuola con i vostri figli, crescono tra noi e rispettano le leggi come noi, allora cosa ci differenzia davvero? Nulla, solo il fatto di essere figli di stranieri. Stranieri perché di provenienza da un altro stato».

«Io – ha concluso il consigliere - come cittadino prima e come amministratore poi, sento il dovere di farmi promotrice di iniziative di sensibilizzazione e informazione in merito ai temi dell'integrazione, di cittadinanza e di immigrazione. Nel tentativo di rompere il silenzio che oscura e mina la serenità e la dignità dell'essere umano».
  • Michele Abbaticchio
  • consiglio comunale
Altri contenuti a tema
«Militari in ausiliaria per aiutare il Comune»: la proposta dei 5 Stelle di Bitonto «Militari in ausiliaria per aiutare il Comune»: la proposta dei 5 Stelle di Bitonto Ma da Palazzo Gentile era già partita nei mesi scorsi la richiesta al Ministero. A disposizione medici, ingegneri, biologi e altri professionisti
1 Sabato si inaugura a Bitonto la sede di Italia in Comune Sabato si inaugura a Bitonto la sede di Italia in Comune Sarà dedicata ad Aldo Moro. Attesi il sindaco di Parma, Pizzarotti e quelli di Cerveteri e Latina, Pascucci e Coletta
Sindaci di Italia in Comune contro i “no vax”, i medici: «Scelta giusta e coraggiosa» Sindaci di Italia in Comune contro i “no vax”, i medici: «Scelta giusta e coraggiosa» Il presidente della FNMCEO, Anelli, plaude all’iniziativa degli amministratori
Epidemia morbillo a Bari, Abbaticchio: «Sulla salute dei bambini non si scherza» Epidemia morbillo a Bari, Abbaticchio: «Sulla salute dei bambini non si scherza» I sindaci di Italia in Comune Puglia rilanciano sul tema ‘vaccini’
Sarà girato a Bitonto il prossimo film di Giulio Base con Ennio Fantastichini per Rai Cinema Sarà girato a Bitonto il prossimo film di Giulio Base con Ennio Fantastichini per Rai Cinema Base logistica della troupe nel Centro Tecnologico Comunale della zona artigianale
Domani a Bari la presentazione del Festival BiTalk di Bitonto Domani a Bari la presentazione del Festival BiTalk di Bitonto Tra gli ospiti, Sergio Cammariere, Gianrico Carofiglio, Erri De Luca e Mimmo Lucano
Due mezzi per disabili del Comune fermi da due mesi: la ROAD chiede l'assegnazione Due mezzi per disabili del Comune fermi da due mesi: la ROAD chiede l'assegnazione Tante le persone con disabilità che chiedono aiuto per la mobilità urbana
Oggi a Bitonto "Giornata della Trasparenza" per parlare di privacy e “Bitonto 2020” Oggi a Bitonto "Giornata della Trasparenza" per parlare di privacy e “Bitonto 2020” In Biblioteca per conoscere le nuove norme sulla protezione dei dati e la programmazione dei lavori pubblici previsti
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.