Il luogotenente Pietro Tempesta
Il luogotenente Pietro Tempesta
Cronaca

Carabinieri, è di Mariotto il nuovo comandante di Molfetta

Si tratta del luogotenente Pietro Tempesta che torna in Puglia dopo 20 anni

Torna in Puglia, vent'anni dopo l'ultima volta, il luogotenente Pietro Tempesta, originario di Mariotto. Un rientro a casa, dopo l'esperienza come comandante della Stazione di Palazzo San Gervasio, in provincia di Potenza, dalla porta principale: è stato nominato nuovo numero uno della Stazione Carabinieri di Molfetta.

Il neo comandante, nei giorni scorsi, ha ricevuto dal Comune di Palazzo San Gervasio, cittadina di 4.690 abitanti situata nel nord-est della Basilicata, un attestato di riconoscenza civica: l'amministrazione comunale, con a capo il sindaco Michele Mastro, ha inteso ringraziarlo per il ventennale servizio (dal 2001 al 2021) reso presso la Stazione Carabinieri di Palazzo San Gervasio «svolto con competenza, efficienza, professionalità e spiccato senso del dovere» si legge sull'attestato.

Al sottufficiale dell'Arma dei Carabinieri, in servizio effettivo a Molfetta a partire dal prossimo 10 agosto al posto del parigrado Giuseppe Malerba, in pensione dal 1 ottobre scorso, il primo cittadino ha rivolto un particolare pensiero descrivendolo come una «persona responsabile e disponibile, un uomo sorretto dall'etica del lavoro, dal rigore morale e dalla dedizione al servizio, qualità che gli hanno consentito di guidare egregiamente la Stazione di questo comune», è scritto ancora.

L'attestato di riconoscenza civica del Comune di Palazzo San Gervasio è soltanto l'ultimo di una lunga serie di riconoscimenti attribuiti al luogotenente Tempesta, a cui l'Unione Province Italiane e l'ANCI Basilicata hanno donato una targa, in segno di gratitudine per l'impegno profuso in città durante l'emergenza Covid-19.
  • Carabinieri Bitonto
  • Pietro Tempesta
Altri contenuti a tema
Omicidio Caprio: caccia al supertestimone, l'amico del 40enne Omicidio Caprio: caccia al supertestimone, l'amico del 40enne L'uomo non si è presentato spontaneamente agli investigatori. Si indaga per risalire all'identità
Ucciso a pugni. «In questa storia non c'entra la criminalità» Ucciso a pugni. «In questa storia non c'entra la criminalità» Lo chiariscono i Carabinieri. La confessione di Giampalmo al pm: «Guardava le nostre donne»
Ucciso a pugni, Giampalmo confessa: «Guardava le nostre donne» Ucciso a pugni, Giampalmo confessa: «Guardava le nostre donne» Il 20enne si è costituito presso la Stazione dei Carabinieri. È accusato di omicidio volontario aggravato
Ucciso a pugni, fermato un 20enne. L'accusa: omicidio volontario Ucciso a pugni, fermato un 20enne. L'accusa: omicidio volontario Il presunto colpevole, Fabio Giampalmo, si è recato dai Carabinieri con il suo avvocato. È in stato di fermo
Rissa a Bitonto, morto un 40enne: fermato l'aggressore, è un 20enne Rissa a Bitonto, morto un 40enne: fermato l'aggressore, è un 20enne La posizione del giovane, che si è presentato in caserma con il suo legale, è al vaglio dell'Autorità Giudiziaria
Rissa finisce in tragedia, morto un 40enne di Bitonto Rissa finisce in tragedia, morto un 40enne di Bitonto La vittima è Paolo Caprio, l'episodio nella Dill's. Identificato l'aggressore: ha 20 anni
Evade dai domiciliari e lo trovano a casa di una donna. Arrestato Evade dai domiciliari e lo trovano a casa di una donna. Arrestato Un 21enne di Bitonto è stato sorpreso dai Carabinieri a Giovinazzo. Ha anche opposto resistenza
Agente aggredito: si cercano gli altri componenti del branco Agente aggredito: si cercano gli altri componenti del branco Ieri operazione di Carabinieri e Polizia Locale a Giovinazzo: identificate ben 50 persone
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.