Il sequestro dei Carabinieri
Il sequestro dei Carabinieri
Cronaca

Blitz anti-spaccio: smantellate due piazze della droga

Retata nel centro storico e nella 167: sequestrati droga, monitor e telecamere. 4 gli arresti

Nella mattinata di oggi, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari, coadiuvati dai colleghi dell'XI Reggimento Puglia, hanno eseguito numerose perquisizioni domiciliari nel centro storico cittadino e presso il complesso di case popolari di via Pertini e di via Spadolini, nell'ambito di un più ampio servizio di contrasto al fenomeno dello spaccio di stupefacenti.

I militari dell'Arma hanno così smantellato due distinte piazze di spaccio riconducibili alla criminalità organizzata.

In via San Luca, nel centro storico cittadino, all'interno di due vicini seminterrati, è stato rinvenuto un vero e proprio centro di comando e controllo dell'attività di spaccio, comprensivo di 2 grandi monitor a loro volta collegati a ben 7 microtelecamere abusivamente installate nei vicoli e nelle strette vie d'accesso e deflusso della stessa via San Luca.

Una radio ricetrasmittente, poi, consentiva al pusher in servizio nel sottano di avvisare i sodali in strada del pericolo costituito dall'arrivo di eventuali pattuglie delle forze dell'ordine o di esponenti di gruppi rivali. In uno dei locali, inoltre, vi era custodito anche il borsone con lo stupefacente già suddiviso e pronto per essere commercializzato al dettaglio.

All'interno sono stati rinvenuti 320 grammi di marijuana suddivisi in 162 dosi e 110 grammi di hashish suddivisi in 61 dosi, nonché gli appunti con la contabilità dello spaccio. Inutile il tentativo da parte di Damiano Cataldi, 40enne, e di D.M., 19enne, entrambi di Bitonto e già noti alle forze dell'ordine, di allontanarsi dalla postazione tecnologica in cui si trovavano.

Entrambi sono stati bloccati ed arrestati dai militari: il primo, su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, è stato tradotto in carcere, mentre per il secondo sono stati disposti gli arresti domiciliari. Copione analogo per il 19enne Michelangelo Brilli e il 21enne Mauro Palmieri, anch'essi già noti ai Carabinieri.

Singolari le modalità del loro arresto, avvenuto sulla sommità del terrazzo di una delle palazzine di edilizia popolare di via Pertini. I due giovani, infatti, erano intenti a spacciare, quando è giunto il contingente di militari che ha iniziato le perquisizioni ad alcune abitazioni ubicate presso un civico distante un centinaio di metri rispetto alla palazzina sul cui tetto si trovavano entrambi.

Quest'ultimi, allora, hanno iniziato a sporgersi con cautela dal terrazzo, lanciando prolungati fischi dal significato convenzionale, evidentemente diretti a qualche loro sodale preposto al servizio di vigilanza in strada.

Tuttavia, tutti questi comportamenti non sono sfuggiti ad una coppia di militari preventivamente appostati nei pressi. Immediatamente sono state fornite le indicazioni ad altri militari, circa la presenza e l'esatta ubicazione dei due malviventi sul tetto; altrettanto tempestivo è stato così l'intervento che ha consentito di bloccare i due.

B.M. e P.M. avevano al seguito un borsone al cui interno vi erano 72 grammi di cocaina, suddivisa in 143 dosi, 175 grammi di hashish, suddivisi in 93 dosi e 618 grammi di marijuana, suddivisi in 227 dosi. Per entrambi i pusher di via Pertini si sono aperte le porte della casa circondariale di Bari.

Gli arresti di oggi seguono analoghi interventi eseguiti il 30 ed il 31 dicembre, eseguiti dall'Arma sempre in via Pertini, il primo dei quali nella mattinata stessa delle cruenti sparatorie tra gruppi rivali avvenute a Bitonto, nel corso delle quali, nei vicoli del centro storico è stata ferita a morte l'84enne Anna Rosa Tarantino e ferito al busto il 20enne Giuseppe Casadibari, vero obiettivo dei sicari.
2 fotoBlitz anti-spaccio: smantellate due piazze della droga
Il sequestro dei Carabinieri JPGIl monitor sequestrato dai Carabinieri
  • Arresti Bitonto
  • Droga Bitonto
  • Carabinieri Bitonto
Altri contenuti a tema
Il ladro è troppo maldestro, il colpo finisce malissimo Il ladro è troppo maldestro, il colpo finisce malissimo Un bitontino, in trasferta a Molfetta, si è impossessato di un Fiat Scudo, per poi finire contro una fioriera
Giovinazzo, la nuova sponda della criminalità bitontina Giovinazzo, la nuova sponda della criminalità bitontina Ieri la cattura del latitante Pasquale Pazienza. Sempre in città, a maggio, si nascondeva il boss Domenico Conte
Assalto al caveau della Sicurtransport: il latitante Pasquale Pazienza era a Giovinazzo Assalto al caveau della Sicurtransport: il latitante Pasquale Pazienza era a Giovinazzo L'uomo, di 49 anni, si era rifugiato con Alessandro Morra in una masseria in località Casino della Principessa
Assalti a caveau e portavalori, arrestati due latitanti. Uno è di Bitonto Assalti a caveau e portavalori, arrestati due latitanti. Uno è di Bitonto Scovati in una masseria di Giovinazzo nel corso di un blitz del Servizio Centrale Operativo della Polizia
Non si ferma all'alt e fugge: 40enne di Bitonto inseguito da Bari a Molfetta Non si ferma all'alt e fugge: 40enne di Bitonto inseguito da Bari a Molfetta Arrestato un pluripregiudicato bloccato da Polizia Locale e Guardia di Finanza dopo un inseguimento ad oltre 140 chilometri orari
Sventato furto da 80mila euro a Bitonto in uno stabilimento sulla Sp231 Sventato furto da 80mila euro a Bitonto in uno stabilimento sulla Sp231 I Carabinieri hanno anche recuperato 5 furgoni rubati tra Molfetta, Giovinazzo, Bitonto e Monopoli
Scomparso a Bitonto un 44enne: i Carabinieri vicini al ritrovamento Scomparso a Bitonto un 44enne: i Carabinieri vicini al ritrovamento Ha fatto perdere le sue tracce tre giorni fa diretto forse ad Avellino da un’amica
Elogi ed encomi per premiare i Carabinieri di Bitonto Elogi ed encomi per premiare i Carabinieri di Bitonto Consegnati ieri dal colonnello Vincenzo Molinese nella sede della Compagnia di Molfetta
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.