Tribunale di Bari
Tribunale di Bari
Cronaca

Assoluzione piena per il bitontino accusato di una rapina mai commessa

Finito l'incubo per il 46enne Vincenzo Mundo, da 5 mesi in carcere per uno scambio di persona

È stata scritta finalmente la parola 'fine' sulla vicenda di Vincenzo Mundo, 46enne pregiudicato bitontino finito in carcere per 5 mesi per una rapina commessa però da un sosia.

Il giudici hanno infatti chiuso solo alcuni giorni fa, dopo un anno, la posizione dell'uomo con un'assoluzione piena «per non aver commesso il fatto».

Mundo era finito in carcere il 2 settembre scorso, accusato di aver rapinato con altri due complici una gioielleria di Sannicandro, portandosi dietro un bottino di circa 20mila euro.

Per sua fortuna il bitontino ha però incontrato per caso in carcere il 45enne barese Riccardo Antonio Corsini, detenuto per un'altra rapina. I due si somigliano al punto che gli altri detenuti li hanno spesso scambiati per gemelli.

Bastano pochi mesi a Corsini per farsi vincere da un «forte rimorso di coscienza nel vedere un innocente padre di famiglia accusato di un reato che non ha commesso» e costringerlo a confessare, in una lettera inviata al magistrato, di essere l'autore di quella rapina.

Nonostante l'immediata scarcerazione disposta dai giudici nel riesame del processo a gennaio scorso, il Tribunale ha chiesto però una perizia antropometrica per maggiore sicurezza.

Durante un'attenta analisi dei fotogrammi estratti dalle immagini di videosorveglianza del giorno della rapina, comparati con le foto dell'indagato è stato possibile appurare che l'altezza fra i due è simile ma i tratti somatici non sono compatibili. Il naso aquilino del rapinatore e le sue bozze frontali prominenti, non presenti sul volto di Mundo, lasciano poco spazio ai dubbi: a rapinare la gioielleria di Sannicandro non è stato il bitontino.

Il 46enne può quindi ricominciare a vivere la sua vita da uomo libero mentre Corsini dovrà rispondere della nuova accusa di rapina che la magistratura barese gli ha mosso dopo la confessione.
  • Vincenzo Mundo
  • rapina
Altri contenuti a tema
Detenuto bitontino tenta il suicidio in carcere ad Asti Detenuto bitontino tenta il suicidio in carcere ad Asti Aveva stretto le lenzuola attorno al collo appendendosi alle sbarre della cella ma è stato salvato dalla penitenziaria
Rapine ai Tir: scarcerato per mancanza di prove Giuseppe Valentini Rapine ai Tir: scarcerato per mancanza di prove Giuseppe Valentini Un altro bitontino invece si è costituito: è Valentino Capocchiano
Due bitontini nella banda dei rapinatori ai portavalori sgominata a Foggia Due bitontini nella banda dei rapinatori ai portavalori sgominata a Foggia Sarebbero responsabili, fra le altre cose, di una rapina da film a Canosa a un furgone della Cosmopol
Assalto a tir, autista sequestrato e rilasciato a Mariotto Assalto a tir, autista sequestrato e rilasciato a Mariotto L’uomo, illeso, è stato trovato nelle campagne della frazione di Bitonto
Rapinato da tre uomini armati di coltello supermercato in via Amm. Vacca Rapinato da tre uomini armati di coltello supermercato in via Amm. Vacca Terrore tra i clienti in fuga. Sul posto la Polizia di Stato
1 Rapina in centro a Bitonto: ma è solo un film Rapina in centro a Bitonto: ma è solo un film Diverse le segnalazioni giunte alle Forze dell’Ordine
Rapinato il supermercato di via Ricapito: si cercano due persone di colore Rapinato il supermercato di via Ricapito: si cercano due persone di colore Gli assalitori sono entrati a volto coperto armati di coltello
È di Bitonto il vigilante eroe che ha bloccato uno dei rapinatori dell’Auchan di Taranto È di Bitonto il vigilante eroe che ha bloccato uno dei rapinatori dell’Auchan di Taranto Nel video dell’assalto, che ha fatto il giro dei tg nazionali, Giuseppe Tarantino ferma a terra uno dei malviventi in fuga
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.