NO MAFIA
NO MAFIA
Attualità

Approvato il codice antimafia, Abbaticchio: «Bene, ora serve sensibilizzazione»

Il sindaco plaude al passaggio in Parlamento del provvedimento

Il Ministro Orlando l'ha definita una «una buona notizia per la lotta alla criminalità organizzata». Per il relatore del provvedimento alla Camera, Davide Mattiello, «si danno agli inquirenti nuovi strumenti per combattere le cosche che adesso avranno vita più dura», per i 5 stelle, invece, si poteva fare di più e si tratta solo di un «compromesso al ribasso». Da qualsiasi punto lo si voglia guardare il codice antimafia approvato ieri in Parlamento rappresenta uno spartiacque che cambierà l'approccio dell'impianto legislativo nei confronti dei reati più "odiosi", quelli dal carattere mafioso.
Lo sa bene il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio - vicepresidente nazionale dell'associazione che raccoglie i rappresentanti degli enti pubblici contro tutte le mafie, Avviso Pubblico – che ha accolto con soddisfazione l'approvazione.
«Un atto di responsabilità politica importante – ha commentato il primo cittadino - un deciso passo migliorativo nell'azione di prevenzione e di contrasto alle mafie e alla corruzione. Un ringraziamento particolare a tutti i parlamentari che con impegno, competenza, passione e tenacia hanno seguito un percorso amministrativo complesso».
Anche se il provvedimento ha trovato la ferma opposizione di Forza Italia, che per bocca dell'onorevole Brunetta lo considera «un abominio, perchè porta tutto sul piano penale, compresa la corruzione», è innegabile che offra strumenti nuovi nelle mani dei giudici. Anche se «tutto questo non basta», come confermato anche da Gian Carlo Caselli, che da procuratore di Palermo, negli anni '90, ha combattuto la mafia stragista dei Corleonesi e che resta un sostenitore del nuovo codice antimafia.
Sulla stessa linea anche il sindaco Abbaticchio, secondo cui «ora occorre avviare un'azione di sensibilizzazione sui territori per condividerne valori, principi e regole. Perché di mafia bisogna parlarne, perchè chi vive grazie ad essa reca molto danno».
  • bitonto
  • Abbaticchio
  • Orlando
  • Michele Abbaticchio
  • Direzione Investigativa Antimafia
  • Andrea Orlando
  • Codice Antimafia
  • Ministro Andrea Orlando
  • Renato Brunetta
  • Gian Carlo Caselli
Altri contenuti a tema
Natilla torna nel consiglio comunale di Bitonto: «Autonomo e determinato» Natilla torna nel consiglio comunale di Bitonto: «Autonomo e determinato» L'ex piddino pronto a dare battaglia alla «società dell'immagine»
Abbaticchio: «Amazon Bitonto sosterrà i produttori locali» Abbaticchio: «Amazon Bitonto sosterrà i produttori locali» Dal sindaco l'annuncio di un progetto per promuovere i piccoli commercianti sulle vetrine online
Ribaltano un'auto su una piazza pedonale: follia nella 167 di Bitonto Ribaltano un'auto su una piazza pedonale: follia nella 167 di Bitonto Il sindaco scrive al Questore: «Siamo seriamente preoccupati»
Vandali di Capodanno a Bitonto: il fuoco danneggia Porta Baresana Vandali di Capodanno a Bitonto: il fuoco danneggia Porta Baresana Una fioriera vola nel fossato e un'altra pianta viene data alle fiamme
Rita dalla Chiesa promuove Abbaticchio: «È un grande sindaco» Rita dalla Chiesa promuove Abbaticchio: «È un grande sindaco» La figlia del generale ucciso dalla mafia e il fratello di Angelo Vassallo elogiano l'iniziativa delle frasi degli eroi della legalità
Bitonto in piazza contro la mafia nel ricordo di Anna Rosa Bitonto in piazza contro la mafia nel ricordo di Anna Rosa Accese 10 luminarie con le frasi degli eroi dell'antimafia. Ma a tre sono già stati già tagliati i cavi di alimentazione
Allarme manutenzione al Teatro Traetta di Bitonto, Abbaticchio: «Solo macchie di umidità» Allarme manutenzione al Teatro Traetta di Bitonto, Abbaticchio: «Solo macchie di umidità» Il primo cittadino assicura che i lavori saranno completati con la chiusura del teatro a fine stagione
Partiti a Bitonto i lavori per l'illuminazione del ponte di via Palo Partiti a Bitonto i lavori per l'illuminazione del ponte di via Palo Si inizia dalle rotatorie. Poi sarà la volta del nastro stradale che scavalca la Sp 231
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.