Antenna radiomobile
Antenna radiomobile
Territorio e Ambiente

«A Bitonto troppe antenne per telecomunicazioni»

Sinistra Italiana chiede chiarimenti: «Perchè non c'è un piano comunale per l'installazione di questi impianti?»

«Iniziano ad essere sin troppi gli impianti per la diffusione delle telecomunicazioni (cd antenne) installati sul territorio cittadino e la popolazione giustamente è allarmata da tanta proliferazione». La denuncia è della sezione locale di Sinistra Italiana che ha chiesto un maggiore controllo sulla installazione di questi impianti sul territorio di Bitonto.

«L'ultimo impianto segnalato da un cittadino – scrivono gli attivisti - è quello di via Francesco Paolo Luiso angolo via General Cantore, in pieno centro cittadino. Non vogliamo disquisire sulla legittimità di tale installazione, esiste una legge regionale del 2002 e un regolamento regionale del 2006 che disciplinano i criteri e le modalità da seguire per il rilascio delle autorizzazioni. Si presume, dunque, che l'autorizzazione sia stata preceduta dal parere vincolante di ARPA Puglia, oltre tutto il monitoraggio ed il controllo dell'attività post installazione è un obbligo sia per il Comune che per la medesima Agenzia Regionale».

Il punto interessante, per SI Bitonto, è il motivo dell'assenza di un «piano comunale, previsto dalla legge regionale, per disciplinare il corretto insediamento urbanistico e territoriale di siffatti impianti, al fine di minimizzare l'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Un aspetto fondamentale, secondo Sinistra Italiana, «per un'amministrazione che nasce con il proposito della protezione dell'ambiente».

«Esiste una giurisprudenza ormai consolidata – rilevano da SI Bintonto - che attribuisce una specifica competenza ai Comuni nel disciplinare l'uso del territorio anche in tema di salvaguardia dall'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. L'esercizio del potere regolamentare costituisce funzione della potestà urbanistica e dunque la formazione di un regolamento autonomo o ancora meglio l'innesto di una specifica disciplina delle installazioni impiantistiche all'interno del redigendo PUG (Piano urbanistico generale) consentirebbe una corretta localizzazione per l'insediamento degli impianti per la diffusione delle telecomunicazioni che consentirebbe di minimizzare l'impatto estetico e territoriale nonché minimizzare e rendere uniforme l'esposizione dei cittadini bitontini ai campi elettromagnetici».
  • Sinistra Italiana Bitonto
Altri contenuti a tema
Contratto scaduto al PD di Bitonto: «Perchè non sgombera?» Contratto scaduto al PD di Bitonto: «Perchè non sgombera?» Sinistra Italiana e Lega chiedono trasparenza sulla sede del partito e sul suo futuro utilizzo
«Il PUG di Bitonto migliorerà la vivibilità della città» «Il PUG di Bitonto migliorerà la vivibilità della città» Sinistra Italiana soddisfatta della prosecuzione dei lavori e dell'accoglimento degli emendamenti al Piano
SI Bitonto: «Il Piano di Mobilità Sostenibile va fermato» SI Bitonto: «Il Piano di Mobilità Sostenibile va fermato» «Senza la VAS disagi per chi abita a ridosso del centro storico»
 SI Bitonto alla Lega: «Non scherzate sulla pelle della gente in crisi per il Covid»  SI Bitonto alla Lega: «Non scherzate sulla pelle della gente in crisi per il Covid» Per la sezione locale del partito i salviniani «dovrebbero restituire i 49 milioni sottratti agli italiani per aiutare i lavoratori»
1 SI Bitonto: «Anche il Consiglio di Stato riabilita Mimmo Lucano» SI Bitonto: «Anche il Consiglio di Stato riabilita Mimmo Lucano» La sezione locale del partito rilancia l'idea della cittadinanza onoraria: «Ora leghisti in silenzio»
SI Bitonto: «Contro gli abbandoni illeciti un Centro di Raccolta di rifiuti elettrici» SI Bitonto: «Contro gli abbandoni illeciti un Centro di Raccolta di rifiuti elettrici» La locale sezione del partito invita l'amministrazione a partecipare al bando dell'ANCI che finanzia il progetto
Si dimette il segretario di SI Bitonto, Domenico Masciale Si dimette il segretario di SI Bitonto, Domenico Masciale «Indimenticabili momenti di lotta, ma è il momento di nuove sfide»
SI Bitonto: «No al sottopasso senza passaggi pedonali» SI Bitonto: «No al sottopasso senza passaggi pedonali» Per gli attivisti è «un'opera utile. Ma non si rincorra la smania dei partiti di intestarsi i meriti»
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.