sparatoria
sparatoria
Cronaca

Ferita per errore in un agguato a Bitonto: chiesti 8 anni per Domenico Conte

Dal tetto di un'abitazione ordinò di sparare e venne colpita di striscio ad una gamba una 29enne di passaggio

Nonostante la morte di un'innocente non si erano minimamente affranti e, incuranti della presenza incessante delle Forze dell'Ordine, avevano deciso di tornare a sparare nuovamente all'impazzata in mezzo alla gente, finendo per ferire un'altra passante innocente.

È la condanna a 8 anni di reclusione la pena chiesta dalla Direzione Distrettuale Antimafia per il presunto boss di Bitonto, Domenico Conte, accusato di essere il mandante della sparatoria del 14 marzo 2018, quando uno dei suoi accoliti avrebbe ricevuto ed eseguito l'ordine di fare fuoco da un tetto del centro storico, ferendo una 29enne estetista per caso di passaggio in strada.

Conte rischia anche un'altra condanna a 20 anni di reclusione perché è ritenuto il mandante dell'agguato del 30 dicembre 2017 in cui rimase uccisa, per errore, l'83enne Anna Rosa Tarantino. L'obiettivo, anche questa volta, sarebbe stato un esponente del clan rivale dei Cipriano, in risposta al ferimento di qualche settimana prima di due sodali del gruppo criminale capeggiato da Conte.

Per i reati di lesioni personali, detenzione e porto abusivo illegale di armi, spari in luogo pubblico, con l'aggravante mafiosa, Conte e il pregiudicato, suo gregario, Danilo Gentile, di 23 anni, sono ora a processo con il rito abbreviato dinanzi al gup Marco Galesi, entrambi difesi dall'avvocato Pino Giulitto. Per Gentile, ritenuto l'esecutore materiale del ferimento, il pm della Dda di Bari Ettore Cardinali ha chiesto la condanna a 7 anni di reclusione.

La sentenza, nell'aula bunker di Bitonto, è prevista per il prossimo 9 maggio. Quella per l'omicidio Tarantino e per altri tre agguati di mafia maturati nell'ambito della stessa guerra tra i due clan rivali, è invece fissata il 30 aprile.
  • Clan Conte Bitonto
  • Domenico Conte
Altri contenuti a tema
Le lotte fra i Conte e i Cipriano all'ombra del potere di Bitonto Le lotte fra i Conte e i Cipriano all'ombra del potere di Bitonto La fotografia fatta dalla Direzione Investigativa Antimafia: occhio ai Cassano, che conservano la propria capacità operativa
Decreto di giudizio immediato per Domenico Conte Decreto di giudizio immediato per Domenico Conte È ritenuto il referente del clan barese dei Capriati in città e rischia un'altra condanna a 20 anni per l'omicidio Tarantino
«Non gli bastava avvelenare i ragazzi con la droga, dovevano sparare fino ad ammazzare un innocente» «Non gli bastava avvelenare i ragazzi con la droga, dovevano sparare fino ad ammazzare un innocente» Nel corso della requisitoria, i pubblici ministeri hanno ricostruito la storia dei due clan in guerra, i Conte e i Cipriano
Anziana uccisa per errore a Bitonto, la Procura Antimafia chiede 9 condanne Anziana uccisa per errore a Bitonto, la Procura Antimafia chiede 9 condanne Richieste pene comprese tra i 20 e i 3 anni di reclusione nei confronti dei presunti responsabili delle 4 sparatorie
Agguati per il controllo della droga, 7 condanne nei clan Conte e Cipriano Agguati per il controllo della droga, 7 condanne nei clan Conte e Cipriano La pena più alta (10 anni e 2 mesi) a Giuseppe Antuofermo. Riconosciuta per tutti l'aggravante mafiosa
Estetista ferita per errore. Le immagini del raid del 14 marzo scorso Estetista ferita per errore. Le immagini del raid del 14 marzo scorso Obiettivo dell'agguato, avvenuto nei vicoli del centro storico, era un esponente del clan Cipriano
Nuovo arresto per il boss Domenico Conte e il suo gregario Danilo Gentile Nuovo arresto per il boss Domenico Conte e il suo gregario Danilo Gentile Furono i protagonisti di un raid avvenuto a marzo, in risposta al ferimento di due sodali del clan Conte
Ferirono tre esponenti dei Conte: arresti nel clan Cipriano Ferirono tre esponenti dei Conte: arresti nel clan Cipriano In carcere Benito Ruggiero, Rocco Mena e Arcangelo Zamparino. Nell'agguato rimase ferito anche un minore
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.