Vittorio Sgarbi
Vittorio Sgarbi
Attualità

VIDEO - Sgarbi: «Lecita la protesta dei condomini contro lo striscione di Libera»

Abbaticchio: «Non so se è lecito, di sicuro non è giusto verso chi vuole rompere il muro del silenzio»

La protesta dei condomini del palazzo del boss contro lo striscione di Libera esposto dopo la confisca dell'immobile è lecita. È questo il pensiero di Vittorio Sgarbi sulla vicenda che ha fatto guadagnare alla città le prime pagine dei quotidiani nazionali quando un gruppo di residenti dello stabile in cui abitava il malavitoso a cui avevano confiscato l'appartamento aveva protestato contro lo striscione esposto sul balcone dall'associazione contro tutte le mafie Libera.
Il critico d'arte ha riservato alla questione uno dei suoi quotidiani videomessaggi affidati a facebook, in cui affronta questioni di attualità esprimendo il suo parere.
Chi si aspettava lo Sgarbi furioso contro la "capra ignorante" di turno resterà deluso: il celebre critico, famoso per le sue posizioni "in controtendenza", si è esibito piuttosto in un pacato confronto con il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, sul tema, in cui ha argomentato le sue considerazioni. «I residenti di quello stabile non possono diventare vittime due volte – ha detto – prima per essere state costrette a convivere con un mafioso e poi per essere state additate come complici. Il coraggio non se lo devono dare per forza e per questo non possono vedere violata la propria privacy».
La risposta del sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, non si è fatta attendere. «Non si può tacere difronte ad un mafioso ed indignarsi gridando per un messaggio antimafia appeso ad un balcone di un bene confiscato – ha detto il primo cittadino - è lecito? Non lo so. Forse. Ma sicuramente non è giusto. E noi siamo qui anche per dare un indirizzo alla città. È un dovere verso tutti quei ragazzi che vogliono cambiare Bitonto rompendo proprio quel muro di silenzio».
Lo stesso Abbaticchio non sembra aver accolto male l'iniziativa del critico emiliano. «Sarà sempre un onore confrontarmi con Lei nella nostra meravigliosa Città d'arte – ha concluso il Sindaco - da Lei stesso amata. Senza rancore».
Non è la prima volta infatti che Sgarbi si occupa della città dell'ulivo. Già nel 2013 il critico aveva visitato il centro storico, attratto anche da un bassorilievo del complesso di Sant'Agostino che aveva attribuito, meravigliandosene, a Stefano da Putignano. In quell'occasione non perse occasione per spendere parole di elogio per la vitalità che aveva incontrato tornando all'ombra del Torrione.
«Noto con piacere – aveva detto Sgarbi – che la città rispetto all'ultima volta in cui ci ho fatto visita è notevolmente migliorata. Belli i locali, la gente che, nonostante sia sabato sera, è in piazza. Il Parco delle Arti, poi, è una geniale iniziativa».

  • Libera
  • Vittorio Sgarbi
Altri contenuti a tema
Beni confiscati alle mafie: riutilizzo pubblico e sociale Beni confiscati alle mafie: riutilizzo pubblico e sociale 7 e 8 aprile il corso di formazione online del CSV San Nicola con Davide Pati, vicepresidente Libera
Bitonto celebra il sacrificio di Anna Rosa Tarantino Bitonto celebra il sacrificio di Anna Rosa Tarantino Nella Giornata Nazionale delle Vittime di mafia il suo nome campeggia sulla facciata del Municipio
Stasera Pupi Avati e Sgarbi a Bitonto per il BiTalk Stasera Pupi Avati e Sgarbi a Bitonto per il BiTalk Al via nel Torrione Angioino anche la Dia de los muertos, il giorno dei morti per celebrare la vita di Yanira Delgado
A Bitonto un B&B gestito da persone fragili negli immobili confiscati alla mafia A Bitonto un B&B gestito da persone fragili negli immobili confiscati alla mafia Il Comune ha vinto un bando da 600mila euro per finanziare i progetti di vita di soggetti disabili o in difficoltà
Vittorio Sgarbi ai microfoni di MolfettaViva Vittorio Sgarbi ai microfoni di MolfettaViva L'intervista al critico d'arte tra le bellezze della città
Michele Abbaticchio nel Nucleo di supporto all’Agenzia nazionale sui beni confiscati alla mafia Michele Abbaticchio nel Nucleo di supporto all’Agenzia nazionale sui beni confiscati alla mafia Il sindaco di Bitonto inserito come vicepresidente nazionale di Avviso Pubblico
«La memoria è verità» «La memoria è verità» Un pensiero di Daniela Marcone. Intanto a Foggia sarà letto anche il nome di Anna Rosa Tarantino
1 Libera: «Basta sottovalutazioni, basta parole. Servono fatti concreti» Libera: «Basta sottovalutazioni, basta parole. Servono fatti concreti» Daniela Marcone, vicepresidente nazionale: «Ora è il momento di essere ancor di più nel posto giusto al momento giusto»
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.