Girolamo Devanna
Girolamo Devanna
Vita di città

Un ricordo oltreoceano: Francis M. Naumann celebra Mino Devanna

L'esperto d'arte: «È stata la persona più generosa che abbia mai conosciuto, la Galleria Nazionale ne è chiara testimonianza»

Arriva da oltreoceano la lettera scritta da Francis M. Naumann, conosciutissimo esperto d'arte americano, per ricordare il suo amico Mino Devanna. Tutta la comunità bitontina ha pianto la scomparsa del suo eroe romantico, in tantissimi hanno scritto messaggi di cordoglio e commozione per la scomparsa del generoso collezionista, ma tra tutti il messaggio più bello giunge dall'altra parte del mondo, da Yorktown Heights, New York.

Si erano conosciuti nell'estate del '73 ad Urbino e da allora erano diventati amici inseparabili per tutta la vita «ero lì per tenere un corso di storia dell'arte per studenti americani, un programma artistico estivo, lui era professore di letteratura Americana all'Università di Urbino. Ci siamo incontrati in piazza, introdotti dal professor Giovanni Azzi, che insegnava italiano alla State University di New York a New Paltz ed è stato direttore del loro programma estivo a Urbino. Pensava che avremmo potuto avere molto in comune, poiché io ero uno storico dell'arte e Mino possedeva una profonda conoscenza dell'arte italiana. Avevamo entrambi vent'anni, ci siamo trovati subito d'accordo e siamo rimasti amici intimi per tutta la vita. Pur vivendo in continenti separati, ci siamo visti il più spesso possibile, un'amicizia che è durata più di 48 anni» ha dichiarato nella lettera inviata affinché fosse pubblicata sui giornali locali «Mino è stata la persona più generosa che abbia mai conosciuto. Non ho mai pranzato con lui in un ristorante dove lui non riusciva a pagare il conto o aveva una sorta di accordo prestabilito con il ristoratore per pagare in anticipo. Anche se ha guadagnato relativamente pochi soldi insegnando, ha comprato e venduto dipinti, il che gli ha permesso di diventare un appassionato collezionista d'arte. Aveva una capacità istintiva di ricordare lo stile di innumerevoli maestri minori del periodo rinascimentale e barocco e, di conseguenza, fece molte scoperte importanti. Non poteva permettersi di conservare i grandi capolavori che trovò, ma nel corso degli anni raccolse un'impressionante collezione di dipinti e disegni. Quando si camminava per casa sua, sia nel suo appartamento a Urbino (poi a Rimini) sia nella casa di famiglia a Bitonto, bisognava stare attenti a non manifestare troppo interesse per una determinata opera d'arte, perché insisteva nel dartelo. Non ha mai visitato la mia casa in America senza portare una sorta di regalo e, di conseguenza, la nostra casa è piena di bei ricordi di Mino ovunque».

Nonostante una famiglia numerosa, nè Mino, nè Rosaria Devanna si sono mai sposati, non hanno avuto figli «il museo rimane la loro eredità duratura, un tributo appropriato e permanente ai mecenati più generosi della città. Era loro fervido desiderio che molte persone visitassero il museo e trovassero i tesori che hanno lasciato coinvolgenti e degni di uno studio più approfondito, e che altri mecenati emergessero in futuro per supportare il museo e le sue attività», la Galleria Nazionale Devanna è la più pubblica testimonianza della sua generosità «era loro fervido desiderio che molte persone visitassero il museo e trovassero i tesori che hanno lasciato coinvolgenti e degni di uno studio più approfondito, e che altri mecenati emergessero in futuro per supportare il museo e le sue attività. In questa veste, Rosaria e Mino Devanna continueranno a vivere come membri che contribuiscono continuamente alla loro amata comunità».
  • Girolamo Devanna
Altri contenuti a tema
Tesoro di Devanna, gli eredi: «Nessuna indagine, nessun sequestro» Tesoro di Devanna, gli eredi: «Nessuna indagine, nessun sequestro» In una nota, gli avvocati Coletti e Somma puntano a «ristabilire la verità dei fatti e riabilitare la figura del professore, grande mecenate e appassionato d'arte»
Il professor Mino e la pinacoteca: «Ha donato un patrimonio» Il professor Mino e la pinacoteca: «Ha donato un patrimonio» I nipoti: «Nostro zio non era un ladro e ha lasciato alla comunità bitontina e non solo opere che valgono miliardi»
Tesoro di Devanna, l'ex sindaco Pice: «Notizia artificiata e distorta» Tesoro di Devanna, l'ex sindaco Pice: «Notizia artificiata e distorta» Per il docente è stato posto in risalto «un comportamento delinquenziale di una persona osannata per il suo mecenatismo»
Tesoro di Devanna: beni dissequestrati. Al via la restituzione ai proprietari Tesoro di Devanna: beni dissequestrati. Al via la restituzione ai proprietari La Procura ha accertato che «una parte dei beni in sequestro in quanto oggetto di furto» era stata compiuta «ad opera di ignoti»
Bitonto è più povera senza Girolamo Devanna. Le FOTO del feretro a Palazzo Gentile Bitonto è più povera senza Girolamo Devanna. Le FOTO del feretro a Palazzo Gentile Cerimonia sobria per dire addio al mecenate che rese ricca la città
L’ex ministro Massimo Bray ricorda Mino Devanna L’ex ministro Massimo Bray ricorda Mino Devanna Un commovente post per commemorare l’ultimo mecenate bitontino
Bitonto piange Girolamo Devanna. Proclamato lutto cittadino Bitonto piange Girolamo Devanna. Proclamato lutto cittadino Alle 19.00 la cerimonia civile di commiato a Palazzo Gentile
Addio a Girolamo Devanna, ultimo grande mecenate di Bitonto Addio a Girolamo Devanna, ultimo grande mecenate di Bitonto Una perdita enorme per la città di Bitonto, che deve a lui e alla sorella Rosaria la Galleria Nazionale omonima
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.